loader

Principale

Rinite

Come trattare la rinite allergica

La rinite allergica o la rinite allergica è una malattia della mucosa del naso e degli occhi che si verifica quando una persona entra in contatto diretto con la causa dell'allergia: un allergene. È caratterizzato dalla manifestazione di prurito nel paziente, rilascio di secrezioni mucose, congestione nasale, starnuti frequenti, respiro corto. Alcune forme di rinite possono causare un effetto negativo sul corpo e sul sistema immunitario, contribuendo allo sviluppo di gravi malattie croniche.

Cause di rinite allergica

Esistono due tipi di fonti di allergia: aperte e chiuse.

Le sorgenti aperte sono tipiche delle manifestazioni stagionali della rinite, che spesso si verificano nelle fasi iniziali durante i periodi di fioritura di alberi (primavera-estate) o erbe e arbusti selvatici (agosto-settembre). Gli allergeni aperti includono:

Le fonti chiuse di rinite indicano una forma più grave del decorso della malattia con una possibile transizione a uno stadio cronico. Di norma, gli allergeni chiusi non si trovano in una singola copia, ma costituiscono interi gruppi di elementi che causano una reazione infiammatoria nel corpo. Gli allergeni chiusi includono:

  • Peli di animali domestici;
  • Acari della polvere;
  • Fumo di tabacco;
  • Cosmetici;
  • scarafaggi;
  • Muffa che cresce nelle stanze umide.

La natura allergica del raffreddore comune può essere causata da qualsiasi elemento che incontri nel corso dell'attività quotidiana. In natura, esiste un numero enorme di allergeni a cui l'organismo produce anticorpi E (IgE) delle immunoglobuline, che svolgono un ruolo importante nel verificarsi di reazioni allergiche.

Importante! Nel trattamento della rinite allergica nelle fasi iniziali, l'analisi degli anticorpi dell'immunoglobulina E (IgE) consente di determinare con maggiore precisione la presenza di una reazione allergica.

È lgE che può fare uno scherzo crudele con te, avendo percepito prodotti, sostanze o elementi che erano familiari e precedentemente sicuri per una persona come aliena, provocando una reazione allergica. Nella pratica medica, tali casi si verificano abbastanza spesso e determinare la natura dell'insorgenza della malattia diventa un compito estremamente difficile..

Classificazione della rinite allergica

Gli esperti distinguono i seguenti tipi e classificazioni di rinite:

  • allergico,
  • infettivo,
  • rinite non allergica, non infettiva.

Distingua anche la rinite stagionale e cronica..

La stagione è la meno pericolosa per la salute umana e di solito è lieve per 1-1,5 mesi una volta all'anno.

La cronica si verifica quando c'è un'evidente reazione allergica a fonti chiuse di allergeni, che richiede un trattamento complesso e persino un cambio di residenza, fino a un completo cambiamento della zona climatica.

Rinite allergica stagionale

La rinite stagionale si verifica sia nei bambini che negli adulti. Un aiuto qualificato con la rinite di tipo stagionale è necessario il più presto possibile, si consiglia di consultare il proprio medico alle prime manifestazioni dei sintomi:

  • Rinorrea;
  • Arrossamento della pelle;
  • Starnuti frequenti.

Nelle prime fasi dell'insorgenza della malattia, il trattamento della rinite allergica è il modo più rapido e più indolore e offre anche la massima garanzia di eliminare completamente una reazione allergica a elementi e oggetti specifici..

Importante! I sintomi della rinite allergica possono verificarsi con un aumento della temperatura corporea a 37,0-37,3 gradi. Inoltre, con la manifestazione di raffreddori e malattie infettive, c'è spesso un'esacerbazione dei sintomi di una rinite allergica e un deterioramento delle condizioni generali del paziente..

Le ragioni principali per la comparsa di rinite allergica stagionale

Una reazione allergica di tipo stagionale si verifica durante l'intervallo di fioritura di piante e alberi, quando viene prodotta una grande quantità di polline, trasportata dalle masse d'aria. I principali allergeni durante questo periodo sono:

  1. L'ambrosia è il principale allergene che provoca la rinite, secondo gli studi, oltre il 75% delle persone è allergico proprio a causa del polline di questa pianta. Più pericoloso prima di pranzo;
  2. Erbe: da metà maggio a fine giugno, la fioritura attiva e la maturazione delle erbe che emettono un'enorme quantità di polline e semi continuano, di regola, la reazione a loro si manifesta la sera;
  3. Alberi e arbusti - le piante da frutto e ornamentali che fioriscono in primavera sono soggette al rilascio di un'enorme quantità di semi e polline, che influisce negativamente sulle condizioni della persona allergica;
  4. Spore della muffa: si distinguono dal fogliame caduto e in decomposizione dalla primavera all'autunno, in particolare influisce negativamente sulla condizione umana nei giorni secchi e ventosi, nonché in caso di pioggia e umidità, quando la concentrazione di spore nell'aria è massima.

Sintomi di rinite allergica

I principali sintomi di una rinite allergica sono un naso che cola e un'abbondante scarica di gocce postnasali, altri sintomi dipendono esclusivamente dalla fase della malattia, che è divisa in due fasi: presto e tardi.

Sintomi di rinite in fase iniziale

La prima fase dell'allergia si manifesta in pochi minuti di esposizione agli allergeni sulla mucosa rinofaringea ed è accompagnata dai seguenti sintomi:

  • Rinorrea;
  • Starnuti frequenti
  • Prurito agli occhi, naso, gola, bocca.

Sintomi di rinite in fase avanzata

I sintomi della fase tardiva dell'allergia compaiono entro 4-8 ore, dopo che l'allergene entra nel corpo umano e si manifesta nei seguenti casi:

  • Congestione di orecchie e naso
  • letargia;
  • Irritabilità aumentata;
  • Mal di testa;
  • Sanguinamento dal naso;
  • Mal d'orecchie.

Come si manifesta la rinite allergica nella sua fase avanzata? Molto semplicemente, i sintomi iniziano a influenzare gradualmente la persona e nelle prime ore ti sembrerà di essere solo stanco o di non aver dormito abbastanza, forse hai un po 'di raffreddore..

Importante! Con una reazione allergica estremamente grave, sono possibili sangue dal naso ripetuti. In tale situazione, è necessaria l'assistenza medica immediata di uno specialista qualificato..

Come distinguere la rinite allergica?

La rinite allergica nei bambini e negli adulti può sempre essere distinta in pochi minuti, anche senza visitare un medico. Al momento, non stiamo parlando di una diagnosi, ma della diagnosi di una forma allergica della malattia.

In caso di reazione allergica, una persona avverte un peggioramento della sua condizione dopo 2-5 minuti, inizia un abbondante naso che cola e starnuti, durante le successive 4-8 ore gli anticorpi vengono attivamente secreti all'interno del corpo, contribuendo a un deterioramento ancora maggiore delle condizioni generali. La temperatura corporea aumenta, inizia il prurito, compaiono affaticamento e irritabilità.

Se si verificano tali situazioni, è necessario consultare immediatamente un medico che possa farle una serie di domande che chiariscano come e dopo che è iniziata l'allergia, se si stanno assumendo farmaci con effetti collaterali simili. Se necessario, ti verrà chiesto di superare alcuni tipi di test.

Tipi di test per rilevare la rinite

Per diagnosticare la malattia, vengono utilizzati diversi metodi di analisi, correlati all'identificazione diretta della fonte primaria della malattia: l'identificazione dell'allergene.

Test cutaneo

Viene praticata una piccola incisione sulla pelle del paziente, simile a un graffio, su cui viene applicato un allergene disciolto in una soluzione, se per qualche tempo la sostanza inizia a provocare una reazione allergica, il test viene eseguito correttamente, altrimenti i test continuano. Il test consente di determinare la causa della rinite allergica con una precisione del 90%.

Tampone nasale

La secrezione contenuta nella mucosa del rinofaringe ci consente di comprendere la natura dell'insorgenza della malattia e determinarne il tipo: virale, allergenico, cronico. Lo striscio viene esaminato al microscopio, dove vengono esaminati la struttura e il contenuto della secrezione.

Analisi delle IgE

L'analisi fornisce dati imprecisi, ma nel caso in cui il paziente non sia in grado di sottoporsi a un test cutaneo a causa della gravidanza o della presenza di alcuni tipi di malattie che vietano tale analisi, l'analisi delle IgE, eseguita su campioni di sangue, viene in soccorso.

Il sangue prelevato da te per l'analisi viene posto in boccette separate, dove viene alternativamente mescolato con allergeni, cercando di determinare la fonte della malattia.

Trattamento della rinite allergica

Il trattamento della rinite allergica in tutte le fasi del suo corso avviene esclusivamente con farmaci e terapia in sale per trattamenti appositamente attrezzate. Il meccanismo di trattamento è simile al seguente:

  1. Identificazione dell'allergene che causa congestione nasale
  2. Completa eliminazione o riduzione del contatto del paziente con l'allergene;
  3. Assunzione di farmaci che migliorano l'immunità e riducono i sintomi della malattia;
  4. Immunoterapia specifica per allergeni;
  5. Prevenzione della malattia.

Diversi tipi di farmaci sono usati per trattare la congestione nasale sia cronica che allergica, ma il gruppo antistaminico è sempre la base per la terapia..

Farmaci del gruppo antistaminico

L'assunzione di farmaci è prescritta esclusivamente dal medico curante e, di norma, dipende dalle condizioni attuali del paziente. Sono prescritti antistaminici di seconda e terza generazione, che hanno effetto entro 15-20 minuti dopo l'assunzione di una pillola o sciroppo.

Più spesso, il medico prescrive Zodak, Cetrin, Erius, 1 compressa o un cucchiaio di sciroppo una volta al giorno. In situazioni con gravidanza e bambini di età inferiore ai 2 anni, il farmaco viene selezionato individualmente o completamente escluso dal corso del trattamento, poiché può avere conseguenze irreparabili per il corso della gravidanza e sul corpo in crescita del bambino.

Risciacquo del naso

Il trattamento della congestione nasale mediante vampate di calore è ottimo per le riacutizzazioni stagionali. I preparati ricchi di iodio e acqua di mare alleviano a lungo l'edema delle mucose, aiutano a pulire il tratto respiratorio.

Per il lavaggio si consiglia di utilizzare spray nasali: Allergol, Aqua Maris, Quicks, Aqualor, Atrivin-More, Dolphin.

Esiste anche un metodo popolare per trattare il raffreddore comune mediante lavaggio, ma la sua efficacia non è stata dimostrata, poiché la soluzione allevia solo temporaneamente i sintomi e non ha un effetto duraturo..

Per preparare la soluzione a casa, avrai bisogno di:

  • ¼ di cucchiaino di sale in un bicchiere da 200 ml di acqua bollita (raffreddato);
  • ¼ di cucchiaino di bicarbonato di sodio in un bicchiere d'acqua da 200 ml;
  • 2-3 gocce di iodio.

L'intero contenuto del bicchiere deve essere accuratamente miscelato e utilizzato secondo una ricetta popolare per il risciacquo quotidiano del naso.

Gocce di vasocostrittore

I farmaci vasocostrittori non hanno alcun effetto sul recupero del paziente durante la rinite allergica. Le gocce hanno un effetto a breve termine sui vasi e sulla mucosa, nella maggior parte dei casi complicando il processo della malattia.

Per i bambini con rinite allergica, l'uso di gocce nasali è categoricamente controindicato..

L'uso di alcuni farmaci per lungo tempo può causare tossicodipendenza e diventare una delle cause della congestione nasale cronica..

desensibilizzazione

L'introduzione di una piccola quantità di una soluzione contenente allergeni sotto la pelle umana su un programma crescente al fine di sviluppare l'immunità a una sostanza o elemento specifico. A seconda della gravità dell'allergia, il corso del trattamento in questo modo può richiedere da 6 mesi a 3 anni..

Prima di iniziare il trattamento, è indispensabile consultare il proprio medico e immunologo.

Prevenzione della rinite

Per la prevenzione dei farmaci della rinite nei bambini e negli adulti, vengono utilizzati farmaci contenenti cromoni:

I farmaci aiutano a ridurre i sintomi della reazione del corpo all'allergene. I fondi hanno un effetto estremamente positivo sul decorso della malattia, contribuendo anche alla sua prevenzione.

Esistono altri metodi per prevenire lo sviluppo della congestione nasale e la formazione di rinite allergica, tra cui:

  • Sostituzione di lenzuola, cuscini e coperte con altri nuovi con riempitivo anallergico;
  • 3 volte pulizia complessa dell'appartamento a settimana;
  • Mancanza di animali domestici nell'appartamento;
  • Cambio di residenza in un'altra regione durante un'esacerbazione di una reazione allergica.

Caratteristiche di nutrizione e stile di vita

Le cause della rinite allergica possono essere estremamente varie, dalle intolleranze alimentari agli acari della polvere e ai peli di animali domestici. Avendo stabilito la causa dell'allergia, dovresti immediatamente rifiutare di tenere gli animali domestici a casa, condurre una pulizia più accurata e regolare nell'appartamento.

Gli esperti consigliano di non ignorare le raccomandazioni del medico curante per una rinite allergica, poiché il rischio di sviluppare una malattia cronica derivante da una forma allergica è estremamente elevato.

La rinite stessa non rappresenta alcun pericolo per la salute e uno stile di vita attivo per una persona, tuttavia provoca un certo disagio, rovina l'aspetto e può progredire verso forme più gravi della malattia, questo processo è solitamente chiamato una marcia.

Possibili complicazioni

L'inizio del trattamento o l'automedicazione inizialmente errata possono portare alla progressione della rinite in malattie croniche complesse, fino a polmonite e polmonite. Esistono anche malattie più gravi, in forme croniche di cui può fluire la rinite allergica e cronica..

Un soggetto allergico deve escludere completamente il contatto con l'allergene, consultare un immunologo e iniziare il più presto possibile un trattamento terapeutico complesso sotto la supervisione del medico curante.

Rinite allergica stagionale: caratteristiche locali

La prevalenza della rinite allergica stagionale con / senza asma bronchiale nei pazienti sensibilizzati dipende da molti fattori ambientali: posizione climatica e geografica della regione, esposizione a polline, malattie delle comorbilità, ecc.

La prevalenza della rinite allergica stagionale con / senza asma bronchiale nei pazienti sensibilizzati dipende da molti fattori ambientali: posizione climatica e geografica della regione, esposizione a polline, malattie comorbose, ecc. Lo studio delle caratteristiche locali dell'allergia respiratoria è importante per la pianificazione della prevenzione e della corretta farmacoterapia. In tutto il mondo, ai pazienti vengono prescritti farmaci glucanasici per via endovenosa (budesonide, mometasone, fluticasone propionato, ecc.). Nella forma moderata o grave di rinite allergica e nella prevalenza di naso chiuso, i corticosteroidi intranasali sono i farmaci della prima linea di trattamento.

Oggi, l'allergia respiratoria - rinite allergica (AR) con / senza congiuntivite (ARC) e asma bronchiale (BA) - costituisce la maggior parte delle malattie allergiche in Europa [1]. Negli Stati Uniti, l'AR colpisce fino al 14% di bambini e adulti e la prevalenza di AD varia significativamente nei diversi paesi (dal 4% al 18%) [2]. Come più volte sottolineato in un recente studio multicentrico di Acad. AG Chuchalin, in Russia, così come in tutto il mondo, ha una diagnosi insufficiente di BA e AR [3]. Quindi, se secondo i dati dei primi studi epidemiologici condotti nel 2014 nella Federazione Russa dal 6 all'8% degli adulti e fino al 12% dei bambini soffriva di asma [4], in realtà c'erano quasi 3-4 volte più pazienti con asma tra gli adulti (25, 7%) e con AR - 18,2% [3]. Oltre agli aspetti metodologici della ricerca, è abbastanza ovvio che gli indicatori epidemiologici dipendono fortemente dalle procedure diagnostiche utilizzate, dalla definizione della malattia in diversi paesi, dal design, dalle risorse scientifiche, ecc. Anche il livello di conoscenza di un medico di qualsiasi specialità, i fattori organizzativi che influenzano la qualità sono importanti. assistenza medica per ogni paziente, disponibilità di assistenza medica specializzata, ecc. [3, 5, 6].

La prevalenza dell'allergia respiratoria è influenzata da fattori genetici non completamente conosciuti, nonché da condizioni esterne e fattori di rischio completamente diversi (genere, atopia familiare, sensibilizzazione precoce, esposizione a vari allergeni, allergie alimentari, dermatite atopica, ecc.). A questo proposito, un'analisi comparativa a lungo termine dell'influenza di vari fattori di rischio sulla prevalenza di malattie allergiche tra i pazienti che vivono in due regioni vicine con una delle differenze socio-economiche più contrastanti al mondo - nella Carelia finlandese (Finlandia) e nella Repubblica di Carelia (RF) [6]. Studi recenti confermano che l'identificazione accurata delle malattie respiratorie croniche è strettamente correlata all'eterogeneità (fenotipi) di ciascuna malattia, comorbidità, mancanza di biomarcatori disponibili e non invasivi, nonché a una serie di altre ragioni che portano alla loro diagnosi insufficiente [7]. A sua volta, la mancanza di una terapia tempestiva, l'adozione di misure preventive e la non aderenza al regime di trattamento sono accompagnate da un aumento dei costi e varie complicazioni. Pertanto, è noto da tempo che l'AR è un fattore di rischio indipendente per lo sviluppo di AD. Inoltre, la salute di ogni persona è strettamente correlata al livello individuale e generale dello stato socioeconomico, nonché al suo stile di vita. Insieme alla disponibilità di cure mediche ottimali, contribuiscono a mantenere vari livelli di stress psicosociale, che svolge un ruolo estremamente importante, in particolare, nel controllo dei sintomi dell'AD [8, 9]. Quindi, in Cina, secondo L. Wang et al. il più alto rischio di esacerbazioni gravi è stato riscontrato anche in pazienti asmatici con basso status sociale [9].

Tra le allergie respiratorie, il polline è una delle cause importanti delle reazioni IgE-mediate, che colpisce fino al 30% della popolazione dei paesi industrializzati (www.eaaci.org). Una caratteristica del corso dell'ARCO stagionale (SARK, febbre da fieno) negli individui sensibilizzati è una forte dipendenza da molti fattori ambientali: posizione climatica e geografica della regione, composizione tassonomica della flora, intensità di esposizione al polline, prevalenza di malattie concomitanti, ecc. compresa la disponibilità di un'assicurazione contro i farmaci, nonché l'organizzazione di cure allergiche per i pazienti in generale [1, 10, 11].

La Repubblica cecena si trova nel sud della Federazione Russa e fa parte del distretto del Caucaso settentrionale. A causa della mancanza di un servizio medico allergico, nonché delle note ragioni socio-politiche della fine del 20 ° e dei primi del 21 ° secolo (che erano invariabilmente accompagnate da un accesso limitato alle cure mediche), nella Repubblica cecena non fu praticamente condotta alcuna ricerca sull'epidemiologia delle malattie allergiche. A questo proposito, è urgente studiare questo problema per migliorare la gestione e la prevenzione dell'allergia respiratoria in Cecenia..

Di seguito riassumiamo i risultati della nostra ricerca..

La principale popolazione indigena della Repubblica cecena risiede permanentemente ceceni, praticamente non vi sono migranti. La regione di residenza è caratterizzata da un basso inquinamento atmosferico da parte di inquinanti, dall'assenza di una zona industriale molto vicina, esiste una strada principale di trasporto. La popolazione del distretto di Urus-Martan è caratterizzata da uno stato socioeconomico relativamente basso, sufficiente attività fisica, presenza di animali domestici - i gatti e i cani per le credenze religiose non sono tipici. L'attività principale della popolazione è l'agricoltura, il 45% dei pazienti inclusi nello studio erano impegnati nell'allevamento di bovini e nell'allevamento di ovini, il 30% aveva cavalli. Sul territorio della Cecenia c'è una coltivazione non intensiva di girasole.

Questo studio retrospettivo in singolo centro, in aperto, è stato condotto da ottobre 2013 a novembre 2016 e ha incluso 845 pazienti di età compresa tra 4 e 68 anni (età media 29 anni, incluso il 41,4% degli uomini) che si sono rivolti al centro ambulatoriale di Urus- Martana. I pazienti avevano documentato o sospettato di atopia, allergia respiratoria: manifestazioni cliniche di AR, che erano stagionali (SARK) e / o perenni (CAR); AD (tosse, respiro sibilante, respiro sibilante, attacchi di asma) secondo la classificazione "Rinite allergica e il suo impatto sull'asma" (ARIA) e Global Initiative for Ashma, GINA). I codici per le malattie allergiche erano conformi all'ICD: per la rinite allergica - J30.1 rinite allergica da polline, J30.3 altra rinite allergica o J30.4 rinite allergica, non specificata; J45.0 asma prevalentemente allergico, J45.8 asma misto. Nella maggior parte dei casi, i sintomi di AR, ARC e BA sono stati valutati come gravità moderata o moderata, poiché i pazienti con sintomi lievi generalmente non hanno consultato un allergologo, preferendo curarsi.

Dopo un esame fisico, i pazienti sono stati sottoposti a test cutanei (CP) secondo il protocollo generalmente accettato usando estratti di acqua salata di allergeni di diverse serie: Dermatophagoides pteronyssinus, Dermatophagoides farinaе, blatta Blattella germanica (diverse serie), peli di animali (gatto, cane, pecora, peli di cavallo), una miscela di alberi, una miscela di erbe di prato, polline di ambrosia, polline di assenzio (tutti gli estratti di acqua salata di allergeni di fabbricazione russa non sono standardizzati). Sono stati usati estratti di allergeni fungini Aspergillus, Cladosporium herbarum, Alternaria tenuis. Un paziente era considerato atopico se aveva almeno un CP positivo con diametro della papula ≥ 3 mm con controllo negativo dell'istamina. La polisensibilizzazione è stata definita come un risultato CP positivo per due o più allergeni di diversi gruppi.

Come mostrato dall'analisi della visita dei pazienti (n = 845), il più delle volte i pazienti con SARK (63,7%), quindi con BA (17,16%), i pazienti con solo CAR erano del 7,81%, hanno consultato un allergologo-immunologo. circa lo stesso numero (7,1%) è venuto con lamentele di dermatite atopica e, molto raramente, con orticaria acuta (0,24%). Secondo i dati del KP, gli aeroallergeni più comuni erano il polline di alberi ed erbe (nel 71,6% dei casi), quindi gli acari della polvere D. pteronyssinus e / o D. farinae (52,5%); la sensibilizzazione a qualsiasi tipo di muffa era notevolmente inferiore rispetto ad altri allergeni interni (8,4%), la sensibilizzazione agli scarafaggi era estremamente rara (0,71%). La sensibilizzazione agli allergeni del polline differiva nettamente nella struttura: era la più alta per il polline di erba (51,12%), poi per il polline di erba (26,63% per l'ambrosia e il 20,71% per l'assenzio) e il polline degli alberi (14 91%) (Tabella 1).

Dei 605 pazienti con risultati CP positivi per estratti di allergeni pollinici, il 30,7% (n = 186) era monosensibilizzato e il 69,3% (n = 419) era polisensibilizzato (IC 95% 65,4-72,9). La monosensibilizzazione era più comune nei pazienti con sensibilizzazione al polline di erba (35,6%) rispetto agli alberi (16,7%), ed estremamente raramente nei pazienti con allergia all'ambrosia (n = 6 su 225, 2,7%) e assenzio (n = 5 su 175, 2,9%). Di conseguenza, la polisensibilizzazione era significativamente più comune nelle allergie all'ambrosia (46.6%, pFisher = 1.09 × 10 –59) e assenzio (36.2%, pFisher = 2.74 × 10 –43).

I nostri dati sono il primo studio che documenta la prevalenza dell'allergia respiratoria in Cecenia e, in particolare, il profilo di sensibilizzazione di SARK nei pazienti che vivono in questa regione climatica-geografica della Russia. Ai pazienti è stata diagnosticata un'allergia respiratoria da un medico e i sintomi clinici durante le visite a un allergologo corrispondevano a una gravità da moderata a grave di AR e / o BA, che rende la diagnosi di ciascuna di queste malattie altamente specifica. È noto che non tutti i pazienti visitano i medici, soprattutto con lievi sintomi clinici, mentre la percentuale di casi non diagnosticati diminuisce con la progressione della gravità della malattia [12].

Inoltre, ogni risultato quando si imposta un CP dipende dalla qualità degli estratti di allergeni utilizzati, che di solito non sono standardizzati e in termini di contenuto dei componenti degli allergeni possono variare notevolmente da un produttore all'altro [13]. Inoltre, la polisensibilizzazione indotta da panallergeni (ad esempio, profilina e proteine ​​leganti il ​​calcio) può essere interpretata erroneamente come cosensibilizzazione a vari allergeni [14]. È stato inoltre stabilito che in ciascuna nicchia climatogeografica l'immunogenicità degli aeroallergeni (specialmente quelli dei pollini), la loro distribuzione e germinazione dipendono dai cambiamenti della temperatura dell'aria atmosferica, dal contenuto di vari inquinanti, dalla globalizzazione degli scambi, ecc. [15, 16].

Nel nostro studio, il tasso di sensibilizzazione al polline degli alberi nei pazienti ambulatoriali che vivono in Cecenia era il più basso degli allergeni pollinici (17,91%). In Europa, la sensibilizzazione al polline di betulla (Betulaceae) è la più dominante e si verifica 2 volte più spesso rispetto al polline delle erbe da prato (Poaceae) e più di 5 volte - al polline delle erbacce (Asteraceae) [17].

In tutto il mondo, c'è un aumento nei pazienti con sensibilizzazione agli allergeni del polline d'erba. Pertanto, nella popolazione europea, i suoi indicatori variano dal 18,5% al ​​28,5% [18], che è 2 volte inferiore rispetto alla Repubblica cecena. È probabile che il riscaldamento climatico aumenti la durata del periodo di impollinazione di erbe ed erbe infestanti, in particolare la diffusione dell'ambrosia nel continente europeo, dicono gli esperti [17-20]. La globalizzazione degli scambi è anche uno dei fattori più importanti che contribuiscono al diffuso avvento dell'ambrosia..

Come sapete, il 45% della popolazione negli Stati Uniti e in Canada è allergico all'ambrosia e il 10-14% alla assenzio, mentre in Europa i tassi di sensibilizzazione nei diversi paesi variano dal 2% al 54% [16]. Secondo F. Rueff et al., Il luogo di residenza e le condizioni geografiche o ambientali locali hanno un effetto minimo sulla sensibilizzazione all'ambrosia nei pazienti atopici in Baviera [19]. Alcuni studi hanno rilevato una minore prevalenza di allergia all'ambrosia negli immigrati rispetto ai pazienti locali. La sensibilizzazione al polline delle infestanti nei pazienti esaminati che vivono in Cecenia è stata notata quasi 2 volte inferiore rispetto alle regioni vicine. Pertanto, nel Territorio di Krasnodar, un aumento della prevalenza di SARK negli ultimi anni è stato causato principalmente da un aumento dell'esposizione al polline di ambrosia altamente allergenico, a cui è stato sensibilizzato il 72% dei pazienti con allergie respiratorie [11]. Nel territorio di Stavropol, gli adolescenti sono stati prevalentemente sensibilizzati al polline di erbe di cereali (31%) ed erbacce (44%); nella Repubblica dell'Ossezia del Nord - Alania, il polline delle erbe infestanti (61,4%) e dei prati (20,9%) era anche la principale causa di pollinosi nei pazienti di età superiore ai 18 anni [20]. Negli ultimi anni, la Repubblica di Georgia è stata coinvolta nel progetto internazionale sulla ricerca aeropalinologica dell'allergia all'ambrosia [16].

Indubbiamente, la conoscenza dello spettro di sensibilizzazione nella regione climatogeografica locale migliorerà il trattamento di tali pazienti. Inoltre, nella pratica clinica reale, il paziente può essere sensibilizzato sia agli allergeni stagionali (polline), tutto l'anno (acari della polvere, epidermide animale, scarafaggi), sia alla muffa e agli allergeni professionali. E nei climi tropicali è persino difficile distinguere i sintomi causati da pollini e acari..

Secondo meta-analisi, il trattamento di qualsiasi tipo di AR si basa sui glucocorticosteroidi nasali (nGCS) [21]. Secondo un recente studio internazionale in quattro regioni geografiche del mondo, otorinolaringoiatri e allergologi li hanno prescritti ai loro pazienti nell'86,54% dei casi [22]. Apparentemente, la risposta clinica complessiva nel confrontare nCGS disponibile non differisce significativamente tra i prodotti, indipendentemente dalla potenza locale, dalla solubilità dei lipidi e dall'affinità per i recettori GCS, affermano gli esperti [23]. In particolare, la forte attività antinfiammatoria locale della budesonide e il suo basso effetto sistemico (sia nel trattamento della BA che dell'AR) sono spiegati dalla capacità di questo GCS di modulare i meccanismi fisiopatologici, incluso il rilascio di numerosi mediatori e citochine, nonché l'infiltrazione di cellule infiammatorie attivate nella mucosa del tratto respiratorio [ 21, 23]. Inoltre, è preferibile l'uso di farmaci moderni con bassa biodisponibilità sistemica (in particolare a base di budesonide), poiché non influiscono sul tasso di crescita dei bambini. Inoltre, è stato dimostrato che nGCS (spray nasale budesonide - Tafen nasale; spray nasale mometasone - Nasonex, ecc.) Migliora il decorso dell'asma concomitante e riduce anche i sintomi della congiuntivite [21, 22]. L'inizio dell'azione di nGCS di solito si verifica entro 12 ore dalla somministrazione, ma i pazienti notano un miglioramento dei sintomi nasali entro 3-4 ore dopo la prima dose.

I corticosteroidi nasali sono particolarmente indicati per la congestione nasale. Si consiglia ai pazienti con SARK di prenderli anche prima che le piante inizino a fiorire. L'uso continuo di nGKS durante la stagione di spolvero di alberi ed erbe consente un controllo ottimale dei sintomi di ARK. Degli effetti collaterali di nGCS, la perforazione nasale e gli epistassi sono descritti molto raramente [21].

Un paziente con AR può richiedere un'ulteriore assunzione di altri farmaci: antistaminici orali e nasali di 2a generazione (Tabella 2) [21]. La farmacoterapia è particolarmente necessaria nei pazienti con SCIACCA che, per un motivo o per l'altro, non sono stati sottoposti a ASIT pre-stagionale. Con la comorbilità di AR e BA, gli esperti americani ritengono giustificata la nomina aggiuntiva di montelukast [21].

La presenza di polisensibilizzazione a vari gruppi di allergeni (come, secondo la letteratura, fino al 70-80% tra tutti i pazienti consultati dagli allergologi) riduce l'efficacia di qualsiasi terapia. La polisensibilizzazione comporta anche un aumento del costo della prevenzione e del trattamento ed è anche accompagnata da un aumento delle malattie da comorbilità in tali pazienti.

Caso clinico

La madre di un bambino di 6 anni è venuta a consultare un allergologo-immunologo nella direzione di un otorinolaringoiatra nel 02.2018 con lamentele per il naso che colava di un bambino, starnuti (più di 4 volte a settimana), lieve prurito al naso e agli occhi. Lo considera malato negli ultimi 8-9 mesi, compresa la primavera. Al bambino è stata diagnosticata un'ipertrofia adenoidea di 1-2 cucchiai. Un cane vive nell'appartamento (anche prima della nascita del bambino), il contatto con il quale, secondo la madre, non è accompagnato da sintomi clinici di ARC. Secondo il sondaggio, il bambino non aveva allergie alimentari o farmacologiche nell'anamnesi, nonché episodi di ostruzione bronchiale. L'inizio delle manifestazioni cliniche in primavera ha richiesto l'eliminazione della sensibilizzazione al polline degli alberi e alle muffe. L'esame fisico non ha rivelato patologie da parte degli organi interni, ad eccezione di una lieve congestione nasale. Secondo i dati dell'indagine: nell'analisi del sangue generale - eosinofili - 7%, nella secrezione nasale - più di 80 eosinofili. È stato effettuato un esame allergico (RIDA, pannello respiratorio), che ha rivelato una debole sensibilizzazione al polline di ontano (0,52 ke / l - classe I), a epitelio e pelo di gatto (0,41 ke / l - classe I), ad altri aeroallergeni - nell'intervallo 0-0,31 ke / l. Per chiarire il profilo della sensibilizzazione, al bambino sono stati inoltre forniti test cutanei per acari della polvere domestica (D. pteronyssinus, D. farinaе), epitelio del cane ed epitelio del gatto. Dopo 15 minuti - con reazione positiva all'istamina e controllo negativo - test di puntura per epitelio di gatto - blister d = 2 mm, per epitelio di cane - negativo, per una miscela di polline di alberi - blister d = 6 mm.

Si raccomanda il rispetto di un regime ipoallergenico nella vita quotidiana, finalizzato alla massima riduzione possibile dell'esposizione agli allergeni interni. La madre ha rifiutato categoricamente di dare via l'animale. Tenendo conto dei dati citologici del muco nasale (eosinofilia nasale> 80%), nonché dei sintomi pronunciati di AR, al bambino è stato prescritto un trattamento con budesonide con uno spray nasale 1 iniezione 2 volte al giorno (fino alla fine della spolveratura degli alberi e altro).

Letteratura

  1. Genuneit J., Seibold A., Apfelbacher Ch., Konstantinou G., Koplin J., La Grutta S., Logan K., Flohr C., Perkin M. Per la Task Force “Panoramica delle revisioni sistematiche nell'epidemiologia delle allergie (OSRAE ) "Del gruppo di interesse EAACI sull'epidemiologia. Lo stato dell'epidemiologia dell'asma: una panoramica delle revisioni sistematiche e della loro qualità // Clin Transl Allergy. 2017; 7: 12.
  2. Bousquet J., Anto J., Auffray C., Akdis M., Cambon-Thomsen A., Keil T. et al. MeDALL (Meccanismi di sviluppo dell'allergia): un approccio integrato dai fenotipi alla medicina sistemica // Allergia. 2011; 66: 596-604.
  3. Chuchalin AG, Khaltaev N., Antonov NS, Galkin DV, Manakov LG, Antonini P., Murphy M., Solodovnikov AG, Bousquet J., Pereira MH, Demko IV Malattie respiratorie croniche e fattori di rischio in 12 regioni della Federazione Russa / / Int J Chron Obstruct Polmon Dis. 12 settembre 2014; 9: 963-974.
  4. Bellevskiy A. GARD in Russia. Ginevra: Organizzazione mondiale della sanità. Accesso al 17 luglio 2014. Disponibile da: http://www.who.int/gard/news_events/GARD%20 in% 20 Russia.pdf.
  5. Yap P., Gilbreath S., Garcia C., Jareen N., Goodrich B. L'influenza dei marcatori socioeconomici sull'associazione tra particolato fine e ricoveri ospedalieri per condizioni respiratorie tra i bambini // Am. J. Public Health. 2013; 103 (4): 695-702.
  6. Ruokolainen L., Paalanen L., Karkman A., Laatikainen T., von Hertzen L., Vlasoff T., Markelova O., Masyuk V., Auvinen P., Paulin L., Alenius H., Fyhrquist N., Hanski I., Makel MJ, Zilber E., Jousilahti P., Vartiainen E., Haahtela T. Significative disparità nella prevalenza di allergie e nel microbiota tra i giovani della Carelia finlandese e russa // Clin Exp Allergy. 2017; 47: 665–674.
  7. Migueres M., Davila I., Frati F. et al. Tipi di sensibilizzazione agli aeroallergeni: definizioni, prevalenze e impatto sulla diagnosi e sul trattamento delle malattie respiratorie allergiche // Clin Transl Allergy. 2014; 04:16.
  8. Smejda K., Polanska K., Merecz-Kot D., Krol A., Hanke W., Jerzynska J., Stelmach W., Majak P., Stelmach I. Lo stress materno durante la gravidanza e le malattie allergiche nei bambini durante il primo anno della vita // Respir Care. 2018; 63: 70-76.
  9. Wang L., Liang R., Zhou T., Zheng J., Liang B. M., Zhang H. P., Luo F. M., Gibson P. G., Wang G. Identificazione e validazione di fenotipi di asma nella popolazione cinese usando l'analisi dei cluster // Ann Allergy Asthma Immunol. 2017; 119: 324-332.
  10. Bachert C., Larche M., Bonini S., Canonica G. W., Kundig T., Larenas-Linnemann D. et al. Immunoterapia allergenica sulla strada della valutazione basata sui prodotti - una dichiarazione WAO // World Allergy Organ. J. 2015; 08:29.
  11. Orekhova O. Yu., Fedotova N. V., Gotovchikova A. A., Luzan E. S. Prevalenza di rinite allergica stagionale nel territorio di Krasnodar causata dalla fioritura di erbe infestanti e metodi di lotta all'ambrosia. Forum interregionale con partecipazione internazionale "Immunologia clinica e allergologia - Problemi interdisciplinari" (30 maggio - 1 giugno 2016, Kazan) // Russian Journal of Allergy. 2016, n. 3 (v. 2), pag. 103.
  12. Lindberg A., Larsson L. G., Muellerova H., Runmark E., Lundbeck B. Aggiornato sulla mortalità per BPCO - rapporto dallo studio OLIN COPD // BMC Pulm Med. 2012; 12: 1.
  13. Van Hage M., Hamsten C., Valenta R. ImmunoCAP Saggi: pro e contro in allergologia // J Allergy Clin Immunol. 2017; 140 (4): 974-977.
  14. Ipersensibilità di Asero R., Wopfner N., Gruber P., Gadermaier G., Ferreira F. Artemisia e Ambrosia: co-sensibilizzazione o co-riconoscimento? // Clin Exp Allergy. 2006; 36: 658-665.
  15. Barber D., de la Torre F., Feo F. et al. Comprensione dei profili di sensibilizzazione dei pazienti in aree polliniche complesse: uno studio epidemiologico molecolare // Allergia. 2008: 63: 1550-1558.
  16. Sikoparija B., Skjøth C., Celenk S., Testoni T., Abramidze K., Alm Kübler J., Belmonte U., Berger M., Bonini A., Charalampopoulos A., Damialis B., Clot Å., Dahl LA, de Weger R. Gehrig. Variazioni spaziali e temporali del polline di Ambrosia nell'aria in Europa // Aerobiologia. 2017; 33: 181-189.
  17. Burbach G., Heinzerling L. M., Röhnelt C., Bergmann K.-C., Behrendt H., Zuberbier T. Ragweed sensibilizzazione in Europa - Uno studio GA 2 LEN suggerisce una crescente prevalenza // Allergia. 2009; 64: 664-665.
  18. Smith M., Jäger S., Berger U. et al. Variazioni geografiche e temporali dell'esposizione al polline in Europa // Allergia. 2014; 69: 913-923.
  19. Ruеff F., Przybilla B., Walker A., ​​Gmeiner J., Kramer M., Sabans-Bovu D., Kechenhoff H., Herzinger T. Sensibilizzazione all'ambrosia comune nella Baviera meridionale: fattori di rischio clinici e geografici nei pazienti atopici / / Int Arch Allergy Immunol. 2012; 159: 65-74.
  20. Macharadze D., Janaeva H., Avilov K. Ragweed allergia nel sud della Russia - nella Repubblica cecena // Georgian Med News. 2017; 266: 93-99.
  21. Wallace D., Dykewicz M. Confrontando le prove nelle linee guida sulla rinite allergica // Curr Opin Allergy Clin Immunol. 2017; 17: 286-294.
  22. Passali D., Cingi C., Staffa P. et al. Lo studio internazionale dell'indagine sulla rinite allergica: risultati da 4 regioni geografiche // Asia Pac Allergy. 2018, gennaio; 8 (1): e7.
  23. Wallace D., Dykewicz M., Bernstein D. et al. Task force congiunta sulla pratica; American Academy of Allergy; Asma e immunologia; American College of Allergy; Asma e immunologia; Consiglio congiunto di allergia, asma e immunologia. La diagnosi e la gestione della rinite: un parametro di pratica aggiornato // J Allergy Clin Immunol. 2008; 122 (2 Suppl): S1 - S84.

Kh.A. Yanaeva *
D. Sh. Macharadze **, 1, dottore in scienze mediche, professore
K. K. Avilov ***, candidato alle scienze fisiche e matematiche

* Centro medico "Planet of Health", Urus-Martan
** FGAOU VO RUDN, Mosca
*** FGBUN ICM li. G. I. Marchuk RAS, Mosca

Rinite allergica stagionale: caratteristiche locali / Kh. A. Yanaeva, D. Sh. Macharadze, K. K. Avilov

Per citazione: Assistente medico n. 3/2018; Numeri di pagina nel numero: 73-76

Tag: corticosteroidi intranasali, budesonide, mometasone, fluticasone propionato

Cause, sintomi e trattamento della rinite allergica stagionale

La rinite stagionale colpisce persone di tutte le età. Questa è la risposta del corpo agli stimoli. La malattia è simile alla SARS, ma non contagiosa. La dipendenza è determinata dall'eredità. Alcuni dei genitori sono sensibili alle allergie: anche il bambino (con un alto grado di probabilità) avrà la malattia.

Rossore degli occhi, deflusso di frazioni liquide dal naso, prurito e lacrimazione abbondante si distinguono dalla solita rinite allergica. La malattia riduce la qualità della vita. È impossibile lasciarlo incustodito: si verificano asma bronchiale, sinusite purulenta, otite media.

Perché sorge?

Un irritante entra nel corpo. La sua presenza innesca una reazione. I medici identificano i motivi per la comparsa di rinite stagionale:

  • esposizione prolungata a un allergene;
  • fattore ereditario (i genitori soffrono di allergie);
  • la mucosa nasale è indebolita e non svolge funzioni protettive;
  • trattamento a lungo termine con farmaci antibatterici;
  • raffreddori regolari;
  • patologia del rinofaringe.

La rinite allergica stagionale è più attiva nella stagione calda. Alberi, erbe, cespugli iniziano a fiorire. Il corpo risponde con un naso che cola al polline allergenico. In caso di pioggia, i funghi disperdono le spore. Questo può provocare malattie..

Nei bambini, i disturbi metabolici provocano la rinite stagionale. Nei bambini di età inferiore a un anno, la rinite esprime una reazione negativa al cibo..

L'intensificazione della malattia è chiaramente divisa in periodi:

  1. La fine della primavera è l'inizio dell'estate. Fioritura di betulla, nocciola, ontano, quercia, pioppo. Il 70% dei pazienti si sente peggio durante questo periodo.
  2. Fine giugno - tutto luglio. Fioriscono le piante di grano. Questo periodo passa inosservato.
  3. Agosto. Fioritura di massa di assenzio, piantaggine, ambrosia, quinoa. La rinite stagionale si riaccende. L'ambrosia è l'allergene più forte.

Alle persone che soffrono di rinite stagionale si consiglia di cambiare il luogo di residenza al momento della saturazione dell'aria con il polline.

Come si manifesta la malattia?

Il contatto con un allergene porta alla fase acuta della malattia. Sintomi di una rinite allergica:

  1. Un liquido limpido, incolore e inodore scorre dalle narici.
  2. Il gonfiore della mucosa rende difficile la respirazione. Passaggi nasali ristretti.
  3. Il paziente starnutisce frequentemente. Gli attacchi non consentono la normale respirazione. La mia testa inizia a girare.
  4. Orecchie e prurito agli occhi molto. Sensazione di prurito al naso.
  5. Le palpebre diventano rosse e gonfie. Le lacrime scorrono forte.
  6. Il viso sembra gonfio.

I tempi di insorgenza della rinite stagionale devono essere determinati con precisione. Ciò contribuirà a chiarire il tipo di allergene. Per fare una diagnosi finale, devi visitare un otorinolaringoiatra.

Diagnosi della malattia

Esistono due tipi di rinite allergica:

  1. Rinite persistente Il paziente perde sonno, appetito, si stanca rapidamente. L'immagine dell'allergia è chiara, i sintomi sono luminosi. La qualità della vita sta peggiorando.
  2. Rinite intermittente Forma lieve della malattia. La persona avverte un leggero disagio. I sintomi della malattia non sono espressi.

Il trattamento è richiesto per qualsiasi forma. Le condizioni del paziente possono improvvisamente peggiorare.

Puoi avere la rinite allergica stagionale a qualsiasi età. I genitori dovrebbero monitorare attentamente i propri figli per una diagnosi iniziale. Nei bambini, i segni di SARS e allergie non sono sempre chiaramente distinti. Prima viene fatta la diagnosi, più veloce arriverà la cura..

All'esame iniziale, il medico conduce un sondaggio, prescrive test generali. Per una diagnosi accurata, l'otorinolaringoiatra raccomanda:

  1. Test cutanei (determinare la risposta del corpo all'allergene). La copertina è leggermente ferita, la sostanza viene applicata. Si è verificato arrossamento: l'allergene è stato trovato. Lo studio è estremamente accurato. Svantaggi del metodo: sono necessari diversi test, non raccomandato per donne in gravidanza e bambini di età inferiore a 5 anni.
  2. Prelievo di sangue per allergeni. Dignità: nessuna controindicazione. Svantaggio: bassa precisione di ricerca.

Il naso che cola stagionale in una forma avanzata porta a insufficienza respiratoria. I tessuti cessano di essere saturi di ossigeno nella quantità richiesta. Lo scambio di gas è interrotto. L'equilibrio di anidride carbonica e ossigeno nel sangue cambia. Le condizioni del paziente peggiorano drasticamente.

Per un trattamento efficace, dovresti consultare il medico il prima possibile. Questo eviterà complicazioni..

Fasi di sviluppo della malattia

Prima di sviluppare un regime di trattamento, è necessario valutare la fase di sviluppo della malattia:

  1. È caratterizzato da persistente congestione nasale. Colpisce il tono dei vasi sanguigni del rinofaringe.
  2. Senza assistenza, la condizione peggiora. Le navi sono eccessivamente dilatate. Sono prescritti agenti vasocostrittori.
  3. Il gonfiore della mucosa nasale diventa cronico. Le gocce per vasocostrizione smettono di aiutare. Se non trattati, i polipi si formano nel naso e i seni si infiammano. I batteri possono entrare nel tubo uditivo.

La congestione non scompare per molto tempo: è tempo di consultare un medico e fare un test allergenico. In una fase precoce della malattia, è possibile ripristinare rapidamente la qualità della vita.

Trattamenti per la rinite stagionale

Il trattamento della rinite stagionale viene effettuato in due direzioni: cessazione dell'infiammazione della mucosa e nomina di terapia antiallergica.

I medici prescrivono antistaminici di terza o seconda generazione per eliminare l'infiammazione (Erius, Zirtek, Tsetrin, Zodak). Più sicuri e più efficaci sono i farmaci di terza generazione. Le medicine vengono rilasciate sotto forma di gocce, spray, compresse. Durata dell'ammissione per il trattamento della rinite stagionale 2 settimane.

Puoi usare farmaci testati: Suprastin, Diazolin. Ma causano sonnolenza. Non raccomandato per le persone il cui lavoro è legato alla concentrazione (driver, installatori, soccorritori).

Con una forma lieve di rinite stagionale, vengono prescritti derivati ​​del sodio cromoglicato. Forma di rilascio - spray. Il risultato è evidente dopo 5 giorni di utilizzo. Il rimedio è indicato per adulti e bambini con un decorso lieve della malattia..

Nei casi più gravi, i medici prescrivono corticosteroidi. I fondi vengono utilizzati per irrigare la cavità nasale. Si consiglia di utilizzare la forma di rilascio - spray. La frequenza e la durata dell'uso sono determinate dal medico. I corticosteroidi sono usati in tutto il mondo per trattare la rinite stagionale. Quando si segue il regime di trattamento, i farmaci sono sicuri per il corpo..

L'uso incontrollato di farmaci vasocostrittori porta alla comparsa di rinite da farmaci. È molto più difficile curarlo..

In ospedale, un allergologo conduce una terapia specifica per allergeni. Dosi costantemente crescenti della sostanza vengono somministrate al paziente. Un trattamento efficace allevia i sintomi della rinite stagionale per sempre.

Metodi aggiuntivi per alleviare i sintomi

Ci sono modi per prevenire la malattia. Il rispetto di semplici regole aiuterà ad alleviare un naso che cola stagionale:

  • Durante la fioritura delle piante, lavare le reti protettive con detergente ogni giorno. Chiudi ermeticamente le finestre (impedisce al polline di entrare nella stanza).
  • Fai una pulizia a umido dell'appartamento ogni giorno. Questo rimuove gli allergeni stabilizzati dalla strada. La probabilità di contrarre la rinite stagionale diminuisce.
  • Non uscire all'aperto con tempo caldo e secco. Le particelle di polvere vengono facilmente sollevate nell'aria. Quando inalati, cadono sulla mucosa nasale. Il contatto allergenico provoca rinite stagionale..
  • Va ricordato: al mattino la concentrazione di polline nell'aria è massima. Per alleviare i sintomi della rinite, non uscire all'aperto durante queste ore.
  • Indossare occhiali protettivi con lenti scure. Il carico sulla mucosa degli occhi è ridotto. Riduce il rischio di congiuntivite.
  • Posiziona gli umidificatori nella stanza. Ha un effetto benefico sulla mucosa infiammata in caso di rinite stagionale..
  • Utilizzare i ventilatori dell'aria condizionata per la ventilazione. Mantieni i filtri puliti.
  • Dopo aver visitato la strada, lavarsi le mani con acqua e sapone, irrigare il rinofaringe con soluzione salina.
  • Elimina gli alimenti che causano allergie alimentari. Migliorerà le condizioni generali del corpo..
  • Se possibile, cambia il tuo luogo di residenza durante la fioritura delle piante.

I cittadini hanno maggiori probabilità di soffrire di rinite stagionale rispetto agli abitanti del villaggio. Ciò è dovuto a fattori tecnogenici (contenuto di gas aggiuntivo, aria secca). Il rischio di malattia aumenta.

Metodi popolari

Metodi alternativi nel trattamento della rinite stagionale dovrebbero essere usati come ulteriori. Si consiglia di consultare un medico prima di iniziare il trattamento. Il più efficace:

  1. Risciacquare il naso due volte al giorno con una soluzione di sale marino. Il farmaco viene venduto in farmacia, divorziato secondo le istruzioni. Può essere sostituito con normale sale da cucina. Deterge efficacemente le mucose dal polline. Si consiglia di eseguire la procedura prima di utilizzare i rimedi prescritti per la rinite stagionale.
  2. Instillazione del naso due volte al giorno con succo di aloe vera. Iniettare 2-3 gocce in ciascuna narice. Il prodotto ha un effetto battericida ed emolliente. Riduce la congestione nella rinite stagionale.
  3. Infuso di foglie di tarassaco. Lavare e tritare 30 pezzi di foglie medie. Versare un bicchiere di acqua calda (80 gradi Celsius). Incartare. Insisti 3 ore. Filtra e bevi 1 cucchiaino tre volte al giorno. Rimuove le tossine dal corpo. Allevia i sintomi della rinite.

La prevenzione della rinite stagionale è un problema nazionale. Questa malattia porta a disabilità temporanea negli adulti. I bambini iniziano ad avere problemi con gli studi. La qualità della vita della popolazione sta diminuendo. È necessario eseguire eventi sistemici.

Le città più ecologiche producono meno polvere. Le piante mantengono il suo fogliame. La pulizia giornaliera bagnata delle strade riduce la quantità di allergeni nell'aria. Il numero di pazienti con rinite stagionale sta diminuendo.

Rinite allergica stagionale

La pollinosi, o allergia ai pollini, si riferisce a una malattia classica in cui vi è una reazione corporea negativa agli allergeni pollinici.

Salendo sulla mucosa di una persona, contribuiscono ad un aumento della permeabilità capillare, con conseguente rilascio di muco secretivo e spasmi dei muscoli lisci dei bronchi.

Questo tipo di malattia è stagionale ed è associato al rapido sviluppo di erbe, fiori e piante..

Cause di rinite allergica stagionale

La causa principale della malattia è la massiccia emissione di polline dalle piante nell'aria..

Una persona può avere una reazione negativa a qualsiasi pianta o a un'intera famiglia di erbe, alberi o altre colture, o anche a più piante diverse contemporaneamente..

Il polline contiene composti proteici, che sono proteine ​​vegetali. Sono loro che diventano la ragione principale per la comparsa di reazioni allergiche nell'uomo. Sono così piccoli che possono essere facilmente trasportati dal vento..

Possono anche essere diffusi da animali e insetti..

I fattori che scatenano la malattia includono:

  1. predisposizione genetica;
  2. fallimento del sistema immunitario;
  3. abuso di alcool;
  4. fumatori;
  5. vivere in un'area ecologicamente inquinata;
  6. problemi respiratori;
  7. asma bronchiale;
  8. raffreddori frequenti.

Meccanismo di sviluppo

Durante la respirazione, le più piccole particelle di polline delle piante cadono sulla mucosa nasale di una persona. Se non ci sono disturbi nel sistema immunitario, il corpo reagisce istantaneamente, rilasciando sostanze specifiche per combattere gli allergeni.

Il sistema mucociliare della mucosa distrugge le proteine ​​vegetali entro 20 minuti.

Ma l'allergene penetra molto rapidamente nella mucosa, un minuto è sufficiente. E se il sistema immunitario si indebolisce, non ha tempo di rispondere agli allergeni.

Si verifica l'interazione con anticorpi su mastociti e basofili.

Il corpo inizia a produrre istamina e sostanze biologicamente attive per sopprimere le particelle estranee. Provocano vasodilatazione, aumentano la permeabilità dei capillari, a seguito della quale il tessuto cavernoso si gonfia e le mucose si gonfiano.

Una persona inizia a starnutire, il naso si blocca e viene rilasciata una maggiore quantità di muco. Con questi sintomi, i medici diagnosticano al paziente una reazione allergica..

Diagnostica allergia Bloom

Se una persona ha un'allergia, il compito del medico è identificare la causa del suo verificarsi. Chiede al paziente i sintomi, se ci sono allergie tra i suoi parenti, se c'è una reazione negativa ai farmaci.

Successivamente, l'allergologo esamina la mucosa nasale. In presenza di allergie, ha pronunciato gonfiore, il suo colore può variare da una tonalità pallida a grigia.

Dopo un esame visivo, ricorrono alle seguenti misure diagnostiche:

  1. Test intradermici. Vengono eseguiti se è necessario confermare l'accuratezza dell'allergene che provoca una reazione negativa..
  2. Test di Prik. Un ago con un arresto speciale viene utilizzato per iniettare un allergene. Dopo 10-15 minuti, puoi vedere la valutazione del risultato. Metodo rapido, economico e affidabile.

Applicazione di un allergene sulla pelle graffiata

Studio di scarificazione. Alcune gocce di una soluzione allergenica vengono applicate sul lato interno dell'avambraccio, mentre fanno piccole tacche con l'aiuto di scarificatori.
Dopo 20 minuti, il risultato del test sarà visibile. In caso di reazione positiva, si osservano arrossamenti e gonfiori. In base al grado di gravità, viene valutata l'intensità della reazione allergica. Allo stesso tempo, puoi testare immediatamente per 10-20 allergeni.

  • Gocciolamento nasale. Un fluido di controllo nella quantità di 3 gocce viene instillato in una delle narici del paziente. Se non vi è alcuna risposta alla soluzione, ulteriori test vengono effettuati instillando 3 gocce a una concentrazione più elevata, alla quale al paziente è stata diagnosticata una reazione discutibile durante il test. Dopo 10 minuti, viene effettuata una valutazione. Se non si sono verificati cambiamenti, viene introdotto un liquido ancora più concentrato. Con la congestione nasale o la comparsa di muco, possiamo parlare di una percezione negativa del corpo per questo allergene.
  • Se è necessario chiarire la diagnosi o condurre un ulteriore controllo della risposta dell'organismo a un allergene specifico, possono essere prescritte le seguenti procedure diagnostiche:

    • Metodo ELISA;
    • danno diretto specifico ai basofili;
    • distruzione dei mastociti.

    Differenza dalla rinite allergica perenne

    Come suggerisce il nome, la rinite allergica vasomotoria perenne può verificarsi durante tutto l'anno. Si chiama anche rinite allergica persistente ed è associata ad allergeni che possono circondarci in qualsiasi momento: polvere domestica, lanugine e piume utilizzate come riempitivi di cuscini, muffe in ambienti umidi, forfora, saliva e peli di animali domestici e così via. In generale, ci sono molte classificazioni di allergie..

    La direzione principale della lotta è l'identificazione dell'allergene e la prevenzione del contatto con esso.

    Sintomi di pollinosi

    Alcune persone confondono le allergie per il naso che cola, a seguito del quale iniziano a usare varie gocce o inalazioni da sole. In effetti, la febbre da fieno differisce da una malattia da freddo in assenza di febbre, mal di gola e tosse..

    In alcuni casi, con allergie, può esserci mal di gola, ma è associato a irritazione della parte posteriore della gola con secrezioni mucose..

    Per iniziare a trattare le allergie in tempo, è necessario conoscerne i principali sintomi. Questi includono:

    1. starnuti;
    2. congestione nasale;
    3. il rilascio di una grande quantità di muco, spesso trasparente;
    4. mancanza totale o parziale dell'olfatto;
    5. lacrimazione;
    6. arrossamento del bianco degli occhi;
    7. arrossamento delle ali del naso;
    8. prurito al naso;
    9. orecchie pruriginose;
    10. prurito alla gola.

    La qualità della vita del paziente può diminuire, poiché in una fase avanzata della malattia si possono osservare mal di testa doloranti, un leggero aumento della temperatura, affaticamento e mancanza di appetito.

    Allergeni comuni in primavera ed estate

    La pollinosi può comparire in una persona nei primi mesi primaverili..

    Categorie Popolari

    Una Cisti Nel Naso

    Perdita Dell'Olfatto