loader

Principale

Bronchite

Amoxiclav: composizione, indicazioni, controindicazioni, interazione con farmaci. Amoxiclav: assumere prima o dopo i pasti?

ISTRUZIONI
sull'uso del medicinale
per uso medico

Leggere attentamente questo foglio prima di iniziare a prendere / usare questo farmaco.
• Conservare le istruzioni, potrebbero essere necessarie di nuovo..
• In caso di domande, consultare il medico.
• Questo medicinale è stato prescritto personalmente e non deve essere trasmesso ad altri in quanto potrebbe danneggiarlo anche se ha gli stessi sintomi..

Numero di registrazione

Nome depositato

Nome del raggruppamento

amoxicillina + acido clavulanico

Forma di dosaggio

Compresse rivestite con film

Composizione

Principi attivi (nucleo): ogni compressa da 250 mg + 125 mg contiene 250 mg di amoxicillina sotto forma di triidrato e 125 mg di acido clavulanico sotto forma di sale di potassio;
ogni compressa da 500 mg + 125 mg contiene 500 mg di amoxicillina sotto forma di triidrato e 125 mg di acido clavulanico sotto forma di sale di potassio;
ogni compressa da 875 mg + 125 mg contiene 875 mg di amoxicillina sotto forma di triidrato e 125 mg di acido clavulanico sotto forma di sale di potassio.
Eccipienti (rispettivamente per ciascun dosaggio): biossido di silicio colloidale 5,40 mg / 9,00 mg / 12,00 mg, crospovidone 27,40 mg / 45,00 mg / 61,00 mg, croscarmellosa sodica 27,40 mg / 35,00 mg / 47,00, magnesio stearato 12,00 mg / 20,00 mg / 17,22 mg, talco 13,40 mg (per un dosaggio di 250 mg + 125 mg), cellulosa microcristallina fino a 650 mg / fino a 1060 mg / su 1435 mg;
compressa rivestita con film 250mg + 125mg - ipromellosa 14,378 mg, etilcellulosa 0,702 mg, polisorbato 80 - 0,780 mg, trietil citrato 0,793 mg, titanio diossido 7,605 mg, talco 1,7742 mg;
rivestimento del film di una compressa da 500 mg + 125 mg - ipromellosa 17,696 mg, etilcellulosa 0,864 mg, polisorbato 80-0,960 mg, trietil citrato 0,976 mg, biossido di titanio 9,360 mg, talco 2,144 mg;
compressa rivestita con film 875 mg + 125 mg - ipromellosa 23,226 mg, etilcellulosa 1,134 mg, polisorbato 80-1,260 mg, trietil citrato 1,280 mg, biossido di titanio 12,286 mg, talco 2,814 mg.

Descrizione

Compresse da 250 mg + 125 mg: compresse rivestite con film bianche o quasi bianche, oblunghe, ottagonali, biconvesse con impronte 250/125 su un lato e AMC sull'altro lato.
Compresse da 500 mg + 125 mg: compresse rivestite con film bianche o quasi bianche, ovali, biconvesse.
Compresse 875 mg + 125 mg: compresse rivestite con film bianche o quasi bianche, oblunghe, biconvesse con una tacca e impresso "875/125" su un lato e "AMC" sull'altro lato.
Visualizza all'interruzione: massa giallastra.

Gruppo farmacoterapico

Antibiotico - penicillina semisintetica + inibitore della beta-lattamasi

Codice ATX: J01CR02.

Proprietà farmacologiche

farmacodinamica
Meccanismo di azione
L'amoxicillina è una penicillina semisintetica attiva contro molti microrganismi gram-positivi e gram-negativi. L'amoxicillina interrompe la biosintesi del peptidoglicano, che è un componente strutturale della parete cellulare batterica. La violazione della sintesi del peptidoglicano porta a una perdita di forza della parete cellulare, che provoca la lisi e la morte delle cellule dei microrganismi. Allo stesso tempo, l'amoxicillina è suscettibile alla distruzione da parte delle beta-lattamasi e quindi lo spettro di attività dell'amoxicillina non si estende ai microrganismi che producono questo enzima..
L'acido clavulanico, un inibitore della beta-lattamasi, strutturalmente correlato alle penicilline, ha la capacità di inattivare una vasta gamma di beta-lattamasi presenti nei microrganismi resistenti alle penicilline e alle cefalosporine. L'acido clavulanico è abbastanza efficace contro le beta-lattamasi plasmidiche, che spesso causano resistenza batterica, e non è efficace contro le beta-lattamasi cromosomiche di tipo I, che non sono inibite dall'acido clavulanico.
La presenza di acido clavulanico nel preparato protegge l'amoxicillina dalla distruzione da parte degli enzimi - beta-lattamasi, che consente di espandere lo spettro antibatterico dell'amoxicillina.
Di seguito è riportata l'attività della combinazione di amoxicillina con acido clavulanico in vitro.

I batteri di solito sensibili alla combinazione di amoxicillina con acido clavulanico
Aerobi Gram-positivi: Bacillus anthracis, Enterococcus faecalis, Listeria monocytogenes, Nocardia asteroides, Streptococcus pyogenes e altri streptococchi beta-emolitici 1,2, Streptococcus agalactiae 1,2, Staphylococcus Staphyllinus s scep. stafilococchi coagulasi negativi (sensibili alla meticillina).
Aerobi Gram-negativi: Bordetella pertussis, Haemophilus influenzae 1, Helicobactеr pylori, Moraxella catarrhalis 1, Neisseria gonorrhoeae, Pasteurella multocida, Vibrio cholerae.
Altri: Borrelia burgdorferi, Leptospira icterohaemorrhagiae, Treponema pallidum.
Anaerobi Gram-positivi: specie del genere Clostridium, Peptococcus niger, Peptostreptococcus magnus, Peptostreptococcus micros, specie del genere Peptostreptococcus.
Anaerobi Gram-negativi:
Вactеroides fragilis, specie del genere Bacteroides, specie del genere Capnocytophaga, Eikenella corrodens, Fusobacterium nucleatum, specie del genere Fusobacterium, specie del genere Porphyromonas, specie del genere Prevotella.
Batteri per i quali è probabile la resistenza acquisita
alla combinazione di amoxicillina con acido clavulanico
Aerobi Gram-negativi: Escherichia coli 1, Klebsiella oxytoca, Klebsiella pneumoniae, specie del genere Klebsiella, Proteus mirabilis, Proteus vulgaris, specie del genere Proteus, specie del genere Salmonella, specie del genere Shigella.
Aerobi Gram-positivi: specie del genere Corynebacterium, Enterosoccus faecium, Streptococcus pneumoniae 1,2, streptococchi del gruppo Viridans.
Batteri naturalmente resistenti
alla combinazione di amoxicillina con acido clavulanico
Aerobi Gram-negativi: specie del genere Acinetobacter, Citrobacter freundii, specie del genere Enterobacter, Hafnia alvei, Legionella pneumophila, Morganella morganii, specie del genere Providencia, specie del genere Pseudomonas, specie del genere Serratia, Stenotrophomonas maltophilia, Yersinia.
Altri: Chlamydophila pneumoniae, Chlamydophila psittaci, specie del genere Chlamydia, Coxiella burnetii, specie del genere Mycoplasma.
1 per questi batteri, l'efficacia clinica della combinazione di amoxicillina con acido clavulanico è stata dimostrata in studi clinici.
2 ceppi di questi tipi di batteri non producono beta-lattamasi. La sensibilità alla monoterapia con amoxicillina suggerisce una sensibilità simile alla combinazione di amoxicillina con acido clavulanico.

farmacocinetica
I principali parametri farmacocinetici di amoxicillina e acido clavulanico sono simili. L'amoxicillina e l'acido clavulanico si dissolvono bene in soluzioni acquose con un valore di pH fisiologico e, dopo aver assunto Amoxiclav ® all'interno, vengono rapidamente e completamente assorbiti dal tratto gastrointestinale (GIT). L'assorbimento dei principi attivi amoxicillina e acido clavulanico è ottimale se assunto all'inizio di un pasto.
La biodisponibilità di amoxicillina e acido clavulanico dopo somministrazione orale è di circa il 70%.
Di seguito sono riportati i parametri farmacocinetici di amoxicillina e acido clavulanico dopo ingestione di 875 mg / 125 mg e 500 mg / 125 mg due volte al giorno, 250 mg / 125 mg tre volte al giorno in volontari sani.

Parametri farmacocinetici medi (± DS)
Il funzionamento
sostanze
Amoxicillina /
acido clavulanico
Una volta
dose
(Mg)
Cmax
(μg / ml)
Tmax
(ora)
AUC (0-24h)
(μg.ora / ml)
T1 / 2
(ora)
amoxicillina
875 mg / 125 mg87511,64 ± 2,781,50 (1,0-2,5)53,52 ± 12,311,19 ± 0,21
500 mg / 125 mg5007,19 ± 2,261,50 (1,0-2,5)53,5 ± 8,871,15 ± 0,20
250 mg / 125 mg2503,3 ± 1,121,5 (1,0-2,0)26,7 ± 4,561,36 ± 0,56
Acido clavulanico
875 mg / 125 mg1252,18 ± 0,991,25 (1,0-2,0)10,16 ± 3,040,96 ± 0,12
500 mg / 125 mg1252,40 ± 0,831,5 (1,0-2,0)15,72 ± 3,860,98 ± 0,12
250 mg / 125 mg1251,5 ± 0,701,2 (1,0-2,0)12,6 ± 3,251,01 ± 0,11
Сmax - concentrazione massima nel plasma sanguigno;
Tmax è il tempo per raggiungere la massima concentrazione nel plasma sanguigno;
AUC - area sotto la curva concentrazione-tempo;
T1 / 2 - emivita

Distribuzione
Entrambi i componenti sono caratterizzati da un buon volume di distribuzione in vari organi, tessuti e fluidi corporei (inclusi polmoni, organi addominali; tessuti adiposi, ossei e muscolari; fluidi pleurici, sinoviali e peritoneali; nella pelle, bile, urina, purulenta scarico, espettorato, nel liquido interstiziale).
Il legame con le proteine ​​plasmatiche è moderato: 25% per acido clavulanico e 18% per amoxicillina.
Il volume di distribuzione è di circa 0,3-0,4 l / kg per amoxicillina e circa 0,2 l / kg per acido clavulanico.
L'amoxicillina e l'acido clavulanico non attraversano la barriera emato-encefalica nelle meningi non infiammate.
L'amoxicillina (come la maggior parte delle penicilline) viene escreta nel latte materno. Tracce di acido clavulanico si trovano anche nel latte materno. L'amoxicillina e l'acido clavulanico attraversano la barriera placentare.
Metabolismo
Circa il 10-25% della dose iniziale di amoxicillina viene escreto dai reni come acido penicilloico inattivo. L'acido clavulanico nel corpo umano subisce un metabolismo intenso con la formazione di acido 2,5-diidro-4- (2-idrossietil) -5-osso-1H-pirrole-3-carbossilico e 1-ammino-4-idrossi-butan-2-one ed è escreto dai reni, attraverso il tratto gastrointestinale, nonché con l'aria espirata, sotto forma di anidride carbonica.
Ritiro
L'amoxicillina viene eliminata principalmente dai reni, mentre l'acido clavulanico viene eliminato dai meccanismi renali ed extrarenali. Dopo una singola somministrazione orale di una compressa da 250 mg / 125 mg o 500 mg / 125 mg, circa il 60-70% di amoxicillina e il 40-65% di acido clavulanico vengono escreti dai reni invariati durante le prime 6 ore.
L'emivita media (T1 / 2) di amoxicillina / acido clavulanico è di circa un'ora, la clearance totale media è di circa 25 l / h in pazienti sani.
La maggior quantità di acido clavulanico viene escreta durante le prime 2 ore dopo l'ingestione.
Pazienti con funzionalità renale compromessa
La clearance totale di amoxicillina / acido clavulanico diminuisce in proporzione alla diminuzione della funzionalità renale. La diminuzione della clearance è più pronunciata per l'amoxicillina che per l'acido clavulanico, perché la maggior parte dell'amoxicillina viene escreta dai reni. Le dosi del farmaco per l'insufficienza renale devono essere selezionate tenendo conto della indesiderabilità dell'accumulo di amoxicillina mantenendo un livello normale di acido clavulanico.
Pazienti con funzionalità epatica compromessa
Nei pazienti con compromissione della funzionalità epatica, il farmaco viene usato con cautela, è necessario effettuare un monitoraggio costante della funzionalità epatica.
Entrambi i componenti vengono rimossi mediante emodialisi e quantità minori mediante dialisi peritoneale.

Indicazioni per l'uso

Infezioni causate da ceppi sensibili di microrganismi:
• infezioni del tratto respiratorio superiore e degli organi ENT (inclusa sinusite acuta e cronica, otite media acuta e cronica, ascesso faringeo, tonsillite, faringite);
• infezioni del tratto respiratorio inferiore (inclusa bronchite acuta con superinfezione batterica, bronchite cronica, polmonite);
• infezioni del tratto urinario;
• infezioni in ginecologia;
• infezioni della pelle e dei tessuti molli, nonché ferite da morsi umani e animali;
• infezioni di osso e tessuto connettivo;
• infezioni del tratto biliare (colecistite, colangite);
• infezioni odontogene.

Controindicazioni

• Ipersensibilità a componenti di medicina;
• una storia di ipersensibilità a penicilline, cefalosporine e altri antibiotici beta-lattamici;
• ittero colestatico e / o altre disfunzioni epatiche causate dall'assunzione di amoxicillina / acido clavulanico nella storia;
• mononucleosi infettiva e leucemia linfocitaria;
• bambini di età inferiore a 12 anni o di peso inferiore a 40 kg.

Accuratamente

Storia di colite pseudomembranosa, malattie del tratto gastrointestinale, insufficienza epatica, grave disfunzione renale, gravidanza, allattamento, con uso simultaneo con anticoagulanti.

Applicazione durante la gravidanza e durante l'allattamento

Gli studi sugli animali non hanno rivelato dati sui pericoli dell'assunzione del farmaco durante la gravidanza e sui suoi effetti sullo sviluppo embrionale del feto..
Uno studio condotto su donne con rottura prematura delle membrane amniotiche ha rilevato che l'uso profilattico di amoxicillina / acido clavulanico può essere associato ad un aumentato rischio di enterocolite necrotizzante nei neonati.
Durante la gravidanza e l'allattamento, il farmaco viene utilizzato solo se il beneficio previsto per la madre supera il potenziale rischio per il feto e il bambino.
Piccole quantità di amoxicillina e acido clavulanico passano nel latte materno.
I bambini in allattamento possono sviluppare sensibilizzazione, diarrea, candidosi delle mucose orali. Durante l'assunzione del farmaco Amoxiclav ® è necessario risolvere il problema di interrompere l'allattamento.

Metodo di somministrazione e dosaggio

Dentro.
Il regime posologico viene impostato individualmente in base all'età, al peso corporeo, alla funzione renale del paziente, nonché alla gravità dell'infezione..
Si raccomanda di assumere Amoxiclav ® all'inizio di un pasto per un assorbimento ottimale e per ridurre i possibili effetti collaterali a carico dell'apparato digerente..
Il corso del trattamento è di 5-14 giorni. La durata del corso di trattamento è determinata dal medico curante. Il trattamento non deve continuare per più di 14 giorni senza una seconda visita medica.
Adulti e bambini di età pari o superiore a 12 anni o di peso pari o superiore a 40 kg:
Per il trattamento di infezioni da lievi a moderate - 1 compressa da 250 mg + 125 mg ogni 8 ore (3 volte al giorno).
Per il trattamento di infezioni gravi e infezioni del tratto respiratorio - 1 compressa da 500 mg + 125 mg ogni 8 ore (3 volte al giorno) o 1 compressa da 875 mg + 125 mg ogni 12 ore (2 volte al giorno).
Poiché le compresse di una combinazione di amoxicillina e acido clavulanico, 250 mg + 125 mg e 500 mg + 125 mg contengono la stessa quantità di acido clavulanico - 125 mg, 2 compresse da 250 mg + 125 mg non equivalgono a 1 compressa da 500 mg + 125 mg.
Pazienti con funzionalità renale compromessa
L'aggiustamento della dose si basa sulla dose massima raccomandata di amoxicillina e viene effettuata tenendo conto dei valori di clearance della creatinina (CC).

QCRegime posologico del farmaco Amoxiclav ®
> 30 ml / minNon è richiesto alcun aggiustamento del dosaggio
10-30 ml / min1 compressa da 500 mg + 125 mg 2 volte / die o 1 compressa da 250 mg + 125 mg 2 volte / die (a seconda della gravità della malattia).
30 ml / min.
Pazienti con funzionalità epatica compromessa
Amoxiclav ® deve essere preso con cautela. È necessario effettuare un monitoraggio regolare della funzionalità epatica.
Non richiede la correzione del regime posologico per i pazienti anziani. Nei pazienti anziani con funzionalità renale compromessa, la dose deve essere aggiustata come per i pazienti adulti con funzionalità renale compromessa..

Effetto collaterale

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), gli effetti avversi sono classificati in base alla loro frequenza di sviluppo come segue: molto spesso (≥1 / 10), spesso (≥1 / 100, dal tratto gastrointestinale
molto spesso: diarrea;
spesso: nausea, vomito. La nausea è più comunemente osservata con l'ingestione di dosi elevate.
Se i disturbi gastrointestinali sono confermati, possono essere eliminati assumendo il farmaco all'inizio di un pasto..
raramente: indigestione;
molto raro: colite associata ad antibiotico (inclusa colite emorragica e colite pseudomembranosa), lingua "pelosa" nera, gastrite, stomatite.
Dal fegato e dalle vie biliari
raramente: aumento dell'attività di alanina aminotransferasi (ALT) e / o aspartato aminotransferasi (AST). Queste reazioni sono state osservate in pazienti in terapia con antibiotici beta-lattamici, ma il suo significato clinico non è noto..
molto raro: ittero colestatico, epatite, aumento dell'attività della fosfatasi alcalina, aumento dell'attività della bilirubina plasmatica.
Sono state osservate reazioni avverse dal fegato principalmente negli uomini e nei pazienti anziani e possono essere associate a terapia a lungo termine. Queste reazioni avverse sono molto rare nei bambini..
I segni e sintomi elencati di solito si verificano durante o immediatamente dopo la fine della terapia, tuttavia in alcuni casi potrebbero non comparire per diverse settimane dopo la fine della terapia. Le reazioni avverse sono generalmente reversibili.
Le reazioni avverse dal fegato possono essere gravi, in casi estremamente rari sono stati segnalati decessi. In quasi tutti i casi, si trattava di persone con gravi comorbilità o persone che assumevano contemporaneamente farmaci potenzialmente epatotossici.
Dal sistema immunitario
molto raro: angioedema, reazioni anafilattiche, vasculite allergica;
Da parte del sangue e del sistema linfatico
raramente: leucopenia reversibile (inclusa neutropenia), trombocitopenia;
molto raro: agranulocitosi reversibile, anemia emolitica, aumento reversibile del tempo di protrombina, aumento reversibile del tempo di sanguinamento (vedere la sezione "Istruzioni speciali"), eosinofilia, trombocitosi.
Dal sistema nervoso
raramente: vertigini, mal di testa;
molto raro: convulsioni (possono verificarsi in pazienti con funzionalità renale compromessa, nonché durante l'assunzione di alte dosi del farmaco), iperattività reversibile, meningite asettica, ansia, insonnia, cambiamento nel comportamento, agitazione.
Dalla pelle e dai tessuti sottocutanei
raramente: rash cutaneo, prurito, orticaria;
raramente: eritema multiforme essudativo;
molto raro: dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson, pustolosi esantematica generalizzata acuta, una sindrome simile alla malattia da siero, necrolisi epidermica tossica.
Dai reni e dal tratto urinario
molto raro: nefrite interstiziale, cristalluria (vedere paragrafo "Sovradosaggio"), ematuria.
Malattie infettive e parassitarie
spesso: candidosi della pelle e delle mucose.
Altro
frequenza sconosciuta: crescita di microrganismi insensibili.

Overdose

Non ci sono segnalazioni di morte o effetti collaterali potenzialmente letali a causa di overdose di droga.
Nella maggior parte dei casi, i sintomi del sovradosaggio comprendono disturbi gastrointestinali (dolore addominale, diarrea, vomito) e squilibrio nell'equilibrio idrico ed elettrolitico. Ci sono state segnalazioni sullo sviluppo della cristalluria causata dall'assunzione di amoxicillina, che in alcuni casi ha portato allo sviluppo di insufficienza renale.
Le convulsioni possono svilupparsi in pazienti con insufficienza renale o in pazienti che ricevono alte dosi del farmaco.
In caso di sovradosaggio, il paziente deve essere sotto controllo medico, il trattamento è sintomatico. In caso di assunzione recente (meno di 4 ore), è necessario lavare lo stomaco e prescrivere carbone attivo per ridurre l'assorbimento.
Amoxicillina / acido clavulanico rimossi per emodialisi.

Interazione con altri medicinali

Antiacidi, glucosamina, lassativi, aminoglicosidi assorbono lentamente, l'acido ascorbico aumenta l'assorbimento. Diuretici, allopurinolo, fenilbutazone, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e altri farmaci che bloccano la secrezione tubulare (probenecid) aumentano la concentrazione di amoxicillina (l'acido clavulanico viene escreto principalmente per filtrazione glomerulare). L'uso simultaneo del farmaco Amoxiclav ® e probenecid può portare ad un aumento e persistenza nel sangue del livello di amoxicillina, ma non dell'acido clavulanico, pertanto non è raccomandato l'uso simultaneo con probenecid. L'uso simultaneo della medicina Amoxiclav ® e methotrexate aumenta la tossicità di methotrexate.
L'uso del farmaco in associazione con allopurinolo può portare allo sviluppo di reazioni allergiche cutanee. Non ci sono attualmente dati sull'uso simultaneo di una combinazione di amoxicillina con acido clavulanico e allopurinolo. L'uso simultaneo con disulfiram deve essere evitato.
Riduce l'efficacia dei farmaci, nel processo del metabolismo di cui si forma l'acido para-aminobenzoico, etinilestradiolo - il rischio di sanguinamento "breakthrough".
La letteratura descrive rari casi di aumento del rapporto internazionale normalizzato (INR) in pazienti con l'uso combinato di acenocumarolo o warfarin e amoxicillina. Se è necessario usarlo contemporaneamente agli anticoagulanti, è necessario monitorare regolarmente il tempo di protrobina o INR quando si prescrive o si interrompe il farmaco, potrebbe essere necessario regolare la dose di anticoagulanti per la somministrazione orale.
Con l'uso simultaneo con rifampicina, è possibile un indebolimento reciproco dell'effetto antibatterico. Il farmaco Amoxiclav ® non deve essere usato contemporaneamente in combinazione con antibiotici batteriostatici (macrolidi, tetracicline), sulfamidici a causa di una possibile diminuzione dell'efficacia del farmaco Amoxiclav ®.
Il farmaco Amoxiclav ® riduce l'efficacia dei contraccettivi orali.
Nei pazienti trattati con micofenolato mofetile, dopo aver iniziato l'uso di una combinazione di amoxicillina con acido clavulanico, è stata osservata una riduzione della concentrazione del metabolita attivo, acido micofenolico, prima di assumere la dose successiva del farmaco di circa il 50%. I cambiamenti in questa concentrazione potrebbero non riflettere accuratamente i cambiamenti generali nell'esposizione all'acido micofenolico..

istruzioni speciali

Prima di iniziare il trattamento, è necessario intervistare il paziente per identificare una storia di reazioni di ipersensibilità a penicilline, cefalosporine o altri antibiotici beta-lattamici. Nei pazienti con ipersensibilità alle penicilline, sono possibili reazioni allergiche crociate con antibiotici cefalosporinici. Durante il corso del trattamento, è necessario monitorare lo stato della funzione degli organi ematopoietici, del fegato e dei reni. Nei pazienti con funzionalità renale gravemente compromessa, è necessario un adeguato aggiustamento della dose o un aumento degli intervalli tra le dosi. Al fine di ridurre il rischio di sviluppare effetti collaterali a carico del tratto gastrointestinale, il farmaco deve essere assunto durante i pasti..
È possibile lo sviluppo di superinfezione dovuta alla crescita di microflora insensibile all'amoxicillina, che richiede un corrispondente cambiamento nella terapia antibiotica.
Nei pazienti con funzionalità renale compromessa, nonché durante l'assunzione di alte dosi del farmaco, possono verificarsi convulsioni.
Non è raccomandato l'uso del farmaco in pazienti con sospetta mononucleosi infettiva.
In caso di colite associata ad antibiotico, interrompere immediatamente l'assunzione di Amoxiclav ®, consultare un medico e iniziare un trattamento adeguato. I farmaci che inibiscono la peristalsi sono controindicati in tali situazioni..
La cristalluria è molto rara nei pazienti con ridotta produzione di urina. Durante l'uso di grandi dosi di amoxicillina, si consiglia di assumere una quantità sufficiente di liquidi e mantenere un'adeguata diuresi per ridurre la probabilità di formazione di cristalli di amoxicillina.
Test di laboratorio: alte concentrazioni di amoxicillina danno una reazione falsa positiva al glucosio nelle urine quando si usa il reagente di Benedict o la soluzione di Fehling.
Si raccomanda di utilizzare reazioni enzimatiche con glucosidasi.
L'acido clavulanico può causare un legame non specifico dell'immunoglobulina G (IgG) e dell'albumina alle membrane degli eritrociti, con risultati falsi positivi nei test di Coombs.

Precauzioni speciali per la distruzione del medicinale non utilizzato.

Non sono necessarie precauzioni speciali per la distruzione di Amoxiclav ® non utilizzato.

Influenza sulla capacità di guidare veicoli, meccanismi

Con lo sviluppo di reazioni indesiderate dal sistema nervoso (ad esempio vertigini, convulsioni), si dovrebbe astenersi dal guidare e impegnarsi in altre attività che richiedono una maggiore concentrazione di attenzione e velocità delle reazioni psicomotorie.

Modulo per il rilascio

Imballaggio primario:
Compresse rivestite con film, 250 mg + 125 mg: 15, 20 o 21 compresse e 2 essiccanti (gel di silice), poste in un contenitore rosso rotondo con la scritta "immangiabile", in una fiala di vetro scuro, sigillate con un tappo a vite metallico con un anello di controllo con perforazione e fodera in polietilene a bassa densità all'interno.
Compresse rivestite con film, 500 mg + 125 mg: 15 o 21 compresse e 2 essiccanti (gel di silice), poste in un contenitore rosso rotondo con la scritta "immangiabile", in una bottiglia di vetro scuro, sigillate con un tappo a vite in metallo con un anello di controllo con perforazione e una fodera di polietilene a bassa densità all'interno o 5, 6, 7 o 8 compresse in un blister di alluminio duro verniciato / foglio di alluminio morbido.
Compresse rivestite con film, 875 mg + 125 mg: 2, 5, 6, 7 o 8 compresse in un blister di alluminio duro verniciato / foglio di alluminio morbido.
Imballaggio secondario:
Compresse rivestite con film, 250 mg + 125 mg: un flacone in una scatola di cartone insieme alle istruzioni per l'uso medico.
Compresse rivestite con film, 500 mg + 125 mg: un flacone o uno, due, tre, quattro o dieci blister da 5, 6, 7 o 8 compresse in una scatola di cartone insieme alle istruzioni per l'uso medico.
Compresse rivestite con film, 875 mg + 125 mg: una, due, tre, quattro o dieci blister da 2, 5, 6, 7 o 8 compresse in una scatola di cartone insieme alle istruzioni per l'uso medico.

Condizioni di archiviazione

In un luogo secco a una temperatura non superiore a 25 ° C.
Tenere fuori dalla portata dei bambini.

Data di scadenza

2 anni.
Non utilizzare il farmaco dopo la data di scadenza stampata sulla confezione.

Condizioni di vacanza

Dispensato su prescrizione medica

fabbricante

Titolare dell'IF: Lek dd, Verovshkova 57, 1526 Lubiana, Slovenia;
Prodotto da: Lek dd, Perzonali 47, 2391 Prevalje, Slovenia.
I reclami dei consumatori devono essere inviati a Sandoz CJSC:
125315, Mosca, Leningradsky prospect, 72, bldg. 3.