loader

Principale

Bronchite

Rinite allergica durante la gravidanza

La rinite allergica si sviluppa come una risposta specifica del corpo a un allergene ed è accompagnata da gonfiore della mucosa nasale, naso che cola, starnuti, lacrimazione. Durante la gravidanza, la situazione è aggravata dal fatto che è abbastanza problematico trattare la rinite allergica durante questo periodo. Proviamo a capire quali sono le cause della malattia e quali metodi di trattamento dovrebbero essere scelti in modo da non danneggiare la salute della donna e del nascituro?

Qual è il pericolo?

Un carico aggiuntivo sul sistema immunitario, gli squilibri ormonali aumentano il rischio di complicazioni formidabili come l'edema di Quincke o lo shock anafilattico per una donna. C'è anche un pericolo per il nascituro. Difficoltà prolungate con respirazione nasale sperimentate dalla madre a causa di edema rinofaringeo possono causare ipossia fetale e ritardo della crescita intrauterina. Inoltre, il disagio, la cattiva salute di una donna influiscono negativamente sulle condizioni del bambino..

Tuttavia, la più grande minaccia è rappresentata da un trattamento inappropriato. Quei farmaci che sono stati usati con successo prima della gravidanza possono portare a disturbi dello sviluppo fetale. Particolarmente pericoloso è l'assunzione incontrollata di farmaci nel primo mese di gravidanza, quando vengono posati il ​​tubo neurale e altre strutture vitali del corpo. Pertanto, il regime di trattamento per la rinite allergica deve essere selezionato solo da un medico dopo un esame approfondito della donna..

Eziologia

La rinite allergica è causata dall'ipersensibilità del corpo a un agente provocante (allergene). Il successivo contatto con quest'ultimo innesca una catena di specifiche reazioni immunitarie con il rilascio di sostanze che formano un'infiammazione nella mucosa della cavità nasale. I fattori provocatori tipici sono:

  • acari microscopici che vivono nella polvere domestica;
  • lana, lanugine, escrementi di animali domestici;
  • muffe, specialmente durante il periodo di sporulazione;
  • alcuni prodotti;
  • prodotti chimici domestici, profumi, alcune medicine.

Va notato che nelle donne in gravidanza aumenta il contenuto di estrogeni, β-estradiolo, l'ormone della crescita, che aumenta la reattività del sistema immunitario. Pertanto, l'intensità delle convulsioni durante la gestazione può aumentare in modo significativo. Allo stesso tempo, un'alta concentrazione di estrogeni interrompe la motilità vascolare, causando rinite vasomotoria durante la gravidanza. Si sviluppa nel 20-30% delle donne e scompare dopo il parto. Solo uno studio al plasma per la presenza di immunoglobuline di classe E, che fungono da marker di reazioni allergiche, sarà in grado di confermare o negare la natura allergica della malattia.

Sintomi

Con una esacerbazione della malattia, una donna è preoccupata per la respirazione nasale difficile, naso che cola abbondante, starnuti, prurito al naso e agli occhi, lacrimazione, gonfiore delle palpebre. La rinite allergica nelle donne in gravidanza è spesso accompagnata da manifestazioni sistemiche della malattia:

  • vertigini, debolezza, ipotensione;
  • mal di testa;
  • disturbi del sonno;
  • maggiore irritabilità.

Diagnostica

L'esame viene eseguito da un terapista e un allergologo-immunologo. Durante la diagnosi, è importante escludere l'infezione respiratoria, la rinite vasomotoria, la rinite da farmaci. A tale scopo vengono eseguiti un esame del sangue e uno striscio di muco nasale per anticorpi specifici. Per indicazioni speciali, vengono eseguiti test di allergia cutanea.

Trattamento

Il trattamento delle donne in gravidanza con rinite allergica ha lo scopo di eliminare l'allergene e alleviare i sintomi della malattia. Nel primo trimestre, i principali metodi di terapia sono il risciacquo del naso con soluzioni isotoniche e misure preventive volte a limitare il contatto con l'allergene (pulizia regolare a umido, ventilazione, frequenti cambi di biancheria da letto, esclusione di prodotti potenzialmente pericolosi dalla dieta, isolamento degli animali domestici).

farmaci

La terapia farmacologica viene utilizzata in casi gravi, quando i benefici dell'assunzione di farmaci superano in modo significativo il rischio dei loro effetti tossici sul feto..

Risciacquo del naso

Se la terapia della rinite allergica durante la gravidanza esclude l'assunzione della maggior parte dei farmaci, sorge la domanda: come trattare la malattia? In tale situazione, il risanamento delle cavità nasali con soluzioni saline è di grande importanza terapeutica. Gli ingredienti delle soluzioni isotoniche non attraversano la placenta, il che significa che non influenzano lo sviluppo del feto. Il lavaggio con soluzioni marine cancella le mucose nasali da allergeni, tossine, agenti infettivi, senza provocare secchezza delle membrane nasali e senza provocare ipertensione in una donna incinta.

Per ottenere il massimo effetto terapeutico, è necessario risciacquare il naso almeno 5 volte al giorno, è meglio riscaldare il liquido a 36-37 ° C. Quando si usano le infusioni di erbe per trattare la rinite allergica durante la gravidanza, assicurarsi che gli ingredienti a base di erbe nella loro composizione non abbiano proprietà allergeniche..

Preparazioni Aqualor

I prodotti Aqualor sono soluzioni pronte per l'uso basate sull'acqua di mare naturale. La sterilità e l'assenza di additivi artificiali li rendono adatti al trattamento della rinite allergica nelle donne in gravidanza.

Soluzioni isotoniche Akvolor Soft, Akvolor Norm aiutano a rimuovere gli allergeni dalla mucosa nasale.

Con grave congestione nasale e rinite abbondante, è consentito l'uso della soluzione ipertonica Akvolor Forte. Fornirà una diminuzione dell'edema della mucosa nasale rimuovendo il liquido in eccesso dallo spazio intercellulare, facilitando così la respirazione nasale.

Rinite allergica durante la gravidanza - come viene trattata?

La gravidanza è un processo normale, che è accompagnato da profondi cambiamenti nelle varie funzioni, volto a soddisfare le esigenze del feto in via di sviluppo e le riserve che gli consentono di crescere e svilupparsi continuamente.

Cos'è la rinite allergica nelle donne in gravidanza

La rinite allergica della gravidanza è un'infiammazione della mucosa nasale. La causa principale sono vari allergeni: polline vegetali, allergeni domestici e alimentari, allergeni epidermici. La rinite delle donne in gravidanza, secondo le statistiche, colpisce circa il 50 - 70% delle donne in gravidanza.

Cause di rinite allergica nelle donne in gravidanza

I principali cambiamenti fisiologici nel corpo della madre durante la gravidanza provocano lo sviluppo di rinite allergica:

  • un aumento del contenuto di ormoni nel sangue, che aiuta a rilassare i muscoli lisci dell'utero, del tratto respiratorio superiore e del tratto gastrointestinale;
  • il carico psicoemotivo, la temperatura, ecc. aumentano, il che può provocare congestione nasale e broncospasmo nelle donne in gravidanza a causa di iperreattività bronchiale e nasale non specifica;
  • i cambiamenti nel funzionamento del sistema immunitario di una donna incinta sono causati da una diminuzione delle risposte immunitarie della donna. Una diminuzione dell'immunità cellulare è facilitata da un aumento del contenuto di cortisolo, estrogeni, progesterone.

Le principali cause di rinite allergica nelle donne in gravidanza sono:

  • un aumento del volume del sangue circolante;
  • un aumento della concentrazione di progesterone, che provoca il rilassamento dei muscoli lisci dei vasi del naso;
  • gli effetti degli estrogeni che causano gonfiore della mucosa nasale.

Sintomi di rinite allergica in donne in gravidanza

I principali sintomi clinici della rinite allergica sono:

  • difficoltà nella respirazione nasale;
  • starnuti;
  • scarico mucoso trasparente;
  • prurito dell'epidermide;
  • gonfiore della mucosa nasale.

Trattamento della rinite allergica nelle donne in gravidanza

Farmaci per la rinite allergica

Per le donne in gravidanza, il medico prescrive più spesso:

  • preparati di acido cromoglicico (intale, cromolyn);
  • antistaminici di azione locale (allergodil);
  • glucocorticosteroidi topici (nasali) (flixonase);
  • antistaminici sistemici (loratadina, claritina);
  • la terapia barriera è più spesso utilizzata come misura preventiva (prevalina, nazavale).

Gli obiettivi principali del trattamento della rinite allergica sono alleviare i sintomi della malattia o trasferirli in uno stato di massima sicurezza per la madre e il feto durante la gravidanza e il parto e preservare il normale funzionamento delle vie respiratorie e degli altri sistemi corporei della donna incinta. Nel trattamento della rinite allergica durante la gravidanza, sono prescritti solo quei farmaci che sono approvati per l'uso in donne in gravidanza, indicati nelle istruzioni ufficiali per l'uso.

1. I preparati di acido cromoglicico - intale (sodio cromoglicato), cromolyn sodio - stabilizzanti delle membrane dei mastociti, hanno un profilo di sicurezza elevato. I dati ottenuti su donne in gravidanza e animali indicano l'assenza di teratogenicità in questi farmaci..

2. Un farmaco topico - l'allergodil (azelastina) ha mostrato un'alta efficienza nella rinite allergica e congiuntivite. Non ci sono dati sull'efficacia clinica e la sicurezza del farmaco nelle donne in gravidanza e in allattamento. Quando testato su animali, non è stata ottenuta alcuna prova di azione teratogena. Allergodil: ha un antistaminico, effetto antiallergico, riduce la permeabilità e l'essudazione capillare, stabilizza la membrana dei mastociti e previene il rilascio di mediatori da essi (istamina, serotonina, leucotrieni) che causano il broncospasmo e contribuiscono allo sviluppo di reazioni allergiche e infiammazioni.

3. Nella rinite allergica grave, è possibile utilizzare glucocorticosteroidi per via nasale - flixonase (fluticasone propionato), che hanno maggiore efficacia e sicurezza.

4. I farmaci ad azione sistemica nelle donne in gravidanza sono prescritti solo se nelle istruzioni per l'uso del farmaco è indicato che può essere utilizzato in uno specifico periodo di gravidanza. Gli antistaminici sistemici sono approvati solo per l'uso nelle categorie A o B. Sono preferiti antistaminici non sedativi di seconda generazione. Per alcuni antistaminici, l'uso è possibile solo nel caso. Se il beneficio previsto supera il potenziale rischio per il feto (loratadina, fexofenadina).

5. Le terapie con barriera includono metodi che creano ostacoli all'esposizione all'allergene. Proteggendo il corpo dal contatto con un allergene e dall'esacerbazione di una malattia allergica, specialmente nel primo trimestre, nonché durante l'allattamento - prevalina, nazavale, ecc. Prevalina è raccomandata per la prevenzione della rinite allergica nelle donne in gravidanza, tutti i suoi componenti sono inerti e non tossici. Il farmaco non provoca sonnolenza, non contiene conservanti e profumi chimici.

Attenzione! Per molti farmaci, l'eccezione indiscutibile è il primo trimestre di gravidanza, durante il quale vengono deposti gli organi del nascituro. Qualsiasi influenza chimica durante questo periodo può avere un effetto negativo sul feto in via di sviluppo, prima di usarlo è necessario consultare un medico.

Rinite allergica durante la gravidanza

Una donna incinta è incredibilmente vulnerabile a tutti i tipi di disturbi a causa di processi speciali nel suo corpo. Le proprietà protettive dell'immunità sono ridotte e non è sempre possibile nascondersi da venti e correnti d'aria penetranti. La congestione nasale è un sintomo molto comune che i pazienti cercano di curare con rimedi popolari, senza attribuire molta importanza ad esso.

Cause di rinite allergica nelle donne in gravidanza

I medici consigliano vivamente di contattare gli specialisti anche con il minimo deterioramento della salute. Molte donne incinte e madri che allattano si trovano di fronte a rinite allergica, anche se non hanno mai sofferto di una tale malattia prima. La natura allergica della malattia può essere stabilita solo in condizioni di laboratorio, pertanto non è necessario intraprendere l'automedicazione.

Una diagnosi tempestiva e metodi di terapia attentamente selezionati da un medico sono la chiave per la salute della futura mamma e bambino. Le cause della malattia sono la risposta del sistema immunitario umano dopo l'inalazione delle seguenti sostanze irritanti: polvere, polline, aria fredda, muffa, funghi e molti altri.

I sintomi della malattia nelle donne in gravidanza sono gli stessi di altri pazienti di età e sesso diversi:

  • secrezione nasale incolore;
  • prurito;
  • respirazione difficoltosa;
  • starnuti;
  • mancanza di appetito;
  • debolezza fisica.

Non appena una donna incinta ha avvertito i sintomi elencati, tuttavia, non si osservano dolori nel corpo e nei muscoli, febbre, brividi, che sono abituali per un'infezione virale respiratoria, quindi molto probabilmente si tratta di rinite allergica. Una donna in una posizione simile dovrebbe pensare non solo al proprio benessere, ma anche allo stato del feto, mentre la sua salute, e talvolta la vita, dipendono direttamente dalla diagnosi e dal trattamento tempestivi dei disturbi del paziente. La rinite allergica, sebbene a prima vista si manifesti come sintomi molto innocui, merita una grande attenzione sia da parte del paziente che del medico..

Diagnosi di rinite allergica in donne in gravidanza

La diagnostica include una visita all'ENT, che esaminerà la cavità nasale e un immunologo. Un tampone dalla cavità nasale per determinare il numero di eosinofili confermerà (più del 5%) o confuterà (meno del 5%) la causa allergica della malattia. Per confermare la diagnosi, il medico curante ordina al paziente di eseguire un esame del sangue per la presenza di immunoglobuline E. Se i test indicano che la paziente è malata di rinite allergica, è importante stabilire la causa, l'irritante con cui avrebbe potuto essere in contatto recentemente. Il moderno metodo di test cutanei ti permetterà di determinare l'irritante, che è importante nel successivo trattamento e prevenzione.

Trattamento della rinite allergica nelle donne in gravidanza

Il trattamento della rinite allergica nelle donne in gravidanza è incredibilmente complesso e richiede la massima attenzione alla selezione di medicinali. Se il medico scopre che è impossibile fare a meno degli antistaminici, allora prescrive medicine "leggere" (Telfast) in dosi minime. Gli spray nasali per combattere i sintomi spiacevoli sono anche selezionati tenendo conto delle condizioni del paziente, tutti devono avere una base naturale ("Aqua Maris" viene creato sulla base dell'acqua del Mare Adriatico).

Metodi tradizionali di trattamento della rinite allergica durante la gravidanza

Molti medici per i pazienti con rinite allergica nel primo trimestre di gravidanza escludono completamente i farmaci tradizionali, sostituendoli con efficaci rimedi popolari.

Il succo di aloe, che dovrebbe essere spremuto dal gambo spennato della pianta, deve essere diluito in un rapporto di 1: 3. Questo rimedio deve essere instillato nel naso, 2-3 gocce in ciascuna narice 3-4 volte al giorno, a seconda del grado di manifestazione dei sintomi. Un altro metodo efficace è il succo di aglio mescolato con olio vegetale (5-6 gocce per cucchiaio).

La miscela deve essere instillata una goccia tre volte al giorno, se si avverte una sensazione di bruciore e secchezza dopo l'uso, modificare la proporzione riducendo il numero di gocce di aglio.

Prevenzione della rinite allergica nelle donne in gravidanza

La prevenzione della rinite allergica è molto importante per una donna incinta. Come molti altri disturbi, il cui trattamento in questa situazione è difficile e talvolta impossibile, può facilmente passare da uno stadio lieve a uno grave. Soprattutto se la futura mamma ha già osservato segni di allergie stagionali. In periodi "pericolosi" dell'anno, è meglio mantenere la temperatura e l'umidità ottimali a casa utilizzando la tecnologia moderna. L'aria secca creata dal riscaldamento dei radiatori, i caminetti irrita la mucosa, provoca starnuti, prurito.

La casa deve essere pulita giornalmente con acqua. Un'altra importante misura preventiva è monitorare attentamente la dieta di una donna incinta, poiché quasi tutti i prodotti possono diventare un potenziale allergene. Se un irritante alimentare è la causa della rinite allergica, escludilo dalla dieta. La profilassi è necessaria anche dopo il parto durante il periodo di allattamento per evitare il deterioramento e il trattamento indesiderato.

Rinite allergica durante la gravidanza

Spesso, le donne che sono in una posizione possono avere problemi associati a malattie degli organi ENT. Il più "popolare" tra i disturbi è la rinite allergica durante la gravidanza, che è caratterizzata dalla presenza di secrezioni mucose nasali. Il motivo principale del suo aspetto è l'immunità indebolita..

Cause dell'evento

Non importa affatto se una donna è incinta o no, in ogni caso, soffrirà di un naso che cola grave se ha un'eccessiva sensibilità agli allergeni. In realtà, è per questo che quasi ogni futura mamma si trova di fronte a una rinite allergica, specialmente durante le piante da fiore.

Inoltre, il verificarsi di tale inconveniente è influenzato dagli ormoni, la cui quantità aumenta significativamente durante il concepimento, il che porta ad un aumento della sensibilità a una varietà di allergeni e altri stimoli esterni. Nel processo di contatto diretto con loro, la membrana nasale inizia a gonfiarsi, il che porta allo sviluppo della malattia.

Inoltre, nella maggior parte dei casi, un'allergia durante la gravidanza appare su quelle sostanze che sono state facilmente tollerate da una donna prima della gestazione. La sensibilità di solito scompare dopo che lo sfondo ormonale è stato normalizzato, cioè dopo il parto. Per la sensibilizzazione allergenica del corpo femminile, sono responsabili progesteroni, estrogeni e ormoni della crescita.

Tuttavia, se l'allergene è assente, la donna non dovrà affrontare la rinite allergica, poiché un fattore secondario nella sua formazione è la presenza di questa sostanza nell'aria..

I principali "provocatori" della rinite allergica sono:

  • polline di piante;
  • Lanugine di pioppo;
  • scarico formato da acari della polvere, che possono essere nell'appartamento;
  • cloro;
  • piume di uccelli;
  • lana animale;
  • componenti di deodoranti e deodoranti;
  • morsi di insetti succhiatori di sangue o pungenti;
  • succo di agrumi;
  • scarico lasciato dagli elminti.

Se una donna incinta ha la tendenza a sviluppare una reazione allergica, anche la presenza di un normale background ormonale non la protegge dal raffreddore. Ci sono momenti in cui c'è una cosiddetta "allergia fredda", provocata dalla bassa temperatura dell'aria.

Vale la pena notare! Fondamentalmente, si verifica una reazione allergica a causa dell'influenza di un allergene specifico. È estremamente raro che si possa osservare contemporaneamente la sensibilizzazione a diversi fattori..

Spesso, la formazione di un disturbo può essere facilitata dalle conseguenze di altre malattie associate alla cavità nasale. Questi includono la rinite virale e batterica. Inoltre, la sinusite cronica e il fumo possono influire negativamente.

Sintomi

Un naso che cola allergico durante la gestazione è caratterizzato dalle seguenti manifestazioni e sintomi allergici concomitanti:

  • ostruzione nasale, che suggerisce la comparsa di gonfiore della mucosa nasale, che porta a difficoltà respiratorie e congestione;
  • prurito e arrossamento degli occhi;
  • rinorrea, che è caratterizzata dalla comparsa di muco chiaro o liquido dal naso;
  • starnuti sistematici, che è una reazione riflessa a una grande quantità di muco, nonché a una maggiore sensibilità della mucosa;
  • eruzione cutanea e orticaria sulla pelle (raro).

L'intervallo di tempo per la formazione della malattia per ogni donna incinta è individuale, poiché in alcune persone i sintomi della rinite si verificano già nelle prime settimane, mentre in altri - durante il secondo o terzo trimestre.

Importante: se una rinite allergica nelle donne in gravidanza viene "integrata" con la rinite infettiva, la donna incinta può affrontare un disturbo come la sinusite.

I sintomi possono manifestarsi per circa sei mesi di gestazione o due settimane dopo l'ultimo parto.

Diagnostica

Oggi ci sono diversi tipi di malattia, che sono abbastanza simili tra loro, tuttavia, hanno le loro caratteristiche speciali, grazie alle quali differiscono tra gli specialisti medici. Questi includono:

  • assenza di tosse o infiammazione alla gola, che sono presenti con ipotermia e mal di gola;
  • mancanza di temperatura, che quasi sempre aumenta con una malattia di natura infettiva;
  • un periodo più lungo di naso che cola - almeno due settimane, mentre si osserva una secrezione infettiva dal naso per diversi giorni;
  • la comparsa di un'eruzione cutanea sulla superficie del corpo, che non appare con altri tipi di rinite.

Vale la pena notare che la rinite allergica durante la gravidanza nella maggior parte dei casi si sviluppa molto rapidamente se una donna è sempre vicina al fattore che ha causato la malattia. Questo può essere osservato in presenza di acari della polvere, la cui presenza la donna incinta non sospetta nemmeno.

In questa situazione, i sintomi sono particolarmente acuti quando si pulisce la stanza o mentre si dorme. All'aria aperta, è quasi del tutto assente. Indipendentemente dalla causa della malattia, il medico deve confermarla, attraverso l'uso dell'anamnesi.

Con il suo aiuto, lo specialista determinerà se la futura mamma ha una predisposizione allergica ereditaria, se aveva la rinite prima del concepimento. Successivamente, se necessario, vengono eseguiti test speciali per la sensibilità a determinati stimoli:

  • campioni intradermici;
  • una macchia di muco;
  • analisi del sangue generale.

In caso di risultato positivo, il medico prescrive il trattamento necessario, tenendo conto delle caratteristiche individuali del paziente.

Naturalmente, c'è qualche effetto stressante sul sistema immunitario, ma la concentrazione dell'allergene è così insignificante che il rischio di problemi in futuro è ridotto a zero..

Tuttavia, nonostante le statistiche confortanti, ci sono stati casi deplorevoli, quindi gli specialisti medici preferiscono utilizzare altri metodi diagnostici, che, a loro avviso, sono completamente sicuri:

  • osservazione dei sintomi esistenti;
  • anamnesi.

Inoltre, recentemente, in pratica, viene utilizzato RAST - un test con radioallergosorbenti. Questa è un'opzione più costosa per determinare la rinite e meno accurata rispetto ai test cutanei..

Trattamento

La regola principale per sbarazzarsi del problema è eliminare l'allergene stesso. Tuttavia, ciò non è sempre sufficiente, quindi il medico può prescrivere ulteriori misure terapeutiche. Diamo un'occhiata più da vicino a come trattare.

Farmaco

È altamente consigliabile astenersi dall'assumere farmaci durante la gestazione, specialmente quando si tratta del primo trimestre. Ma a volte è necessario assumere farmaci.

Una drogaDescrizione
DelufenSpray nasale con effetto antiallergico, antinfiammatorio, protettivo e riparativo sull'area dei seni paranasali e delle mucose. Elimina la presenza di un naso che cola, indipendentemente dalla causa del suo aspetto. Iniettare 2 dosi 4-5 volte al giorno.
compositumRimedio omeopatico complesso che ha effetti antinfiammatori, antiallergici e riparativi. È usato per eliminare la rinite di varie origini. Iniettare 2-3 dosi 3-4 volte al giorno.
FliksonaseUn farmaco altamente efficace, la cui azione è finalizzata all'eliminazione della rinite allergica stagionale. Iniettare 2 dosi 1-2 volte al giorno.
AqualorFarmaco antinfiammatorio e idratante in grado di eliminare l'irritazione esistente. Risciacquare la cavità nasale 3-4 volte al giorno.

Oltre all'uso di medicinali, è necessario ventilare sistematicamente la stanza, eseguire la pulizia a umido e più spesso essere all'aria aperta.

Fisioterapia

In nessun caso tali manipolazioni dovrebbero essere eseguite, poiché la rinite allergica durante la gravidanza può "svilupparsi" in una malattia più complessa con formazioni purulente nella cavità nasale. Soprattutto il divieto si applica alla procedura di riscaldamento.

Etnoscienza

Questo metodo per sbarazzarsi della rinite allergica comporta l'esecuzione di una varietà di lavaggi e inalazioni con decotti a base di erbe. È anche estremamente importante aderire alla dieta prescritta, poiché può alleviare significativamente i sintomi del malessere:

  • consumare ribes e acetosa in qualsiasi forma;
  • bere più tè con miele aggiunto;
  • assumere medicinali con echinacea o ginseng;
  • includere alimenti ricchi di vitamine B e C negli alimenti.

Tutte le azioni terapeutiche relative alla compilazione di una dieta e medicina tradizionale durante il trasporto di un bambino devono essere concordate con uno specialista medico..

Determinerà il trattamento tenendo conto dello stato di salute della donna, di come queste misure possono influenzare il feto e anche in quale fase della gravidanza è.

Prevenzione

È quasi impossibile proteggersi completamente dalle allergie, soprattutto se esiste una predisposizione genetica o acquisita. Tuttavia, aderendo a semplici regole preventive, è possibile ridurre il rischio della sua manifestazione a un indicatore minimo:

  • cerca di eseguire la pulizia a umido in tutta la casa ogni giorno e rifiuta di spazzare;
  • rimuovere assolutamente tutti i "raccoglitori di polvere": peluche, tappeti, libri, ecc.;
  • non hanno animali domestici;
  • in estate vale la pena stringere tutte le finestre con strati di garza, bagnandole periodicamente con acqua;
  • evitare odori cosmetici, di profumo, di tabacco e chimici;
  • non sbucciare le patate giovani;
  • le lenzuola devono essere bollite settimanalmente;
  • trascorrere più tempo all'aperto;
  • usare farmaci che possono dilatare i bronchi.

È molto più facile prevenire la formazione di allergie che affrontarla in seguito..

Ricorda! È severamente vietato l'uso di medicinali senza previo parere medico..

La gravidanza è il sogno di ogni donna. Dopotutto, tutti si sforzano di diventare una madre, di dare tutto il loro amore a una piccola creatura, ma il processo di portamento non è sempre così semplice come sembra a prima vista. In effetti, la salute del futuro bambino dipende dal benessere emotivo e fisico della futura madre..

Ecco perché qualsiasi disturbo, anche il più insignificante, può fargli del male, persino un naso che cola, che poche persone prendono sul serio. Tuttavia, la rinite può causare seri problemi, quindi è importante prendere il suo trattamento in modo responsabile, ascoltando tutte le raccomandazioni di uno specialista medico..