loader

Principale

Scarlattina

Adrianol per il naso: istruzioni per l'uso e una descrizione completa

Adrianol - gocce nasali vasocostrittore destinate all'uso topico. Al cuore del prodotto: fenilefrina cloridrato e trimazolina cloridrato. Queste sostanze hanno un effetto decongestionante e restringono anche il lume dei vasi sanguigni situati nella cavità nasale..

Molti pazienti ritengono che sia possibile curare le malattie ORL con l'aiuto di alcuni farmaci locali. Ma questo è un errore: i farmaci vasocostrittori rimuovono i segni della malattia solo per un po ', normalizzando la respirazione nasale e il sonno. Non lavorano sulle cause della congestione nasale, naso che cola e aumento della secrezione di muco. Pertanto, per il trattamento di sinusite, rinite, allergie, è necessario utilizzare altri farmaci e non solo gocce nasali locali..

Adrianol: istruzioni per l'uso

I principi attivi dell'agente aumentano il tono dei piccoli capillari e dei vasi sanguigni, il che porta a una diminuzione del gonfiore della mucosa nasale, al ripristino della normale respirazione attraverso il naso e ad una diminuzione della pressione nei seni e nell'orecchio medio. Il feedback dei pazienti che usano Adrianol per il trattamento delle malattie ORL indica che questo rimedio combatte efficacemente contro i segni di rinite, inclusi allergia, sinusite, con sintomi di infezioni respiratorie acute, ARVI e altre malattie virali.

Il farmaco elimina i segni di secchezza della mucosa nasale, idrata rapidamente l'epitelio, previene lesioni lievi e migliora la qualità della vita del paziente. Adrianol è disponibile sotto forma di gocce nasali, che vengono utilizzate nel periodo acuto di naso che cola e congestione nasale. Il farmaco agisce quasi immediatamente dopo l'applicazione, la durata dell'effetto terapeutico è di 4-6 ore. Inoltre, il produttore produce uno speciale Adrianol per bambini, che può essere instillato nel naso di un bambino a partire da 7 anni.

Indicazioni per l'uso di Adrianol

Adrianol è prescritto per lo sviluppo dei seguenti disturbi e segni patologici:

  • grave congestione nasale;
  • aumento della secrezione di muco sullo sfondo delle malattie ORL;
  • rinite allergica;
  • scarso drenaggio del muco;
  • infezione virale.

Inoltre, Adrianol viene utilizzato prima delle procedure diagnostiche prescritte dagli otorinolaringoiatri, prima degli interventi chirurgici sulle strutture del naso e della cavità orale..

Conseguenze della congestione nasale

Un naso che cola, una congestione nasale può verificarsi sia sullo sfondo della progressione delle infezioni virali, esacerbazione delle malattie ORL, sia a seguito di una reazione allergica che si verifica immediatamente o qualche tempo dopo il contatto con un allergene. Il gonfiore della mucosa porta all'interruzione della respirazione nasale, al deterioramento dell'apporto di sangue alle strutture del cervello. A causa della mancanza di nutrienti e ossigeno, compaiono mal di testa, durante l'infanzia possono verificarsi segni di ritardi nello sviluppo. Pertanto, vale la pena affrontare il trattamento del raffreddore comune nel modo più responsabile possibile, usando un approccio integrato e non solo la terapia sintomatica..

I bambini piccoli sono particolarmente difficili da sopportare con la congestione nasale. Per questo motivo, possono rifiutare il cibo, perdere l'appetito e dormire male di notte. Pertanto, vengono prodotti farmaci speciali vasocostrittori per i bambini. Si consiglia di iniziare a prenderli dopo che compaiono i primi segni di un'infezione virale: mucose secche, starnuti, arrossamento degli occhi, gonfiore dei tessuti molli, muscoli doloranti.

Adrianol è consentito ai bambini di 7 anni. Ma prima dell'uso, assicurati di consultare un medico in modo che uno specialista possa determinare se ci sono controindicazioni al trattamento, prescritti altri farmaci, la cui azione è volta non solo a smorzare i sintomi della malattia, ma anche alle cause della sua insorgenza. Fino a questa età, si raccomanda di utilizzare prodotti analoghi che, sebbene non abbiano la stessa composizione dell'Adrianol, sono simili al farmaco in termini di azione terapeutica.

Adrianol: controindicazioni

Secondo le istruzioni per l'uso, Adrianol è controindicato nelle seguenti condizioni e malattie:

  • una reazione allergica a uno qualsiasi dei componenti del farmaco;
  • gravi violazioni del fegato e dei reni;
  • alta pressione costante;
  • glaucoma, riduzione della vista;
  • cambiamenti ischemici nel miocardio;
  • atrofia della mucosa nasale;
  • aterosclerosi;
  • la presenza di feocromocitoma;
  • tireotossicosi;
  • gravidanza, allattamento al seno;
  • bambini di età inferiore ai 7 anni.

Alcune delle controindicazioni non sono assolute e l'uso del farmaco è possibile con il permesso del medico curante. Ciò tiene conto dello stato di salute del paziente, dei dati sull'anamnesi e delle caratteristiche del decorso delle patologie croniche..

Adrianol durante la gravidanza

Durante la gravidanza, Adrianol viene utilizzato solo se il medico lo consente e i benefici dell'uso del farmaco sono superiori al rischio di conseguenze indesiderate per la salute della madre e del feto. I farmaci vasocostrittori hanno un effetto locale, praticamente non entrano nel flusso sanguigno generale e possono essere considerati relativamente sicuri. Ma oggi non ci sono risultati esatti di studi clinici a conferma del fatto che tali medicinali siano privi di effetti teratogeni sul corpo di un bambino non ancora nato..

Possibili reazioni collaterali

Le gocce nasali di Adrianol devono essere utilizzate per un breve periodo di tempo, non più di 5-7 giorni, poiché dopo questo periodo aumenta il rischio di una diminuzione dell'effetto terapeutico e sorge una dipendenza dal rimedio. Con un trattamento prolungato, la mucosa può atrofizzare, il che porterà al suo ispessimento e alla formazione di escrescenze di poliposi nel naso e nella laringofaringe..

Utilizzare il farmaco solo dopo aver verificato la data di scadenza. Per non ridurre l'effetto positivo del prodotto, tenere il naso lontano dalla luce solare diretta, osservando il regime di temperatura raccomandato. Poiché Adrianol è spesso prescritto per l'esacerbazione delle malattie ORL e lo sviluppo di infezioni virali, si consiglia di utilizzare un flacone individuale. Ciò ridurrà il rischio di diffusione dell'influenza e di altre patologie trasmesse da goccioline trasportate dall'aria..

Se il regime posologico non viene seguito, possono verificarsi i seguenti sintomi:

  • secchezza della mucosa;
  • starnuti, prurito;
  • aumento della pressione intraoculare;
  • aumento dei segni di rinite;
  • violazione della respirazione nasale;
  • aumentando la quantità di muco prodotto.

Se si manifestano segni di sovradosaggio o una reazione allergica, è necessario interrompere l'assunzione delle gocce e consultare un medico. Forse, dopo una breve pausa e una riduzione della dose, gli effetti collaterali indesiderati scompaiono e puoi riutilizzare il prodotto..

Il prezzo accessibile dello strumento consente di acquistarlo senza restrizioni per ciascun membro della famiglia. Se, quando si utilizza il farmaco, non vi sono effetti decongestionanti e vasocostrittori, è necessario interrompere l'uso del farmaco e consultare uno specialista. Il medico regolerà il trattamento e prescriverà altri farmaci. Il periodo massimo di utilizzo delle gocce di vasocostrittore è di 7 giorni. Il riutilizzo è possibile dopo una breve pausa.

ADRIANOL

  • Indicazioni per l'uso
  • Modalità di applicazione
  • Effetti collaterali
  • Controindicazioni
  • Gravidanza
  • Interazione con altri medicinali
  • Overdose
  • Condizioni di archiviazione
  • Modulo per il rilascio
  • Composizione

Adrianol - un farmaco combinato per il trattamento di malattie dei passaggi nasali.
La fenilefrina e la trimazolina sono vasocostrittori che hanno un effetto decongestionante sulla mucosa nasale se applicati localmente. Una diminuzione dell'edema della mucosa porta alla normalizzazione della respirazione nasale e una diminuzione della pressione nei seni paranasali e nell'orecchio medio. La consistenza viscosa della soluzione aumenta la durata dell'azione del farmaco.

Indicazioni per l'uso

Il farmaco Adrianol è usato per la rinite acuta e cronica, la sinusite.
È usato come decongestionante ausiliario durante le procedure diagnostiche e le procedure chirurgiche.

Modalità di applicazione

Adulti e bambini dai 7 anni: 1-3 gocce di Adrianol in ciascun passaggio nasale 4 volte al giorno.
La durata del farmaco non è superiore a una settimana, quindi è necessaria una pausa per diversi giorni.

Effetti collaterali

Bruciore, indolenzimento o secchezza della mucosa nasale, edema della mucosa nasale, secrezione abbondante, nausea, vertigini, mal di testa, alterazione della sensibilità del gusto, tachicardia, aumento della pressione sanguigna (BP), reazioni allergiche.
Con uso prolungato - rinite, congestione nasale, atrofia della mucosa nasale.

Controindicazioni

Le controindicazioni all'uso del farmaco Adrianol sono: aumento della sensibilità individuale, tireotossicosi, feocromocitoma, glaucoma, danno renale grave, ipertensione arteriosa, cardiopatia ischemica, rinite atrofica, aterosclerosi generale, bambini di età inferiore a 7 anni.
Con cautela: a causa del contenuto di etanolo nella preparazione, si deve usare cautela quando lo si prescrive a pazienti: con malattie del fegato, cervello, alcolismo, epilessia, ma anche bambini, donne in gravidanza e durante l'allattamento.

Gravidanza

Non ci sono esperienze cliniche e dati sulla sicurezza delle gocce di Adrianol durante la gravidanza.

Interazione con altri medicinali

L'Adrianol in combinazione con antidepressivi e inibitori della monoamino ossidasi (MAO) aumenta il rischio di ipertensione.
Non deve essere usato contemporaneamente agli inibitori MAO ed entro 10 giorni dalla fine del loro utilizzo. Con l'uso prolungato, la gravità dell'effetto vasocostrittore diminuisce gradualmente (il fenomeno della tachifilassi), quindi non dovrebbe essere usato a lungo, ad esempio nella rinite cronica.

Overdose

Sintomi: affaticamento, vertigini, nausea, insonnia, aumento della pressione sanguigna, tachicardia, febbre, shock, bradicardia riflessa.

Condizioni di archiviazione

Conservare in luogo asciutto e buio a una temperatura non superiore a 25 ° С.
Tenere fuori dalla portata dei bambini!

Modulo per il rilascio

Adrianol - gocce nasali.
10 ml in un flacone contagocce in polietilene ad alta densità con tappo a vite in polietilene ad alta densità. 1 flacone con le istruzioni per l'uso in una scatola di cartone.

Adrianol

Composizione

Il farmaco contiene principi attivi: fenilefrina cloridrato e grimazolina cloridrato.

Componenti aggiuntivi: metilcellulosa, fenilmercurio borato, etanolo, glicerolo, acido citrico monoidrato, ammoniaca acquosa, sodio idrogeno fosfato diidrato, acqua depurata.

Modulo per il rilascio

Adrianol viene prodotto sotto forma di gocce nasali, confezionato in un flacone contagocce da 10 ml, un flacone per confezione.

effetto farmacologico

Adrianol ha un effetto vasocostrittore e antiedema.

Farmacodinamica e farmacocinetica

Le sostanze fenilefrina e trimazolina fanno parte di molti vasocostrittori, poiché hanno un effetto decongestionante sulla mucosa nasale. Usando queste gocce nasali, i pazienti notano una diminuzione dell'edema mucoso, una rapida normalizzazione della respirazione nasale e una diminuzione della pressione nei seni paranasali e nell'orecchio medio. A causa della consistenza piuttosto viscosa delle gocce, aumenta la durata dell'efficacia del farmaco.

Indicazioni per l'uso

Prescrivi Adrianol per:

  • forme acute e croniche di rinite e sinusite;
  • preparazione per procedure diagnostiche e procedure chirurgiche.

Controindicazioni per l'uso

Le gocce di Adrianol non sono raccomandate per:

  • maggiore sensibilità;
  • tireotossicosi;
  • feocromocitoma;
  • glaucoma;
  • grave danno renale;
  • ipertensione arteriosa;
  • cardiopatia ischemica;
  • rinite atrofica;
  • aterosclerosi generale;
  • bambini di età inferiore ai 7 anni.

Si deve prestare attenzione quando si trattano gocce di pazienti con disturbi al fegato e al cervello, epilessia, alcolismo, bambini di 7 anni e donne in allattamento e gravidanza, poiché la soluzione contiene etanolo.

Effetti collaterali

Quando si utilizza Adrianol, si possono sviluppare effetti indesiderati sotto forma di: bruciore, sensazioni dolorose, secchezza e gonfiore della mucosa nasale, secrezione abbondante, nausea, vertigini, mal di testa, disturbi del gusto, tachicardia, aumento della pressione sanguigna, reazioni allergiche. L'uso a lungo termine porta spesso allo sviluppo di rinite ricorrente, congestione nasale, atrofia della mucosa nasale.

Istruzione per l'applicazione di Adrianol (Strada e dosaggio)

Istruzioni per le gocce Adrianol raccomanda che pazienti adulti e bambini dai 7 anni instillino 1-3 gocce nei passaggi nasali 4 volte al giorno..

La durata dell'uso del farmaco non dovrebbe essere più lunga di una settimana, dopo di che è necessario fare una pausa per diversi giorni.

È stato anche scoperto che l'uso a lungo termine di gocce può ridurre la gravità dell'azione vasocostrittore, quindi, anche nel trattamento delle malattie croniche, il loro uso prolungato non è consentito.

Overdose

Può manifestarsi sovradosaggio: affaticamento, vertigini, nausea, insonnia, aumento della pressione sanguigna, tachicardia, febbre, shock e bradicardia riflessa.

Interazione

La combinazione con vari antidepressivi o inibitori delle monoaminossidasi porta spesso ad un aumento dell'ipertensione arteriosa. Inoltre, l'intervallo tra le applicazioni non deve essere inferiore a 10 giorni..

Condizioni di vendita

Nelle farmacie, le gocce sono dispensate con una prescrizione..

Condizioni di archiviazione

Conservare le gocce richiede un luogo fresco fuori dalla portata dei bambini.

Data di scadenza

Analoghi

I farmaci hanno un effetto simile: Vibrocil, Sinuforte, Euphorbium Compositum e Otrivin.

alcool

È noto che il farmaco contiene etanolo. Non sono fornite informazioni sull'interazione farmacologica tra gocce e alcool con il suo uso aggiuntivo.

Recensioni su Adrianol

Nella maggior parte dei casi, le recensioni sulle gocce nasali si trovano nelle discussioni sui siti Web delle farmacie e nei forum delle donne. Allo stesso tempo, gli utenti dicono in quali casi hanno iniziato a usare Adrianol. Molte persone gocciolano questo medicinale per rinite o sinusite complicata, accompagnata non solo da congestione nasale, ma anche da abbondante secrezione nasale..

Di solito, il miglioramento si nota dopo 3-4 giorni dall'inizio del trattamento, ma allo stesso tempo i pazienti si lavano il naso con decotto di camomilla o soluzioni saline, che si preparano o acquistano in farmacia, ad esempio Aqua Maris.

Nonostante il fatto che molti utenti utilizzino questo farmaco senza prescrizione medica, non sono stati segnalati effetti collaterali. Inoltre, le persone spesso notano che l'uso delle gocce per 5-6 giorni è stato sufficiente per alleviare i sintomi indesiderati..

Il prezzo di Adrianol dove acquistare

Il prezzo di Adrianol 10 ml nelle farmacie russe è di 136-150 rubli.

Adrianol

Istruzioni per l'uso:

Prezzi nelle farmacie online:

Adrianol è un farmaco vasocostrittore sintetico per uso topico in rinite e sinusite.

effetto farmacologico

Le gocce nasali di Adrianol hanno un effetto decongestionante.

I principi attivi del farmaco sono agenti vasocostrittori, a causa dei quali l'edema della mucosa diminuisce, la respirazione nasale migliora e la pressione nei seni paranasali e nell'orecchio medio diminuisce. Inoltre, la consistenza viscosa della soluzione di Adrianol secondo le recensioni protegge la mucosa nasale dall'asciugarsi e aumenta la durata del farmaco.

Modulo per il rilascio

Adrianol è disponibile in gocce nasali per adulti e bambini:

  • 1 ml di gocce di Adrianol per adulti contiene 1 mg di fenilefrina cloridrato e 1,5 mg di trimazolina cloridrato;
  • 1 ml di Adrianol per bambini contiene 500 mcg di fenilefrina cloridrato e trimazolina cloridrato.

Eccipienti - fenilmercurio (II) borato, ammoniaca acquosa, metilcellulosa M.N.V. 10000, etanolo 96%, glicerolo, acido citrico monoidrato, acqua purificata e sodio idrogeno fosfato diidrato. In flaconi contagocce da 10 ml.

Indicazioni per l'uso di Adrianol

Secondo le istruzioni, viene utilizzato Adrianol:

  • Con rinite acuta o cronica;
  • Con sinusite;
  • Decongestionante aggiunto durante le procedure diagnostiche e le operazioni sugli organi ENT.

Controindicazioni

Secondo le istruzioni, Adrianol è controindicato per l'uso quando:

  • Grave danno renale;
  • Feocromocitoma;
  • Cardiopatia ischemica;
  • Glaucoma;
  • Aterosclerosi;
  • Aumento della sensibilità individuale ai componenti delle gocce di Adrianol;
  • tireotossicosi;
  • Ipertensione arteriosa;
  • Rinite atrofica.

Non ci sono dati sugli effetti di Adrianol durante la gravidanza e l'allattamento, quindi il farmaco deve essere usato solo come indicato da un medico..

Istruzioni per l'uso e dosi

La durata normale di utilizzo delle gocce di Adrianol non è superiore a 7 giorni. Nella rinite cronica, il trattamento, se necessario, può essere continuato dopo una pausa di diversi giorni.

Adrianol per bambini viene utilizzato fin dall'infanzia, 1 goccia mezz'ora prima dell'alimentazione. Ai bambini di 1-5 anni vengono di solito prescritte 2 gocce tre volte al giorno. Secondo le istruzioni, Adrianol può essere usato per bambini più grandi e adulti fino a 4 volte al giorno, 1-3 gocce.

Non è raccomandata la somministrazione simultanea di gocce nasali di Adrianol con inibitori MAO.

Effetti collaterali

Secondo le recensioni, Adrianol è ben tollerato da tutte le età. Gli effetti collaterali che si verificano possono manifestarsi come secchezza, bruciore o indolenzimento della mucosa nasale..

Condizioni di archiviazione

Adrianol può essere acquistato senza prescrizione medica, la durata di conservazione delle gocce è di 3 anni.

Adrianol: prezzi nelle farmacie online

Adrianol gocce nasali per bambini 10 ml 1 pz.

Adrianol gocce nasali per adulti 10 ml 1 pz.

Le informazioni sul farmaco sono generalizzate, fornite solo a scopo informativo e non sostituiscono le istruzioni ufficiali. L'automedicazione è pericolosa per la salute!

Ci sono alcune sindromi mediche molto curiose, come la deglutizione compulsiva di oggetti. Sono stati trovati 2.500 oggetti estranei nello stomaco di un paziente affetto da questa mania.

Le ossa umane sono quattro volte più forti del cemento.

Secondo le statistiche, il lunedì il rischio di lesioni alla schiena aumenta del 25% e il rischio di infarto del 33%. stai attento.

L'antidepressivo Clomipramina induce un orgasmo nel 5% dei pazienti.

Una persona istruita è meno suscettibile alle malattie del cervello. L'attività intellettuale contribuisce alla formazione di ulteriore tessuto che compensa il malato.

Usiamo 72 muscoli per dire anche le parole più brevi e semplici..

Nel Regno Unito, esiste una legge in base alla quale un chirurgo può rifiutare di eseguire un intervento chirurgico su un paziente se fuma o è in sovrappeso. Una persona deve abbandonare le cattive abitudini e quindi, forse, non avrà bisogno di un intervento chirurgico..

Ogni persona ha non solo impronte digitali uniche, ma anche una lingua.

Le persone abituate a fare colazione regolarmente hanno molte meno probabilità di essere obese..

La carie è la malattia infettiva più comune al mondo, con cui nemmeno l'influenza può competere..

Secondo la ricerca, le donne che bevono diversi bicchieri di birra o vino alla settimana hanno un rischio maggiore di sviluppare il cancro al seno..

Milioni di batteri nascono, vivono e muoiono nel nostro intestino. Possono essere visti solo ad alto ingrandimento, ma se fossero riuniti insieme, si adatterebbero in una normale tazza di caffè..

Il fegato è l'organo più pesante del nostro corpo. Il suo peso medio è di 1,5 kg.

Gli scienziati americani hanno condotto esperimenti sui topi e sono giunti alla conclusione che il succo di anguria previene lo sviluppo dell'aterosclerosi vascolare. Un gruppo di topi ha bevuto acqua naturale e l'altro ha bevuto il succo di anguria. Di conseguenza, i vasi del secondo gruppo erano privi di placche di colesterolo..

Il noto farmaco "Viagra" è stato originariamente sviluppato per il trattamento dell'ipertensione arteriosa.

Le malattie neoplastiche maligne del sistema riproduttivo femminile comprendono cancro cervicale, carcinoma mammario, carcinoma ovarico, carcinoma uterino (endoma.

Istruzioni per l'uso Adrianol ® (Adrianol ®)

Titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio:

Contatti per richieste:

Sostanze attive

Forme di dosaggio

reg. No: P N013655 / 02 dal 14.03.08 - Data di ri-registrazione a tempo indeterminato: 09.03.16
Adrianol ®
reg. No: P N013655 / 01 dal 14.03.08 - Data di immatricolazione definitiva: 09.03.16

Forma di rilascio, confezione e composizione del farmaco Adrianol ®

Gocce nasali (per bambini) sotto forma di una soluzione limpida, incolore o leggermente giallastra.

1 ml
fenilefrina cloridrato0,5 mg
lerimazolina cloridrato0,5 mg

Eccipienti: metilcellulosa M.N.V. 10000 - 1,32 mg, benzalconio cloruro - 0,2 mg, glicerolo - 0,015 mg, acido citrico monoidrato - 5,72 mg, sodio idrogeno fosfato diidrato - 8,11 mg, acqua purificata - fino a 1 ml.

10 ml - flaconi contagocce in polietilene (1) - confezioni di cartone.

Gocce nasali sotto forma di una soluzione limpida, incolore o leggermente giallastra.

1 ml
fenilefrina cloridrato1 mg
lerimazolina cloridrato1,5 mg

Eccipienti: metilcellulosa M.N.V. 10000 - 2,9 mg, benzalconio cloruro - 0,2 mg, glicerolo - 0,03 mg, acido citrico monoidrato - 5,72 mg, sodio idrogeno fosfato diidrato - 8,11 mg, acqua purificata - fino a 1 ml.

10 ml - flaconi contagocce in polietilene (1) - confezioni di cartone.

effetto farmacologico

La fenilefrina e la lerimazolina sono vasocostrittori che hanno un effetto decongestionante sulla mucosa nasale se applicati localmente. Una diminuzione dell'edema della mucosa porta alla normalizzazione della respirazione nasale e una diminuzione della pressione nei seni paranasali e nell'orecchio medio. La consistenza viscosa della soluzione aumenta la durata dell'azione del farmaco.

Adrianol: istruzioni per l'uso ea cosa serve, prezzo, recensioni, analoghi

Adrianol è un farmaco per la goccia nasale. Il medicinale è usato per trattare la sinusite cronica e acuta, la rinite. Adrianol ha una forma di dosaggio speciale per i bambini. Controindicazioni includono tireotossicosi, ipertensione arteriosa, rinite atrofica e altre patologie e condizioni.

Forma di dosaggio

Adrianol si presenta sotto forma di gocce nasali. Esiste una forma di rilascio del farmaco per bambini e pazienti adulti. L'implementazione avviene in flaconi di polietilene con dispositivo di caduta, con un volume di 10 ml. Le bottiglie con Adrianol sono messe in una scatola di cartone in vendita.

Descrizione e composizione

La soluzione all'interno del flacone di Adrianol non ha praticamente alcun colore, è consentita una tinta gialla del liquido e ha anche trasparenza.

I principi attivi del farmaco sono rappresentati dal fenilefrinone cloridrato (il contenuto per 1 ml è 1 mg per Adrianol standard e 0,5 mg per Adrianol per bambini) e la lerimazolina cloridrato (alla dose di 1,5 mg per 1 ml per la solita forma di rilascio e 0,5 mg per 1 ml di prodotto destinato ai bambini).

Le sostanze aggiuntive sono rappresentate dal seguente elenco:

  • metilcellulosa;
  • benzalconio cloruro;
  • glicerolo;
  • acido citrico monoidrato;
  • sodio idrogeno fosfato diidrato;
  • acqua purificata.

Gruppo farmacologico

I componenti attivi del medicinale appartengono a numerosi vasocostrittori. Il farmaco Adrianol produce un effetto decongestionante sulla mucosa nasale, che porta al sollievo della respirazione nasale, nonché a una diminuzione degli indicatori di pressione nell'orecchio medio e dei seni paranasali.

La consistenza della soluzione di Adrianol, che si distingue per la sua viscosità, contribuisce alla durata dell'azione del farmaco.

Indicazioni per l'uso

Il medicinale Adrianol è usato per alleviare la respirazione e ridurre il gonfiore della mucosa nasale in varie malattie.

per adulti

Le indicazioni per l'uso sono:

  • sinusite;
  • rinite di decorso acuto e cronico;
  • la necessità di un effetto decongestionante durante le procedure diagnostiche e le operazioni di natura chirurgica.

per bambini

È usato nei bambini secondo le stesse indicazioni: rinite cronica e acuta, sinusite, nonché la necessità di un effetto antiedema localmente pronunciato durante le operazioni o le procedure diagnostiche.

per le donne in gravidanza e durante l'allattamento

Nelle donne in gravidanza, così come nei pazienti che allattano al seno, Adrianol viene usato solo come indicato da un medico.

Controindicazioni

C'è un elenco di condizioni e malattie in presenza delle quali il paziente è obbligato a rifiutare di usare il farmaco Adrianol. Questi includono:

  • tireotossicosi;
  • glaucoma;
  • ipertensione arteriosa;
  • rinite di natura atrofica;
  • età inferiore a 3 anni (per la formulazione di Adrianol per bambini);
  • intolleranza ai componenti o sensibilità individuale ad essi;
  • feocromocitoma;
  • disturbi nel lavoro dei reni in forma grave;
  • ischemia del cuore;
  • aterosclerosi;
  • età inferiore a 7 anni (per la solita forma di Adrianol).

Applicazioni e dosi

L'uso del farmaco viene effettuato per via intranasale. La durata dell'uso non deve superare i 7 giorni.

per adulti

Gli adulti mostrano da 1 a 3 gocce in ciascun passaggio nasale circa 4 volte al giorno.

per bambini

I bambini di 7 anni possono assumere Adrianol nella solita forma di rilascio. Lo schema di somministrazione è lo stesso degli adulti: da 1 a 3 gocce in ciascun passaggio nasale quattro volte al giorno.

Le gocce di Adrianol per bambini vengono utilizzate nei pazienti di età superiore ai 3 anni secondo il seguente schema: 2 gocce in ciascun passaggio nasale tre volte al giorno.

per le donne in gravidanza e durante l'allattamento

Nel caso di prescrizione di Adrianol a una donna durante la gravidanza o a un paziente durante l'allattamento, lo specialista presente stabilisce in modo indipendente il metodo di somministrazione.

Effetti collaterali

Tra le manifestazioni cliniche indesiderabili di natura secondaria sullo sfondo dell'uso di Adrianol, ci possono essere:

  • bruciando;
  • nausea;
  • rinite;
  • secchezza della mucosa nasale;
  • vertigini;
  • gonfiore della mucosa nasale;
  • mal di testa;
  • congestione nasale;
  • abbondante scarica di muco dai passaggi nasali;
  • tachicardia;
  • atrofia della mucosa nasale;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • disturbi del gusto;
  • reazioni allergiche.

Interazione con altri medicinali

Durante l'assunzione di Adrianol con inibitori MAO o antidepressivi triciclici, aumenta la probabilità di ipertensione arteriosa.

istruzioni speciali

L'efficacia del farmaco diminuisce con l'uso prolungato.

Overdose

I sintomi da sovradosaggio includono:

  • fatica;
  • nausea;
  • vertigini;
  • insonnia;
  • tachicardia;
  • shock;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • febbre;
  • bradicardia riflessa.

Condizioni di archiviazione

Il farmaco Adrianol deve essere conservato in un luogo asciutto e buio a una temperatura non superiore a 25 ° C.

Tenere il prodotto fuori dalla portata dei bambini..

La durata di conservazione del farmaco è di 3 anni dalla data di rilascio. Dopo la scadenza del periodo specificato, non è possibile utilizzare le gocce.

L'erogazione dalle farmacie è prescrizione medica.

Analoghi

Esistono un numero considerevole di medicinali che possono essere usati come analoghi di Adrianol..

Lo strumento viene venduto sotto forma di gocce nasali. L'indicazione principale è il trattamento sintomatico di faringite, sinusite, febbre da fieno, rinite e gonfiore della mucosa nasale. Il principio attivo di Tizin è la tetraidrozolina. Il farmaco non è raccomandato per le donne in gravidanza o in allattamento. Il farmaco Tizin è controindicato nei bambini di età inferiore ai 2 anni..

La galazolina è un vasodilatatore locale usato per trattare le patologie ORL. Allevia il gonfiore della mucosa nasale e faringea, riduce l'essudazione e l'iperemia e facilita anche la respirazione nasale. La galazolina è usata per la febbre da fieno, la rinite acuta di varie origini, la sinusite acuta, l'esacerbazione della sinusite cronica, la rinite allergica e l'otite media. Controindicato in ipertiroidismo, grave aterosclerosi, glaucoma ad angolo chiuso, rinite atrofica, gravidanza, ipersensibilità, tachicardia, uso concomitante di inibitori MAO e antidepressivi triciclici, ipertensione arteriosa, una storia di chirurgia cerebrale e in bambini di età inferiore ai 2 anni.

Il principio attivo di questo farmaco è la trimazolina. Lazorin è venduto come spray nasale. È usato per alleviare la congestione nasale associata a rinite vasomotoria e allergica. Lazorin è controindicato nei bambini di età inferiore a 6 anni..

Il nazol viene venduto sotto forma di spray nasale in flaconcini da 10 ml, 15 ml e 20 ml. 1 ml di questo farmaco contiene 0,5 mg di ossimetazolina cloridrato. Il farmaco viene utilizzato per sinusite, edema congiuntivale, eustachite, rinite allergica o infettiva, congiuntivite allergica, raffreddore da fieno e congiuntivite non infettiva. Non usare il rimedio per l'ipersensibilità, l'aterosclerosi, l'allattamento, la rinite atrofica, il glaucoma ad angolo chiuso, la gravidanza, il diabete mellito e l'ipertensione arteriosa.

Il costo di Adrianol è in media di 144 rubli. I prezzi vanno da 88 a 209 rubli.

Adrianol

Istruzioni per l'uso:

Adrianol è un farmaco vasocostrittore sintetico destinato all'uso topico nel trattamento della rinite e della sinusite..

Forma e composizione del rilascio

Adrianol è disponibile sotto forma di gocce per adulti e bambini. Il contenuto di sostanze attive - fenilefrina cloridrato e tramazolina cloridrato - differisce in esse.

Le gocce nasali di Adrianol per l'uso negli adulti contengono 1 mg di fenilefrina cloridrato e 1,5 mg di tramazolina cloridrato in 1 ml. Inoltre, alla soluzione sono stati aggiunti componenti ausiliari: fenilmercurio borato bivalente, metilcellulosa M.N.V. 10000, acqua purificata, acido citrico monoidrato, ammoniaca acquosa, etanolo 96%, sodio idrogeno fosfato diidrato, glicerolo. Le gocce sono confezionate in flaconi contagocce da 10 ml. Le fiale si trovano in scatole di cartone.

La versione per bambini di Adrianol scende in 1 ml di soluzione contiene 500 μg di fenilefrina cloridrato e 500 μg di tramazolina cloridrato. Le sostanze e gli imballaggi aggiuntivi sono gli stessi delle gocce destinate agli adulti.

Indicazioni per l'uso di Adrianol

Nelle istruzioni per Adrianol, la rinite e la sinusite negli stadi acuti sono indicate come indicazioni principali. Il farmaco può anche essere usato come decongestionante aggiunto durante interventi chirurgici e procedure diagnostiche.

Controindicazioni

L'uso di Adrianol non è raccomandato in presenza delle malattie descritte di seguito:

  • Con tireotossicosi;
  • In caso di ipersensibilità a uno o più dei componenti di Adrianol;
  • Con glaucoma;
  • Con feocromocitoma;
  • Con ipertensione arteriosa;
  • Con grave danno renale;
  • Con aterosclerosi;
  • Con rinite atrofica;
  • Con cardiopatia ischemica.

Metodo di applicazione e dosaggio di Adrianol

Le gocce nasali di Adrianol per adulti devono essere instillate in adulti e bambini di età superiore ai 5 anni, fino a 4 volte al giorno, 1, 2 o 3 gocce in ciascuna narice.

Le gocce nasali di Adrianol per i bambini sono utilizzate nei bambini di età inferiore ai 5 anni. Il medicinale può essere usato dalla nascita. In questo caso, i bambini di età inferiore a 5 anni, ma di età superiore a un anno, devono instillare 2 gocce di medicinale fino a 3 volte al giorno. Per i bambini fino a un anno di età, il farmaco viene instillato una goccia in ciascuna narice mezz'ora prima dell'alimentazione..

Effetti collaterali di Adrianol

Le reazioni avverse indotte da Adrianol sono rare. Tuttavia, prima di avviare l'applicazione, è necessario acquisire familiarità con l'elenco dei possibili effetti collaterali. Secondo le istruzioni per Adrianol, questi includono: secchezza della mucosa nasale, dolore, sensazione di bruciore. Vanno via da soli e non richiedono l'interruzione del trattamento farmacologico.

istruzioni speciali

L'uso a lungo termine di Adrianol (più di 3 settimane) è irto di una diminuzione della gravità e della durata della sua azione decongestionante.

Adrianol non è raccomandato per la grave malattia renale.

Le donne in gravidanza e in allattamento non dovrebbero assumere il farmaco, perché non ci sono prove della sua sicurezza durante la gravidanza e l'allattamento.

Analoghi di Adrianol

Non ci sono dati su farmaci simili in modo d'azione e composizione ad Adrianol.

Termini e condizioni di conservazione

La durata di conservazione delle gocce di Adrianol non deve superare i 3 anni dalla data di rilascio. È necessario conservare il farmaco a una temperatura non superiore al segno di 25 gradi, in un luogo buio, protetto dalla penetrazione dell'umidità.

Trovato un errore nel testo? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Adrianol: istruzioni per l'uso

Forma di dosaggio

Gocce nasali 1,0 mg / ml + 1,5 mg / ml, 10 ml

Composizione

1 ml di soluzione contiene

principi attivi: fenilefrina cloridrato 1,0 mg

lerimazolina cloridrato 1,5 mg,

eccipienti: benzalconio cloruro, acido citrico monoidrato, metilcellulosa, sodio idrogeno fosfato diidrato, glicerina anidra, acqua depurata

Descrizione

Liquido trasparente, da incolore a giallo chiaro con un leggero odore

Gruppo farmacoterapico

Preparazioni nasali Anticongestionanti e altri preparati nasali topici. Simpaticomimetici in combinazione con altri farmaci (esclusi i glucocorticosteroidi). Fenilefrina in combinazione con altri farmaci

Codice ATX R01AB01

Proprietà farmacologiche

Se applicati localmente, la fenilefrina e la lerimazolina non sono praticamente assorbite, quindi la loro concentrazione nel plasma sanguigno è molto bassa, ma possono comunque interagire con altri farmaci nella circolazione sistemica.

La fenilefrina viene assorbita in modo non uniforme dal tratto gastrointestinale, quindi viene immediatamente metabolizzata nell'intestino e nel fegato dall'enzima monoamina ossidasi (MAO). La biodisponibilità della fenilefrina è bassa, circa il 40%. Il volume di distribuzione è di 200-500 litri. Legame proteico non stabilito.

La fenilefrina viene metabolizzata in tutti i tessuti, principalmente nell'intestino e nel fegato. Il metabolismo è esteso alla formazione di solfati e metaboliti glucuroidi, che vengono poi escreti attraverso i reni. I metaboliti non hanno attività farmacologica, la cui emivita è di 2-3 ore.

Adrianol® appartiene al gruppo di agenti vasocostrittori locali (anti-congestione). È costituito da due principi attivi: la fenilefrina appartiene al gruppo delle fenilamine, la lerimazolina è un derivato dell'imidazolina.

La fenilefrina è un agonista dei recettori a1-adrenergici, mentre la lerimazolina è un agonista dei recettori a1 e a2-adrenergici localizzati nella muscolatura liscia dei vasi sanguigni. La stimolazione locale di questi recettori nei vasi sanguigni della mucosa nasale provoca vasocostrizione e allevia il gonfiore, che facilita la respirazione nasale, aiuta a svuotare i seni nasali ed equalizza la pressione nel rinofaringe e nell'orecchio medio attraverso la tromba di Eustachio. La fenilefrina, applicata localmente sulla mucosa nasale e sulla mucosa oculare, agisce riducendo gonfiore e arrossamento. Dopo l'interruzione della terapia, esiste il rischio di sviluppare una vasodilatazione di rimbalzo della mucosa nasale.

La somministrazione sistemica di fenilefrina porta ad un aumento della resistenza vascolare periferica totale e della pressione sanguigna a causa della stimolazione dei recettori A nelle arteriole, nelle vene e nei polmoni. L'effetto della vasocostrizione è debole ma più duraturo dell'effetto di adrenalina e noradrenalina. Un forte aumento della pressione sanguigna porta all'attivazione dei barorecettori nell'arco aortico e alla ramificazione carotidea e il dominio del nervo vago nel cuore si manifesta sotto forma di bradicardia. In rari casi, può verificarsi tachicardia, in conseguenza dell'effetto simpaticomimetico indiretto e dell'azione agonistica sui recettori b-adrenergici.

indicazioni

- rinite infettiva e allergica, sinusite

- procedure diagnostiche e procedure chirurgiche (come

Istruzioni per l'uso ADRIANOL (ADRIANOL)

Forma di rilascio, composizione e confezione

Gocce nasali sotto forma di una soluzione limpida da incolore a giallo pallido, con un odore appena percettibile.

1 ml
fenilefrina cloridrato1 mg
lerimazolina cloridrato1,5 mg

Eccipienti: benzalconio cloruro, acido citrico monoidrato, metilcellulosa, disodio fosfato diidrato, glicerina anidra, acqua depurata.

10 ml - flaconi contagocce (1) - scatole di cartone.

gocce nasali per bambini 0,5 mg + 0,5 mg / 1 ml: flaconcino. 10 ml
Reg. No: 7825/06/08/11/12/17 del 03/05/2017 - Validità della registrazione. battiti non è limitato

Gocce nasali per bambini sotto forma di una soluzione limpida da incolore a giallo pallido, con un odore appena percettibile.

1 ml
fenilefrina cloridrato0,5 mg
tramazolina cloridrato0,5 mg

Eccipienti: benzalconio cloruro, acido citrico monoidrato, disodio fosfato diidrato, glicerina anidra, acqua purificata.

10 ml - flaconi contagocce (1) - scatole di cartone.

effetto farmacologico

La fenilefrina è un agonista dell'alfa 1 -adrenoceptor e la trimazolina è un agonista dell'alfa 1 e alpha 2 -adrenoceptor. La stimolazione locale di questi recettori nei vasi sanguigni della mucosa nasale provoca vasocostrizione, che porta a una diminuzione dell'edema della mucosa, alla quantità di secrezione da separare, al ripristino della pervietà dei passaggi nasali e al sollievo della respirazione nasale.

farmacocinetica

La fenilefrina viene metabolizzata in tutti i tessuti, ma principalmente nell'intestino e nel fegato. I metaboliti vengono escreti principalmente dai reni. La T 1/2 è di 2-3 ore La fenilefrina viene assorbita localmente nella mucosa del rinofaringe in una piccola quantità, ma sufficiente a causare effetti collaterali quando interagisce con altri farmaci o peggiora le condizioni dei pazienti con malattie del sistema cardiovascolare. La trimazolina viene assorbita nella cavità nasale ed entra nella circolazione sistemica e può reagire con altri farmaci, come inibitori MAO e simpaticolitici (reserpina e altri).

Indicazioni per l'uso

  • rinite acuta e cronica;
  • sinusite;
  • utilizzato come decongestionante ausiliario durante le procedure diagnostiche e chirurgiche.

Regime di dosaggio

Intranasale. Evitare il contatto con gli occhi.

Adulti e bambini sopra i 12 anni:

  • 1-3 gocce Adrianol gocce nasali in ogni passaggio nasale fino a 4 volte al giorno.

Bambini sopra i 6 anni:

  • 1-2 gocce Adrianol gocce nasali per bambini in ogni passaggio nasale 3 volte al giorno.

La durata del farmaco non deve superare i 5 giorni.

Effetti collaterali

Locale:

  • irritazione (bruciore, prurito, indolenzimento, secchezza);
  • allergia al farmaco;
  • dopo l'interruzione del farmaco, è possibile la vasodilatazione "a rimbalzo" dei vasi della mucosa nasale.

Generale:

  • ipertensione arteriosa, che nei bambini è accompagnata da mal di testa e vomito, vertigini, paura, debolezza generale, tremore;
  • edema polmonare;
  • aritmia;
  • allucinazioni e disturbi mentali.

Controindicazioni per l'uso

  • ipersensibilità a componenti di medicina;
  • ipertiroidismo;
  • Cardiopatia ischemica;
  • ipertensione arteriosa;
  • feocromocitoma;
  • glaucoma;
  • grave danno epatico e renale;
  • gravidanza;
  • bambini sotto i 6 anni.

Applicazione durante la gravidanza e l'allattamento

Non usare questo farmaco durante la gravidanza..

Durante l'allattamento, il farmaco può essere utilizzato solo come indicato da un medico, poiché non vi sono dati sulla penetrazione del farmaco nel latte materno.

Domanda di violazioni della funzionalità epatica

Domanda di funzionalità renale compromessa

Applicazione nei bambini

Controindicato nei bambini di età inferiore ai 6 anni.

istruzioni speciali

Il farmaco deve essere usato con cautela nei pazienti con diabete mellito, con ipertrofia prostatica, poiché i livelli di zucchero nel sangue possono essere disturbati, nonché a causa del verificarsi di ritenzione urinaria acuta. Gli effetti collaterali sistemici sono possibili nei pazienti con malattie del sistema cardiovascolare, nei bambini e negli anziani. Va tenuto presente che anche con l'applicazione topica, la fenilefrina e la trimazolina reagiscono facilmente con altri farmaci. Particolare attenzione deve essere prestata all'uso simultaneo con inibitori MAO e simpaticolitici, poiché potenziano gli effetti cardiovascolari sistemici del farmaco.

Influenza sulla capacità di guidare veicoli e usare meccanismi

Il farmaco non influisce sulla capacità di guidare veicoli e di usare attrezzature.

Overdose

Sintomi:

  • aumento degli effetti collaterali. In caso di avvelenamento accidentale con Adrianol se assunto per via orale, sono possibili aritmia, tachicardia, aumento della pressione sanguigna.

Trattamento:

  • sintomatico sotto controllo medico.

Interazioni farmacologiche

L'ossitocina potenzia l'effetto ipertensivo della fenilefrina. Simpaticomimetici e fenilefrina possono causare tachicardia. Gli anestetici generali in combinazione con il farmaco possono causare aritmie. Gli inibitori MAO aumentano la biodisponibilità orale e rallentano il metabolismo della fenilefrina e potenziano il suo effetto, nonché l'effetto della trimazolina sul sistema cardiovascolare. Reserpina e altri simpaticolitici potenziano l'effetto della fenilefrina e della trimazolina. L'atropina potenzia l'azione della fenilefrina sul cuore. Gli alcaloidi di Ergot potenziano l'effetto della fenilefrina sulla pressione sanguigna. I farmaci digitali possono anche aumentare la sensibilità miocardica alla fenilefrina. I diuretici, in particolare la furosemide, possono ridurre l'effetto della fenilefrina sulla pressione sanguigna.

Condizioni di erogazione dalle farmacie

Condizioni di conservazione del farmaco

Conservare il farmaco in un luogo protetto dalla luce e dall'umidità a una temperatura non superiore a 25 ° С.

Adrianol® (gocce nasali per bambini)

Istruzioni

  • russo
  • қazaқsha

Nome depositato

Nome internazionale non proprietario

Forma di dosaggio

Gocce nasali per bambini 0,5 mg / ml + 0,5 mg / ml, 10 ml

Composizione

1 ml di soluzione contiene

principi attivi: fenilefrina cloridrato 0,5 mg

lerimazolina cloridrato 0,5 mg,

eccipienti: benzalconio cloruro, acido citrico monoidrato, metilcellulosa, sodio idrogeno fosfato diidrato, glicerina anidra, acqua depurata

Descrizione

Liquido trasparente, da incolore a giallo chiaro con un leggero odore

Gruppo farmacoterapico

Preparazioni nasali Anticongestionanti e altri preparati nasali topici. Simpaticomimetici in combinazione con altri farmaci (esclusi i glucocorticosteroidi). Fenilefrina in combinazione con altri farmaci

Codice ATX R01AB01

Proprietà farmacologiche

farmacocinetica

Se applicati localmente, la fenilefrina e la lerimazolina non vengono praticamente assorbite, quindi la loro concentrazione nel plasma sanguigno è molto bassa, ma possono comunque interagire con altri farmaci nella circolazione sistemica.

La fenilefrina viene assorbita in modo non uniforme dal tratto gastrointestinale, quindi viene immediatamente metabolizzata nell'intestino e nel fegato dall'enzima monoamina ossidasi (MAO). La biodisponibilità della fenilefrina è bassa, circa il 40%. Il volume di distribuzione è di 200-500 litri. Legame proteico non stabilito.

La fenilefrina viene metabolizzata in tutti i tessuti, principalmente nell'intestino e nel fegato. Il metabolismo è esteso alla formazione di solfati e metaboliti glucuroidi, che vengono poi escreti attraverso i reni. I metaboliti non hanno attività farmacologica, la loro emivita è di 2-3 ore.

farmacodinamica

Adrianol® appartiene al gruppo di agenti vasocostrittori locali (anti-congestione). È costituito da due principi attivi: la fenilefrina appartiene al gruppo delle fenilamine, la lerimazolina è un derivato dell'imidazolina.

La fenilefrina è un agonista dei recettori a1-adrenergici, mentre la lerimazolina è un agonista dei recettori a1 e a2-adrenergici localizzati nella muscolatura liscia dei vasi sanguigni. La stimolazione locale di questi recettori nei vasi sanguigni della mucosa nasale provoca vasocostrizione e allevia il gonfiore, che facilita la respirazione nasale, aiuta a svuotare i seni nasali ed equalizza la pressione nel rinofaringe e nell'orecchio medio attraverso la tromba di Eustachio. La fenilefrina, applicata localmente sulla mucosa nasale e sulla mucosa oculare, agisce riducendo gonfiore e arrossamento. Dopo l'interruzione della terapia, esiste il rischio di sviluppare una vasodilatazione di rimbalzo della mucosa nasale.

La somministrazione sistemica di fenilefrina porta ad un aumento della resistenza vascolare periferica totale e della pressione sanguigna a causa della stimolazione dei recettori A nelle arteriole, nelle vene e nei polmoni. L'effetto della vasocostrizione è debole ma più duraturo dell'effetto di adrenalina e noradrenalina. Un forte aumento della pressione sanguigna porta all'attivazione dei barorecettori nell'arco aortico e alla ramificazione carotidea e il dominio del nervo vago nel cuore si manifesta sotto forma di bradicardia. In rari casi, la tachicardia può verificarsi a seguito di un effetto simpaticomimetico indiretto e di un effetto agonistico sui recettori b-adrenergici.

indicazioni

- rinite infettiva e allergica, sinusite

- procedure diagnostiche e procedure chirurgiche (come

decongestionante adiuvante)

Metodo di somministrazione e dosaggio

Bambini da 6 a 12 anni: 1-2 gocce in ciascun passaggio nasale, non più di 3 volte al giorno. Applicare con una leggera inclinazione della testa all'indietro. Dopo l'introduzione delle gocce, il passaggio nasale deve essere premuto per un breve periodo.

La durata del consumo di droga non è superiore a 3 giorni

Effetti collaterali

Nel valutare l'incidenza di vari effetti collaterali, sono state utilizzate le seguenti gradazioni: molto spesso (1 / 10), spesso (da 1 / 100 a