loader

Principale

Scarlattina

ADRIANOL

Adrianol è un farmaco nasale utilizzato come terapia per le malattie dell'apparato respiratorio.

Azione farmacologica di Adrianol

I componenti attivi del farmaco, trimazolina cloridrato e fenilefrina cloridrato, sono sostanze che aumentano il tono dei vasi sanguigni, che, se applicati localmente, riducono il gonfiore della mucosa nasale, che a sua volta normalizza il corso della respirazione nasale e riduce anche la pressione nell'orecchio medio e nei seni paranasali.

Secondo le recensioni, Adrianol impedisce l'essiccazione della mucosa nasale, che spesso accompagna la rinite e la sinusite. A causa della consistenza viscosa del farmaco, la durata dell'azione di Adrianol aumenta più volte.

Modulo per il rilascio

Secondo le istruzioni, Adrianol viene prodotto sotto forma di gocce nasali in flaconi contagocce in plastica da 10 ml in scatole di cartone. 1 ml di gocce nasali Adrianol contiene 1,5 mg di tramazolina cloridrato e 1 mg di fenilefrina cloridrato, nonché sostanze ausiliarie come:

  • Acqua purificata;
  • Ammoniaca acquosa;
  • Sodio idrogeno fosfato diidrato;
  • glicerolo;
  • Borato di fenilmercurio;
  • Acido citrico monoidrato;
  • metilcellulosa;
  • Etanolo 96%.

Inoltre, Adrianol per bambini viene prodotto sotto forma di gocce nasali da 10 ml in flaconi contagocce in plastica. 1 ml di farmaco contiene 500 μg di fenilefrina cloridrato e tramazolina cloridrato, nonché gli stessi eccipienti contenuti nelle gocce nasali di Adrianol destinate ad adulti e bambini più grandi.

Analoghi di Adrianol

Non vengono prodotti medicinali con sostanze attive simili all'Adrianol. I farmaci Vibrocil, Xymelin Extra, Nazik, Orinol Plus, Rinopront e Rinofluimucil sono riferiti agli analoghi del farmaco, simili nel meccanismo d'azione e anche appartenenti allo stesso gruppo farmaceutico..

Indicazioni per l'uso di Adrianol

Secondo le istruzioni, vengono prescritte gocce nasali di Adrianol in caso di sinusite, rinite cronica e acuta. Inoltre, il farmaco viene utilizzato come aiuto decongestionante per le procedure chirurgiche e le procedure diagnostiche..

Modalità di applicazione

Secondo le istruzioni, Adrianol viene usato per via nasale, gettando indietro la testa. Il dosaggio del farmaco dipende dall'età del paziente, quindi per adulti e bambini più grandi sono 1-3 gocce quattro volte al giorno nei seni paranasali.

Per i bambini da uno a cinque anni, viene utilizzato Adrianol per i bambini, due gocce in ciascun passaggio nasale tre volte al giorno, per i bambini - mezz'ora prima dell'alimentazione, una goccia nei seni paranasali. Il periodo massimo di utilizzo del farmaco è di 7 giorni, con una possibile ripetizione della terapia dopo pochi giorni.

Controindicazioni

Secondo le istruzioni, Adrianol è controindicato in caso di ipersensibilità ai componenti del farmaco, glaucoma, feocromocitoma, ipertensione arteriosa, tireotossicosi e rinite atrofica. Inoltre, il farmaco non viene utilizzato per l'aterosclerosi, la malattia coronarica e il danno renale grave..

Effetti collaterali di Adrianol

Secondo le recensioni, Adrianol raramente provoca effetti collaterali sotto forma di secchezza, bruciore o indolenzimento della mucosa nasale.

Interazioni farmacologiche con Adrianol

Secondo le istruzioni, Adrianol non può essere somministrato contemporaneamente ad inibitori della monoamino ossidasi, né per dieci giorni dopo la loro sospensione.

Condizioni di archiviazione

Secondo le istruzioni, è importante conservare Adrianol in un luogo asciutto protetto dalla luce e fuori dalla portata dei bambini, a temperatura ambiente non superiore a 25 ° C. Il farmaco viene dispensato dalle farmacie senza prescrizione medica, la sua durata, soggetta a tutte le raccomandazioni del produttore, è di tre anni, dopodiché Adrianol deve essere smaltito.

Trovato un errore nel testo? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Gocce nel naso Andrianol - istruzioni per l'uso e recensioni

Le gocce nasali di Adrianol sono un vasocostrittore efficace che viene utilizzato per il trattamento di adulti e bambini. La composizione è sviluppata sulla base di due ingredienti attivi. Il farmaco è spesso prescritto per rinite e sinusite. L'effetto terapeutico dopo l'uso di Adrianol arriva rapidamente, gli effetti collaterali sono estremamente rari.

Composizione, forma di medicina

Le gocce nasali di Adrianol sono una soluzione incolore, leggermente viscosa (è consentita una tinta leggermente giallastra) senza un odore pronunciato. La soluzione contiene 2 ingredienti attivi: fenilefrina e trimazolina cloridrato. La loro concentrazione in gocce per bambini e adulti è diversa. 1 ml di gocce per adulti rappresenta 1,5 mg di trimazolina e 1 mg di fenilefrina. 1 ml di gocce per bambini contiene 0,5 mg di ciascun componente. Inoltre, la composizione include:

  • etere di cellulosa e mentolo;
  • borato di fenilmercurio;
  • acido citrico alimentare (E330);
  • glicerolo alcolico ed etanolo;
  • fosfato di sodio.

L'acqua purificata e l'ammoniaca funge da base. Il medicinale è confezionato in flaconi di plastica trasparenti con un contagocce incorporato, 10 ml. Un foglietto illustrativo dettagliato con tutte le caratteristiche del farmaco è allegato al cartone. Nelle farmacie, puoi acquistare Adrianol per adulti o bambini. La differenza principale è la concentrazione di sostanze attive nella soluzione. Adrianol è prodotto da Zdravle JSC, Serbia.

Caratteristiche farmacologiche

Gocce nasali Adrianol è un agente sintetico con un vasocostrittore locale e un effetto decongestionante. L'effetto terapeutico si ottiene grazie al complesso di ingredienti attivi:

  1. Trimazolina è un agonista alfa adrenergico. Quando applicato alle mucose, ha una vasocostrizione rapida, pronunciata e prolungata.
  2. La fenilefrina è un agonista alfa-adrenergico, anti-congestionante. Il composto attivo provoca il restringimento dei vasi sanguigni.

L'effetto vasocostrittore dei principi attivi è sistemico, cioè vengono assorbiti nel flusso sanguigno attraverso la mucosa nasale. Per questo motivo, il farmaco ha alcune gravi controindicazioni per l'uso. Il metabolismo si verifica nel fegato, escreto principalmente dalle feci, in parte dai reni e dalle urine.

Indicazioni e controindicazioni per l'appuntamento

In conformità con le istruzioni per l'uso, le gocce di Adrianol sono prescritte per la rinite e la sinusite. Inoltre, sono adatti per il trattamento di entrambe le forme acute di patologie e di quelle croniche. Spesso il farmaco viene utilizzato nella complessa terapia di esacerbazione della sinusite cronica. L'otite media è un'altra indicazione. Le orecchie sono collegate al rinofaringe dal canale, quindi l'uso di gocce di vasocostrittore aiuta ad alleviare il dolore e l'infiammazione nell'orecchio. Per questo, l'agente viene anche instillato nel naso..

Il farmaco per via nasale Adrianol non deve essere usato in presenza delle seguenti condizioni:

  • sensibilità individuale ai componenti del farmaco;
  • tireotossicosi: aumento persistente del livello degli ormoni tiroidei;
  • glaucoma - aumento persistente della pressione intraoculare;
  • feocromocitoma - un tumore ormonalmente attivo con una localizzazione predominante nel midollo surrenale;
  • cardiopatia ischemica - danno miocardico causato da un disturbo della circolazione coronarica;
  • ipertensione - un persistente aumento della pressione sanguigna;
  • bambini sotto i 7 anni (gocce per adulti), età fino a 3 anni (per gocce per bambini).

Insufficienza renale, diabete mellito, infiammazione cronica della mucosa nasale, aterosclerosi generale sono ulteriori controindicazioni. È consentito l'uso di gocce durante la gravidanza, durante l'allattamento sotto la supervisione di un medico.

Istruzione (metodo, regime di dosaggio)

Le gocce devono essere utilizzate rigorosamente secondo le istruzioni. Il metodo di applicazione e il regime posologico dipendono dall'età della persona:

  • bambini e adulti di età superiore ai 7 anni - 1-3 gocce fino a 4 volte al giorno;
  • bambini da 1 anno a 5 anni - 1-2 gocce fino a 3 volte al giorno.

Se Adrianol per bambini è stato prescritto per bambini di età inferiore a un anno, l'instillazione viene eseguita 30 minuti prima dell'alimentazione, 1 goccia in ciascun passaggio nasale. L'intervallo di applicazione del miele dovrebbe essere di 6 ore. La durata della terapia è determinata dal medico, ma in ogni caso non deve superare i 7 giorni. È consentito riapplicare le gocce dopo una breve pausa.

Possibili conseguenze indesiderate

Un farmaco nasale raramente provoca effetti indesiderati. Alcuni pazienti possono essere infastiditi da secchezza, bruciore, prurito della mucosa nasale.

Il sovradosaggio è possibile solo quando non viene seguito il regime posologico. L'aumento della pressione sanguigna, tachicardia, vertigini, mal di testa, insonnia, nausea sono segni di grave sovradosaggio. Con il loro sviluppo, dovresti consultare uno specialista. Trattamento - sintomatico, volto ad alleviare i sintomi spiacevoli.

Istruzioni speciali, interazione

Per le persone con patologie del sistema cardiovascolare e neonati, il medico curante dovrebbe prescrivere il farmaco. Altre raccomandazioni per l'uso:

  1. L'uso a lungo termine di gocce nasali (più di 20 giorni) può portare a una riduzione del loro effetto antiedema.
  2. Prima di utilizzare le gocce, è necessario risciacquare i passaggi nasali dell'acqua di mare e pulirli dalle croste.
  3. Il trattamento a lungo termine può portare a rinite cronica. Pertanto, l'uso prolungato dovrebbe essere evitato.
  4. Se durante il trattamento compaiono sonnolenza e vertigini, è necessario fare attenzione a lavori potenzialmente pericolosi e guidare un'auto..

Non è raccomandato combinare un farmaco nasale con inibitori della monoamino ossidasi (MAO) e antidepressivi. La ricezione simultanea può provocare un aumento della pressione sanguigna.

Informazioni aggiuntive

Puoi comprare le gocce nasali di Adrianol in qualsiasi farmacia senza presentare una prescrizione di un medico. La durata di conservazione del medicinale è di 3 anni dalla data di produzione dell'azienda farmaceutica. Per conservare le gocce, è necessario un luogo buio e fresco, dove la temperatura non superi i 25 ° C. L'accesso dei bambini ai farmaci è necessariamente limitato. Un medicinale scaduto non è adatto all'uso, deve essere eliminato.

Analoghi

Esistono molti preparati analoghi con la stessa composizione ed effetto terapeutico. Ad esempio, i più popolari sono i seguenti sostituti:

  1. Otrivin è un agente sintomatico che agisce sui recettori alfa. Provoca vasocostrizione, riduce il gonfiore della mucosa nasale e dei seni paranasali.
  2. Nazol Baby è un farmaco che ha attività adrenomimetica. Il medicinale facilita la respirazione nasale, elimina il gonfiore della mucosa nasale, ha un effetto pronunciato di restringimento dei vasi sanguigni.
  3. La nazivina è un farmaco sintetico usato localmente nella pratica ORL per il trattamento delle malattie respiratorie acute che sono accompagnate da rinite.
  4. Sanorin è un rappresentante del gruppo agonista alfa-adrenergico. Contiene un ingrediente attivo chiamato naphazoline.
  5. Tizine è un medicinale per alleviare i sintomi del raffreddore comune. Se applicato localmente, ha un effetto vasocostrittore, che inizia ad agire in pochi minuti. L'effetto dura a lungo.
  6. Vibrocil è un preparato combinato contenente fenilefrina e dimetindene. Usato per trattare varie malattie infiammatorie e allergiche che colpiscono la mucosa nasale.
  7. Aqua Maris è uno spray approvato per il trattamento di donne in gravidanza e neonati.

I medicinali elencati hanno un effetto vasocostrittore, ma hanno il loro elenco di indicazioni, controindicazioni e reazioni avverse. Un analogo deve essere selezionato con cura, tenendo conto delle caratteristiche del farmaco. È meglio affidare la scelta a un terapeuta, un pediatra.

Recensioni

Adrianol è un farmaco con proprietà farmacologiche per restringere i vasi sanguigni a livello locale. È scelto per il trattamento di pazienti di diverse fasce d'età. È prescritto per il trattamento di rinite, sinusite, sinusite (gocce nasali per sinusite e sinusite negli adulti). Il medicinale è disponibile in forma per bambini e adulti. Puoi gocciolarlo ai bambini dalla nascita. Le gocce non devono essere utilizzate per molto tempo, poiché si sviluppa dipendenza, l'effetto terapeutico diminuisce.

Adrianol - gocce vasocostrittore per congestione nasale. Una degna alternativa ai farmaci pubblicizzati...

Farmacodinamica e farmacocinetica

Le sostanze fenilefrina e trimazolina fanno parte di molti vasocostrittori, poiché hanno un effetto decongestionante sulla mucosa nasale. Usando queste gocce nasali, i pazienti notano una diminuzione dell'edema mucoso, una rapida normalizzazione della respirazione nasale e una diminuzione della pressione nei seni paranasali e nell'orecchio medio. A causa della consistenza piuttosto viscosa delle gocce, aumenta la durata dell'efficacia del farmaco.

Adrianol con sinusite

Una delle malattie ORL più comuni è la sinusite, cioè l'infiammazione dei seni mascellari o mascellari. Questo è inizialmente accompagnato da:

  • naso che cola con moccio giallo o verde;
  • congestione nasale;
  • mal di testa;
  • disagio nell'area dei seni colpiti.

Man mano che il processo procede, l'intensità dei sintomi aumenta e le aperture di uscita dai seni si ostruiscono, causando l'accumulo di muco e pus in essi. Ciò provoca una sensazione di pienezza nel naso e forti mal di testa, che si intensificano ulteriormente quando si piega..

È noto che Adrianol aiuta ad eliminare l'edema della mucosa, per il quale è prescritto per la sinusite. L'uso di gocce consente di eliminare la congestione nasale e facilitare la rimozione delle secrezioni accumulate dai seni paranasali, quindi:

  • migliorare le condizioni del paziente;
  • prevenire lo sviluppo di complicanze;
  • preparare i passaggi nasali per altri farmaci o forature.

Tuttavia, Adrianol non è l'unico farmaco vasocostrittore prescritto per la sinusite. Può essere sostituito da qualsiasi altro farmaco con le stesse proprietà..

Analoghi Adrianol

Oggi ci sono molte medicine, sia spray che gocce, a base di fenilefrina e tramazolina, ma solo in Adrianol sono contenute insieme. Pertanto, non esistono analoghi completi del farmaco; tuttavia, ci sono molti farmaci con fenilefrina INN. It:

  • Vibrocil;
  • Milt;
  • Eden Reno;
  • Nazol Kids;
  • Allergomax, ecc..

Adrianol o Vibrocil

Entrambi i farmaci contengono una forte fenilefrina simpaticomimetica, ma a differenza di Adrianol, Vibrocil contiene anche un antagonista del recettore H1 - dimetindene. Grazie a questo, il risultato dopo aver usato Vibrocil arriva molto rapidamente e dura a lungo..

Inoltre, una tale combinazione di ingredienti attivi fornisce un effetto antiallergico del farmaco. Pertanto, è efficace contro la rinite allergica, ma nel trattamento della sinusite, questo non è essenziale. Pertanto, entrambi i farmaci possono essere utilizzati con uguale efficacia..

Controindicazioni per l'uso

Le gocce di Adrianol non sono raccomandate per:

  • maggiore sensibilità;
  • tireotossicosi;
  • feocromocitoma;
  • glaucoma;
  • grave danno renale;
  • ipertensione arteriosa;
  • cardiopatia ischemica;
  • rinite atrofica;
  • aterosclerosi generale;
  • bambini di età inferiore ai 7 anni.

Si deve prestare attenzione quando si trattano gocce di pazienti con disturbi al fegato e al cervello, epilessia, alcolismo, bambini di 7 anni e donne in allattamento e gravidanza, poiché la soluzione contiene etanolo.

descrizione generale

Nella stagione fredda, la maggior parte delle persone si trova ad affrontare un fenomeno patologico così spiacevole come un naso che cola. La secrezione mucosa, prodotta intensamente dalla membrana della cavità nasale, è una reazione protettiva del corpo. Aiuta a liberare la cavità nasale da microrganismi dannosi, ma allo stesso tempo interferisce con la normale respirazione. Come alleviare la condizione?

Gli esperti raccomandano di iniziare il trattamento della rinite quando vengono rilevati i primi sintomi. Le gocce di vasocostrittore aiuteranno a facilitare la respirazione nasale. Le aziende farmaceutiche offrono un numero enorme di tali farmaci. Questa categoria di fondi comprende le gocce "Adrianol". L'istruzione li posiziona come un modo piuttosto efficace per sbarazzarsi della congestione nasale sullo sfondo di un naso che cola..

Il farmaco è prodotto da un'azienda chimica e farmaceutica serba. Il farmaco è anche prodotto con il marchio "Actavis" (Islanda). Il costo medio delle gocce di vasocostrittore è di 155-175 rubli.

Effetti collaterali

Quando si utilizza Adrianol, si possono sviluppare effetti indesiderati sotto forma di: bruciore, sensazioni dolorose, secchezza e gonfiore della mucosa nasale, secrezione abbondante, nausea, vertigini, mal di testa, disturbi del gusto, tachicardia, aumento della pressione sanguigna, reazioni allergiche. L'uso a lungo termine porta spesso allo sviluppo di rinite ricorrente, congestione nasale, atrofia della mucosa nasale.

Quando viene prescritto "Adrianol"?

L'istruzione raccomanda l'uso di un rimedio nasale per la rinite di varie eziologie e sinusiti. Le gocce sono in grado di far fronte anche ai sintomi di una rinite allergica. Il sollievo "Adrianol" porterà i pazienti affetti da malattia virale respiratoria acuta. Con una rinite cronica, le gocce possono essere utilizzate solo per un breve periodo..

Tra le indicazioni per l'appuntamento indicate nelle istruzioni per l'uso di "Adrianol", ci sono patologie come sinusite frontale, etmoidite, sinusite. Le gocce possono essere utilizzate prima delle procedure diagnostiche per gli organi ENT.

Istruzione per l'applicazione di Adrianol (Strada e dosaggio)

Istruzioni per le gocce Adrianol raccomanda che pazienti adulti e bambini dai 7 anni instillino 1-3 gocce nei passaggi nasali 4 volte al giorno..

La durata dell'uso del farmaco non dovrebbe essere più lunga di una settimana, dopo di che è necessario fare una pausa per diversi giorni.

È stato anche scoperto che l'uso a lungo termine di gocce può ridurre la gravità dell'azione vasocostrittore, quindi, anche nel trattamento delle malattie croniche, il loro uso prolungato non è consentito.

Azione farmacologica di Adrianol

Questo articolo fornisce informazioni su un farmaco chiamato Adrianol.

Sarai in grado di scoprire in quali casi viene utilizzato l'agente, il suo dosaggio e le controindicazioni. Inoltre alla fine dell'articolo puoi leggere le recensioni dei pazienti che hanno usato questo farmaco..

Adrianol è un vasocostrittore sintetico che riduce il gonfiore della mucosa nasale attraverso la vasocostrizione. A causa della riduzione dell'edema, la respirazione nasale si normalizza, la pressione nei seni nasali e nell'orecchio medio diminuisce. A causa della sua consistenza viscosa, Adrianol ha un effetto prolungato sulla mucosa nasale.

  • con rinite acuta o cronica;
  • con sinusite;
  • come farmaco decongestionante aggiuntivo per studi diagnostici e interventi chirurgici su organi laringotorinologici.

Il prodotto è disponibile sotto forma di gocce nasali in un flacone contagocce in polietilene con un volume di 10 millilitri con tappo a vite.

Il farmaco può essere utilizzato da adulti e bambini.

1 ml di gocce per adulti contiene 1,5 mg di trimazolina cloridrato e 1 mg di fenilefrina. 1 millilitro di Adrianol contiene 500 microgrammi di trimazolina cloridrato e fenilefrina cloridrato.

I flaconcini con contagocce di Adrianol hanno un volume di 10 millilitri contenente una soluzione incolore, leggermente giallastra.

Il farmaco sotto forma di gocce nasali per adulti deve essere instillato nei pazienti adulti, nonché nei bambini di età superiore ai 5 anni, 1-3 gocce in ciascuna narice 4 volte al giorno.

Il farmaco sotto forma di gocce nasali per bambini deve essere instillato nei bambini nella fascia di età da 1 a 5 anni, 2 gocce in ciascuna narice 3 volte al giorno. Per i bambini di età inferiore a un anno, al farmaco viene prescritta 1 goccia in ciascuna narice mezz'ora prima dell'alimentazione..

La durata dell'uso di Adrianol non è superiore a 7 giorni di uso continuo, dopo di che è necessario interrompere l'assunzione del farmaco per un paio di giorni. In caso di uso prolungato del farmaco, il paziente può sviluppare dipendenza da esso, seguito dalla comparsa di rinite atrofica.

Non sono state identificate interazioni significative con altri farmaci, tuttavia non è raccomandato l'uso di Adrianol in associazione con inibitori MAO e antidepressivi, nonché per 10 giorni dopo la fine della loro assunzione (ciò aumenta i rischi di ipertensione arteriosa).

Quando si utilizza Adrianol, possono apparire alcune reazioni locali del corpo, in particolare: una sensazione di bruciore nella cavità nasale, sensazioni dolorose e aumento della secchezza della mucosa. Se si verificano tali effetti collaterali, non è necessario annullare il rimedio.

Inoltre, Adrianol può provocare reazioni del corpo come aumento della pressione sanguigna e aumento della frequenza cardiaca, secrezione nasale abbondante, vertigini, mal di testa, disturbi della sensibilità del gusto, una serie di reazioni allergiche.

In caso di uso prolungato, possono svilupparsi congestione nasale permanente, rinite, atrofia della mucosa nasale.

In caso di sovradosaggio di Adrianol, possono verificarsi le seguenti manifestazioni: vertigini, affaticamento, nausea, mancanza di sonno, ipertensione, shock, febbre, tachicardia, bradicardia riflessa.

Controindicazioni

Secondo le istruzioni, questo farmaco non deve essere usato in questi casi:

  • con gravi patologie renali;
  • in caso di maggiore sensibilità individuale agli ingredienti del farmaco;
  • con feocromocitoma;
  • in caso di cardiopatia ischemica;
  • con glaucoma;
  • in caso di aterosclerosi;
  • con ipertensione arteriosa;
  • con tireotossicosi;
  • con tipo atrofico di rinite.

Poiché Adrianol contiene etanolo, è necessario utilizzare l'agente con estrema cautela nei pazienti con patologie cerebrali, epatiche, epilessiche e alcoliche.

Al momento, non ci sono abbastanza informazioni sulla sicurezza e l'efficacia dell'uso di questo farmaco durante la gravidanza, nonché durante il periodo di allattamento. Sulla base di questo, è possibile utilizzare il rimedio in tali casi solo con il permesso del medico curante..

Adrianol deve essere conservato in un luogo protetto dalla luce e dall'umidità a una temperatura non superiore a 25 gradi. Tenere il farmaco fuori dalla portata dei bambini!

La durata di conservazione del farmaco è di tre anni, disponibile senza prescrizione medica. Non utilizzare il prodotto dopo la data di scadenza.

Il costo del farmaco

Il costo di Adrianol nelle farmacie russe può variare da 136 rubli a 150 rubli per un flacone da 10 ml del farmaco.

In media, il prezzo di questo farmaco in Ucraina parte da 105 grivna e può raggiungere 170 grivna ucraine per bottiglia da 10 millilitri.

Recensioni

Diverse recensioni che abbiamo raccolto da Internet.

San Valentino 32 anni.

Ho usato questo rimedio come prescritto da un medico come farmaco ausiliario (ho la rinite cronica). Posso dire con certezza che esiste un risultato da questo rimedio ed è abbastanza buono, l'unico inconveniente è la dipendenza dal farmaco, non può essere usato per molto tempo.

Di solito, uso il solito farmaco "Nazivin", ma questa volta non era disponibile e il farmacista mi ha consigliato di acquistare Adrianol. Prima dell'uso, come al solito, ho studiato le istruzioni per il prodotto e sono stato allarmato dal fatto che contiene fenirtuty borate.

Sebbene abbia un dosaggio accettabile e sembri innocuo, con un così ricco assortimento di fondi che le farmacie offrono oggi, vale la pena usare un prodotto con conservanti al mercurio?

Abbastanza spesso mi imbatto nel problema del raffreddore, quindi le gocce nasali sono sempre rilevanti per me. Ho provato molti farmaci diversi, ma nulla ha funzionato: o l'azione del farmaco è stata sufficiente per un paio d'ore o ho avuto alcuni degli effetti collaterali. Al prossimo acquisto del farmaco, il farmacista mi ha consigliato di acquistare Adrianol.

L'ho provato ed è stato molto contento, in primo luogo, il farmaco non è costoso, in secondo luogo, mi aiuta davvero e, soprattutto, non ho effetti collaterali da esso. Consiglio vivamente questo rimedio a tutti.!

In primavera e in inverno, soffro spesso del problema del raffreddore, che è provocato dalla sinusite cronica. Sono andato da diversi medici, ognuno di loro ha consigliato diversi farmaci.

Il farmaco ha un effetto vasocostrittore, oltre a questo effetto, ha un effetto decongestionante, analgesico, ammorbidente. È praticato per le malattie ORL. Adrianol agisce sui recettori della mucosa nasale. Nel processo, le navi si restringono, la congestione e il gonfiore diminuiscono. Appare una respirazione più facile.

Il tono della parete vascolare migliora a causa di ciò, un lume appare nella cavità nasale. Inoltre, viene attivato un meccanismo per stimolare i recettori adrenergici (alfa e beta). La produzione di noradrenalina aumenta. L'effetto decongestionante del farmaco è di ridurre l'afflusso di sangue all'epitelio. Riduce i sintomi dell'edema.

L'effetto analgesico si verifica a causa di una diminuzione del gonfiore e dell'afflusso di sangue alla mucosa nasale. Il dolore nei seni viene fermato. La pressione sull'orecchio medio diminuisce, che è la prevenzione delle complicanze dell'infiammazione dell'orecchio interno. L'effetto ammorbidente si verifica a causa della consistenza spessa che protegge la mucosa dalla secchezza.

Dopo la penetrazione nella cavità nasale, il farmaco viene assorbito dai vasi sanguigni. La medicina funziona localmente. La biodisponibilità è buona. La concentrazione massima si verifica entro due minuti. Una piccola quantità entra nella circolazione sistemica, dove subisce processi metabolici. Dopo la trasformazione, l'agente viene escreto dal corpo attraverso il sistema digestivo escretore.

I componenti attivi del farmaco, trimazolina cloridrato e fenilefrina cloridrato, sono sostanze che aumentano il tono dei vasi sanguigni, che, se applicati localmente, riducono il gonfiore della mucosa nasale, che a sua volta normalizza il corso della respirazione nasale e riduce anche la pressione nell'orecchio medio e nei seni paranasali.

Secondo le recensioni, Adrianol impedisce l'essiccazione della mucosa nasale, che spesso accompagna la rinite e la sinusite. A causa della consistenza viscosa del farmaco, la durata dell'azione di Adrianol aumenta più volte.

Analoghi

Corrispondente al livello ATX 4:
Xymelin Extra

I farmaci hanno un effetto simile: Vibrocil, Sinuforte, Euphorbium Compositum e Otrivin.

Applicazione in pediatria

La rinite nei bambini di età diverse è molto più comune che negli adulti. I bambini con sistema immunitario debole sono particolarmente colpiti. Dopotutto, la cavità nasale viene costantemente attaccata da agenti patogeni presenti nell'ambiente. Per i più piccoli, questo sintomo porta il più grande disagio. A causa della mancanza di normale respirazione attraverso il naso, il bambino avvertirà mal di testa, debolezza, brividi.

Si raccomanda di trattare un naso che cola nei bambini in modo completo e non solo dirigere tutti gli sforzi per eliminare il sintomo stesso. Per fare questo, dovresti inizialmente stabilire la causa dello sviluppo del fenomeno patologico. Le gocce per bambini "Adrianol" aiuteranno ad alleviare la congestione nasale. L'istruzione ti consente di usarli per il trattamento sintomatico dei bambini di un anno di età. La durata di tale terapia è determinata solo da uno specialista. Tuttavia, va ricordato che non è raccomandato l'uso di farmaci vasocostrittori per più di 7 giorni..

La "versione" adulta del farmaco può essere utilizzata nella pratica pediatrica solo quando il bambino ha 7 anni. Il dosaggio è selezionato esclusivamente dal medico.

Recensioni su Adrianol

Nella maggior parte dei casi, le recensioni sulle gocce nasali si trovano nelle discussioni sui siti Web delle farmacie e nei forum delle donne. Allo stesso tempo, gli utenti dicono in quali casi hanno iniziato a usare Adrianol. Molte persone gocciolano questo medicinale per rinite o sinusite complicata, accompagnata non solo da congestione nasale, ma anche da abbondante secrezione nasale..

Di solito, il miglioramento si nota dopo 3-4 giorni dall'inizio del trattamento, ma allo stesso tempo i pazienti si lavano il naso con decotto di camomilla o soluzioni saline, che si preparano o acquistano in farmacia, ad esempio Aqua Maris.

Nonostante il fatto che molti utenti utilizzino questo farmaco senza prescrizione medica, non sono stati segnalati effetti collaterali. Inoltre, le persone spesso notano che l'uso delle gocce per 5-6 giorni è stato sufficiente per alleviare i sintomi indesiderati..

Controindicazioni e reazioni avverse

L'uso del farmaco non è indicato per:

  • glaucoma;
  • pheochromocytosis;
  • tireotossicosi;
  • ipertensione;
  • Cardiopatia ischemica;
  • aterosclerosi;
  • grave malattia renale;
  • rinite atrofica.

Naturalmente, l'uso di un farmaco è controindicato se in passato una persona ha avuto una reazione allergica a qualsiasi sostanza ausiliaria o attiva del farmaco Fonte: nasmorkam.net

A volte dopo la somministrazione di Adrianol, i pazienti notano l'insorgenza nel naso:

Lo sviluppo di questi sintomi non è un motivo per l'interruzione immediata del farmaco, anche se se il disagio aumenta, è necessario sostituirlo con un altro. In tali casi, è necessario ricontrollare il corretto dosaggio del farmaco secondo le istruzioni, poiché un sovradosaggio diventa spesso la causa degli effetti collaterali. In tali situazioni, oltre al disagio al naso, c'è:

  • aumento della pressione sanguigna;
  • debolezza;
  • vertigini;
  • insonnia;
  • nausea;
  • aumento della temperatura;
  • tachicardia o bradicardia.

Interazione con altri farmaci

Le gocce nasali a base di tramazolina e fenilefrina non possono essere utilizzate se altre malattie vengono trattate con inibitori MAO e antidepressivi. Ciò è dovuto al fatto che l'assunzione congiunta di sostanze di questo tipo aumenta il rischio di sviluppare ipertensione arteriosa..

Inoltre, non dovresti iniziare a trattare il raffreddore comune con Adrianol entro 10 giorni dalla fine dell'uso degli inibitori MAO (Betol, Selegelin, Pyrazidol, ecc.).

Forma e composizione del rilascio

Adrianol è disponibile sotto forma di gocce per adulti e bambini. Il contenuto di sostanze attive - fenilefrina cloridrato e tramazolina cloridrato - differisce in esse.

Le gocce nasali di Adrianol per l'uso negli adulti contengono 1 mg di fenilefrina cloridrato e 1,5 mg di tramazolina cloridrato in 1 ml. Inoltre, alla soluzione sono stati aggiunti componenti ausiliari: fenilmercurio borato bivalente, metilcellulosa M.N.V. 10000, acqua purificata, acido citrico monoidrato, ammoniaca acquosa, etanolo 96%, sodio idrogeno fosfato diidrato, glicerolo. Le gocce sono confezionate in flaconi contagocce da 10 ml. Le fiale si trovano in scatole di cartone.

La versione per bambini di Adrianol scende in 1 ml di soluzione contiene 500 μg di fenilefrina cloridrato e 500 μg di tramazolina cloridrato. Le sostanze e gli imballaggi aggiuntivi sono gli stessi delle gocce destinate agli adulti.

Condizioni di archiviazione

Conservare in luogo asciutto e buio a una temperatura non superiore a 25 ° С.

Tenere fuori dalla portata dei bambini!

Adrianol ha condizioni speciali di conservazione: collocare in un luogo asciutto e caldo, la temperatura è di venticinque gradi. I bambini dovrebbero seppellire le gocce solo a temperatura ambiente. Proteggere la bottiglia dalla luce solare. Tenere il kit di pronto soccorso con medicinali fuori dalla portata dei bambini. La durata di conservazione è di tre anni, dopodiché deve essere smaltita.

Secondo le istruzioni, è importante conservare Adrianol in un luogo asciutto protetto dalla luce e fuori dalla portata dei bambini, a temperatura ambiente non superiore a 25 ° C. Il farmaco viene dispensato dalle farmacie senza prescrizione medica, la sua durata, soggetta a tutte le raccomandazioni del produttore, è di tre anni, dopodiché Adrianol deve essere smaltito.

istruzioni speciali

Non deve essere usato contemporaneamente agli inibitori MAO ed entro 10 giorni dalla fine del loro utilizzo. Con l'uso prolungato, la gravità dell'effetto vasocostrittore diminuisce gradualmente (il fenomeno della tachifilassi), quindi non dovrebbe essere usato a lungo, ad esempio nella rinite cronica.

Accuratamente

A causa del contenuto di etanolo nella composizione del farmaco, è necessario prestare attenzione quando lo si prescrive ai pazienti: con malattie del fegato, cervello, alcolismo, epilessia, ma anche bambini, donne in gravidanza e durante l'allattamento.

Adrianol gocce: istruzioni per l'uso

Forma di dosaggio

Gocce nasali per bambini 0,5 mg / ml + 0,5 mg / ml, 10 ml

Composizione

1 ml di soluzione contiene

principi attivi: fenilefrina cloridrato 0,5 mg

lerimazolina cloridrato 0,5 mg,

eccipienti: benzalconio cloruro, acido citrico monoidrato, metilcellulosa, sodio idrogeno fosfato diidrato, glicerina anidra, acqua depurata

Descrizione

Liquido trasparente, da incolore a giallo chiaro con un leggero odore

Gruppo farmacoterapico

Preparazioni nasali Anticongestionanti e altri preparati nasali topici. Simpaticomimetici in combinazione con altri farmaci (esclusi i glucocorticosteroidi). Fenilefrina in combinazione con altri farmaci

Codice ATX R01AB01

Proprietà farmacologiche

farmacocinetica

Se applicati localmente, la fenilefrina e la lerimazolina non vengono praticamente assorbite, quindi la loro concentrazione nel plasma sanguigno è molto bassa, ma possono comunque interagire con altri farmaci nella circolazione sistemica.

La fenilefrina viene assorbita in modo non uniforme dal tratto gastrointestinale, quindi viene immediatamente metabolizzata nell'intestino e nel fegato dall'enzima monoamina ossidasi (MAO). La biodisponibilità della fenilefrina è bassa, circa il 40%. Il volume di distribuzione è di 200-500 litri. Legame proteico non stabilito.

La fenilefrina viene metabolizzata in tutti i tessuti, principalmente nell'intestino e nel fegato. Il metabolismo è esteso alla formazione di solfati e metaboliti glucuroidi, che vengono poi escreti attraverso i reni. I metaboliti non hanno attività farmacologica, la loro emivita è di 2-3 ore.

farmacodinamica

Adrianol® appartiene al gruppo di agenti vasocostrittori locali (anti-congestione). È costituito da due principi attivi: la fenilefrina appartiene al gruppo delle fenilamine, la lerimazolina è un derivato dell'imidazolina.

La fenilefrina è un agonista dei recettori a1-adrenergici, mentre la lerimazolina è un agonista dei recettori a1 e a2-adrenergici localizzati nella muscolatura liscia dei vasi sanguigni. La stimolazione locale di questi recettori nei vasi sanguigni della mucosa nasale provoca vasocostrizione e allevia il gonfiore, che facilita la respirazione nasale, aiuta a svuotare i seni nasali ed equalizza la pressione nel rinofaringe e nell'orecchio medio attraverso la tromba di Eustachio. La fenilefrina, applicata localmente sulla mucosa nasale e sulla mucosa oculare, agisce riducendo gonfiore e arrossamento. Dopo l'interruzione della terapia, esiste il rischio di sviluppare una vasodilatazione di rimbalzo della mucosa nasale.

La somministrazione sistemica di fenilefrina porta ad un aumento della resistenza vascolare periferica totale e della pressione sanguigna a causa della stimolazione dei recettori A nelle arteriole, nelle vene e nei polmoni. L'effetto della vasocostrizione è debole ma più duraturo dell'effetto di adrenalina e noradrenalina. Un forte aumento della pressione sanguigna porta all'attivazione dei barorecettori nell'arco aortico e alla ramificazione carotidea e il dominio del nervo vago nel cuore si manifesta sotto forma di bradicardia. In rari casi, la tachicardia può verificarsi a seguito di un effetto simpaticomimetico indiretto e di un effetto agonistico sui recettori b-adrenergici.

indicazioni

- rinite infettiva e allergica, sinusite

- procedure diagnostiche e procedure chirurgiche (come

Adrianol

Istruzioni per l'uso:

Adrianol è un farmaco vasocostrittore sintetico destinato all'uso topico nel trattamento della rinite e della sinusite..

Forma e composizione del rilascio

Adrianol è disponibile sotto forma di gocce per adulti e bambini. Il contenuto di sostanze attive - fenilefrina cloridrato e tramazolina cloridrato - differisce in esse.

Le gocce nasali di Adrianol per l'uso negli adulti contengono 1 mg di fenilefrina cloridrato e 1,5 mg di tramazolina cloridrato in 1 ml. Inoltre, alla soluzione sono stati aggiunti componenti ausiliari: fenilmercurio borato bivalente, metilcellulosa M.N.V. 10000, acqua purificata, acido citrico monoidrato, ammoniaca acquosa, etanolo 96%, sodio idrogeno fosfato diidrato, glicerolo. Le gocce sono confezionate in flaconi contagocce da 10 ml. Le fiale si trovano in scatole di cartone.

La versione per bambini di Adrianol scende in 1 ml di soluzione contiene 500 μg di fenilefrina cloridrato e 500 μg di tramazolina cloridrato. Le sostanze e gli imballaggi aggiuntivi sono gli stessi delle gocce destinate agli adulti.

Indicazioni per l'uso di Adrianol

Nelle istruzioni per Adrianol, la rinite e la sinusite negli stadi acuti sono indicate come indicazioni principali. Il farmaco può anche essere usato come decongestionante aggiunto durante interventi chirurgici e procedure diagnostiche.

Controindicazioni

L'uso di Adrianol non è raccomandato in presenza delle malattie descritte di seguito:

  • Con tireotossicosi;
  • In caso di ipersensibilità a uno o più dei componenti di Adrianol;
  • Con glaucoma;
  • Con feocromocitoma;
  • Con ipertensione arteriosa;
  • Con grave danno renale;
  • Con aterosclerosi;
  • Con rinite atrofica;
  • Con cardiopatia ischemica.

Metodo di applicazione e dosaggio di Adrianol

Le gocce nasali di Adrianol per adulti devono essere instillate in adulti e bambini di età superiore ai 5 anni, fino a 4 volte al giorno, 1, 2 o 3 gocce in ciascuna narice.

Le gocce nasali di Adrianol per i bambini sono utilizzate nei bambini di età inferiore ai 5 anni. Il medicinale può essere usato dalla nascita. In questo caso, i bambini di età inferiore a 5 anni, ma di età superiore a un anno, devono instillare 2 gocce di medicinale fino a 3 volte al giorno. Per i bambini fino a un anno di età, il farmaco viene instillato una goccia in ciascuna narice mezz'ora prima dell'alimentazione..

Effetti collaterali di Adrianol

Le reazioni avverse indotte da Adrianol sono rare. Tuttavia, prima di avviare l'applicazione, è necessario acquisire familiarità con l'elenco dei possibili effetti collaterali. Secondo le istruzioni per Adrianol, questi includono: secchezza della mucosa nasale, dolore, sensazione di bruciore. Vanno via da soli e non richiedono l'interruzione del trattamento farmacologico.

istruzioni speciali

L'uso a lungo termine di Adrianol (più di 3 settimane) è irto di una diminuzione della gravità e della durata della sua azione decongestionante.

Adrianol non è raccomandato per la grave malattia renale.

Le donne in gravidanza e in allattamento non dovrebbero assumere il farmaco, perché non ci sono prove della sua sicurezza durante la gravidanza e l'allattamento.

Analoghi di Adrianol

Non ci sono dati su farmaci simili in modo d'azione e composizione ad Adrianol.

Termini e condizioni di conservazione

La durata di conservazione delle gocce di Adrianol non deve superare i 3 anni dalla data di rilascio. È necessario conservare il farmaco a una temperatura non superiore al segno di 25 gradi, in un luogo buio, protetto dalla penetrazione dell'umidità.

Trovato un errore nel testo? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Adrianol gocce nasali per bambini: indicazioni e istruzioni

Adrianol - gocce nasali per bambini con effetto vasocostrittore. Quando un bambino ha il naso chiuso, gli è difficile dormire a sufficienza, parlare normalmente, correre e giocare. A volte i bambini perdono l'appetito a causa di un naso che cola. Adrianol aiuta ad affrontare il problema in modo rapido ed efficace.

Forma e ingredienti attivi

Il prodotto farmaceutico è disponibile sotto forma di gocce. La soluzione chiara è confezionata in bottiglie di plastica con un distributore.

I principi attivi del farmaco sono fenilefrina e trimazolina. A seconda del loro volume in soluzione, ci sono:

Tipo di farmacoEtàConcentrazione
fenilefrinaTrimazolin
Bambino0-7 anni0,5 mg0,5 mg
Adulto8 anni e più1 mg1,5 mg

Puoi effettivamente acquistare il prodotto in qualsiasi farmacia senza prescrizione medica. In media, un farmaco può essere acquistato ad un prezzo di 130 rubli. È consentito conservare il medicinale per non più di tre anni in un luogo lontano dalla luce solare, fuori dalla portata dei bambini, a temperatura ambiente.

Effetti e indicazioni terapeutiche

I principi attivi del farmaco sono classificati come agonisti adrenergici. Agiscono sui recettori della mucosa, restringendo i vasi sanguigni e alleviando il gonfiore.

Grazie a questa azione del farmaco:

  • La congestione nasale scompare;
  • L'edema si attenua;
  • Il processo infiammatorio è inibito;
  • La respirazione del naso migliora.

Varie forme di raffreddore comune sono le indicazioni più comuni per l'uso di questo prodotto farmaceutico nasale. Aiuta con la rinite sia cronica che acuta. A causa della rimozione del gonfiore e del ripristino della respirazione nasale, la qualità della vita del bambino malato migliora notevolmente.

Inoltre, l'otorinolaringoiatra può raccomandare "Adrianol" per le seguenti indicazioni:

  • Forma acuta di infiammazione dei seni mascellari. Con la sinusite cronica, il farmaco allevia anche la congestione nasale..
  • Infiammazione dell'orecchio medio. Con l'otite media si verificano dolore intenso e gonfiore. Poiché il rinofaringe è collegato a questa sezione da un canale speciale, le gocce aiutano ad alleviare la pressione e il dolore eccessivi e rallentano l'infiammazione. Seppelliscili nelle narici.
  • La necessità di un esame da un otorinolaringoiatra. Se il gonfiore è minimo, è più facile eseguire la diagnostica strumentale e identificare la malattia.

Le gocce vengono utilizzate dai medici prima e durante la chirurgia otorinolaringoiatrica. Questa può essere la rimozione delle adenoidi, il raddrizzamento del setto nasale deviato. Il farmaco fornisce un effetto vasocostrittore che impedisce un'eccessiva emorragia durante l'intervento chirurgico.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Il vasocostrittore farmaceutico non è raccomandato per l'uso nelle seguenti malattie:

  • Ipertensione;
  • Glaucoma;
  • tireotossicosi;
  • Feocromocitoma;
  • Gravi patologie renali;
  • Rinite atrofica.

La controindicazione è anche un'eccessiva sensibilità alle sostanze attive..

Non prescrivere un farmaco a donne in gravidanza e in allattamento, poiché non sono stati condotti studi sull'effetto dei componenti attivi del farmaco sul feto o sul bambino. Vi è il rischio di impatto negativo. In alcuni casi, con la rinite grave delle donne in gravidanza, i medici consentono l'uso di Adrianol nel terzo trimestre.

Le linee guida per l'uso di un prodotto farmaceutico avvertono di possibili effetti collaterali. Se usato in modo errato o ipersensibilità, è possibile:

  • Sensazione di secchezza, bruciore e prurito;
  • Gonfiore della mucosa;
  • Scarico profuso;
  • Mal di testa;
  • Reazioni allergiche;
  • Perdita di sensibilità gustativa;
  • Aumento della pressione;
  • Diminuzione della frequenza cardiaca;
  • Debolezza generale, nausea.

Un sovradosaggio può causare sensazioni simili. E a dosi estremamente elevate, il farmaco provoca shock anafilattico e un aumento della temperatura. Se un bambino ha sintomi simili, è necessario chiamare urgentemente un'ambulanza.

L'uso a lungo termine del prodotto farmaceutico porta alla dipendenza e persino a una maggiore congestione nasale, allo sviluppo della rinite cronica. Con un uso troppo lungo o errato, possono verificarsi fenomeni atrofici della mucosa nasale.

Istruzioni per l'uso e il dosaggio

I medici consigliano di usare le gocce con cautela nei bambini di età inferiore ai tre anni. Considera come utilizzare correttamente il prodotto farmaceutico secondo le istruzioni:

Età (anni) 0-1

  • Il numero di goccioline in ciascuna narice è una volta: una;
  • Frequenza di applicazione al giorno: quattro;
  • Intervallo di instillazione (in ore): sei;
  • Corso terapeutico: fino a 10 giorni.

Età (anni) 2-7

  • Il numero di goccioline in ciascuna narice è di una volta: due;
  • Frequenza di applicazione al giorno: tre;
  • Intervallo di instillazione (in ore): otto;
  • Corso terapeutico: fino a 20 giorni.

Età (anni) 8 e più vecchi

  • Il numero di goccioline in ciascuna narice è di una volta: due;
  • Frequenza di applicazione al giorno: due (mattina e sera);
  • Intervallo di instillazione (in ore): circa dodici;
  • Corso terapeutico: fino a 20 giorni.

Gli scolari usano le gocce di Adrianol per gli adulti. Non dovresti usare un prodotto farmaceutico nasale per un periodo superiore ai periodi indicati: può creare dipendenza e l'effetto terapeutico diminuisce.

Interazione con altri farmaci e analoghi

Adrianol non deve essere usato in associazione con inibitori della monoamino ossidasi. Queste sono sostanze vegetali e sintetiche utilizzate in psichiatria. In combinazione con loro, le gocce di vasocostrittore possono portare a un aumento della pressione: è necessario attendere 10 giorni dopo l'uso di farmaci a base di inibitori. Inoltre, il rischio di ipertensione aumenta con l'uso di Adrianol contemporaneamente agli antidepressivi..

Puoi sostituire Adrianol con medicinali del gruppo di agonisti adrenergici, che hanno anche un effetto vasocostrittore:

Per alleviare l'infiammazione con un raffreddore, è possibile utilizzare prodotti farmaceutici a base di acqua di mare - "Aqua Maris" o "Marimer".

Feedback dei genitori

La maggior parte delle recensioni online del prodotto farmaceutico sono positive. I genitori notano che Adrianol fa bene a sbarazzarsi della congestione nasale nei bambini. Il disagio scompare quasi immediatamente dopo l'instillazione. Le briciole hanno un appetito, l'attività motoria e l'allegria ritornano ad essa. Se il farmaco viene assunto prima di coricarsi, il bambino smette di russare e respira attraverso il naso..

In generale, sono sufficienti cinque giorni di assunzione del farmaco per eliminare completamente i sintomi della rinite acuta..

I vantaggi dei prodotti farmaceutici includono il suo prezzo basso. E degli svantaggi, notano un contagocce non molto conveniente e una dipendenza dal farmaco con un uso prolungato.

Poiché Adrianol ha ancora controindicazioni ed effetti collaterali, nonostante il congedo da banco, prima di acquistare il farmaco, è comunque necessario consultare il proprio medico.